Napoli. Se dovete parlare male della Figlia d”o Marenaro, esagerate

Più del pop c’è solo l’ultra pop. Il 2018 sarà l’anno del colore ultraviolet. Lo vedremo ovunque ci spiega la nota ufficiale rilanciata in questi giorni. Sfilate, beauty, arredo casa e ovviamente tavole e cibo.

L’Ultra violet, il 18-3838, è il colorePantone del 2018. Una tinta audace simbolo di creatività e di originalità che succede al ben più rilassante verde Greenery di quest’anno. “Illumina la strada a venire”, spiegano dal quartier generale a Carlstadt nel New Jersey.

L’ho messo subito in relazione a un altro ultra, appunto pop, che ha chiuso una giornata densa di eventi e presentazioni: il calendario del ristorante ‘A Figlia d”o Marenaro a via Foria a Napoli.

Oltre, Al di là. Più che. Assunta Pacifico è una donna che ha energia da vendere. Figlia di Raffaele ‘O Marenaro, “Papucc ‘o Marenaro”, e di Maria l’Acquaiola come ricorda in ogni occasione di presentazione ha costruito la fama del suo ristorante, proprio di fronte all’Orto Botanico, sulla zuppa ‘e cozzeche, la zuppa di cozze della tradizione partenopea. Ha imparato a farla alla tenera età di 7 anni nel ristorante del padre a Porta Capuana e la ritrovate nel ristorante aperto nel 1955 (!).

Una zuppa che ha il suo segreto e che mai e poi mai Assunta vi svelerà. E non lo faranno il marito Nunzio Scicchitano e i suoi tre figli, Giuseppe, Maria e Carmela.

Buona, buonissima, il vero flagship di un ristorante che vi colpirà per gli eccessi, decorativi e di generosità dell’offerta.

Il vestivamo alla marinara è declinato, ovviamente, in chiave pop e mentre mangerete la vostra zuppa di cozze l’occhio e la pancia si diletteranno con gli antipasti e i fritti, i primi piatti e il pesce.

Assunta Pacifico ha un motto che declina in tre parole: Pulizia, Qualità e Tanto Cuore che ama ripetere a garanzia di un’offerta genuina come il carattere verace della sua squadra. Una famiglia allargata sempre pronta a sostenere le iniziative di Assunta Pacifico.

Come questo calendario, il cui ricavato verrà interamente devoluto all’ospedale Pausillipon, che festeggia le cozze in immagini in bianco e nero e scorci di una Napoli che vuole continuare ad essere sempre stessa.

Esagerando come ha ripetuto con il suo altrettanto famoso slogan: “Se dovete parlare male d”a Figlia d”o Marenaro, esagerate”.

Io esagererei con una bella zuppa di cozze.

E forse a Assunta Pacifico consiglierei di virare il viola del suo sito verso l’ultraviolet.

‘A Figlia d”o Marenaro. Via Foria, 182. Napoli. Tel. +39 081.440827


- martedì, 19 dicembre 2017 | ore 17:41

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This blog is kept spam free by WP-SpamFree.