Roma. Ballad Caffè, musica jazz per un San Valentino diverso

14 Condivisioni

Aria di novità al Ballad Caffè, il tempio del jazz della capitale. Non c’è più il classico menù, ma le improvvisazioni di Andrea Zerilli, giovane chef chiamato per stuzzicare il palato dei clienti del club di San Lorenzo.

Il Jazz è da sempre sinonimo di improvvisazione e non è dunque casuale se proprio l’improvvisazione è l’essenza del Ballad Caffè anche per le scelte gastronomiche.

Lo chef prepara i piatti non solo secondo la sua ispirazione ma anche in base alla spesa della giornata che fa tutte le mattine al mercato di San Lorenzo cucinando ogni giorno ciò che il mercato offre. Non ci sono grandi frigoriferi nella sua cucina, quindi niente sprechi, niente di conservato. Quindi, tanta freschezza e semplicità dei prodotti, una cucina espressa, rispetto della stagionalità.

Al Ballad Caffè potrete consultare il menu scritto giornalmente sulla lavagna ed è l’unico modo per sapere cosa mangerete.

Anche se ci sono i piatti che appaiono regolarmente nel menu perché amati e richiesti dai clienti abituali.

Sono un flan di patate e zucca con crema di latte e tartufo (14 €), un pollo Ballad, marinato con spezie orientali e puntarelle romane (20 €), e un dolce dal sapore dell’infanzia e della merende delle nonne, ovvero pane e vino con lo zucchero (10 €).

Il Ballad Caffè accarezza con il sapore vintage della mise en place e dei bicchieri di cristallo che riportano immediatamente ai club degli anni ’20. Il locale è nato da un’idea di Nunzia Fiorini, già ideatrice e organizzatrice di successo del TramJazz, il progetto di musica dal vivo e ristorazione sui tram d’epoca in giro per la capitale by night.

San Valentino è alle porte, e Il Ballad Caffè ha pensato di proporre una romantica serata accompagnata da musica jazz, dalla voce di Cristiana Aecari e dalla fisarmonica di Natalino Marchetti, che saranno la colonna sonora del menu studiato apposta dallo chef.

‘Ma l’amore no’, è il titolo del concerto che presenta un florilegio delle più belle e romantiche canzoni degli anni ’40 del Novecento, tra film in bianco e nero e toilette da gran sera, tra sogni, amori perduti, passioni. Musiche allegre e melanconiche, beguine e “motivetti”, memorie del Bel canto e ritmi amabilmente sincopati.

Ed ecco il menù di San Valentino (40 € a persona vini esclusi)

Kir Royal
con amuse-bouche dello Chef  (tempura di mozzarelle in carrozza accompagnati da friggitelli al cioccolato)
Riso delle 1000 e una notte
(basmati, anice stellato, albicocche, prugne, anacardi, alloro, lime, paprica, cannella)
Roma-Tokyo
(Saltimbocca alla romana in salsa Teriyaki)
Soffice Maracuja, Lamponi e Cioccolato Piccantino

Ballad Caffè. Via di Porta Labicana 52. Roma. Tel. +39 339 6334700


- mercoledì, 14 febbraio 2018 | ore 13:52

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *