Vinitaly. Lega e 5stelle divisi anche sul vino

Non bastavano le polemiche sul governo-che-non-c’è, al Vinitaly i leader della Lega Matteo Salvini e del Movimento 5 Stelle Luigi Di Maio hanno ribadito la distanza delle loro posizioni anche sul vino. A chi sperava in una tregua ideologica, almeno di fronte a un bicchiere di quello buono, è toccata un’amara delusione. Salvini e Di Maio sono riusciti a evitarsi accuratamente non solo arrivando in fiera in momenti diversi (mattina l’uno, pomeriggio l’altro) ma puntando su zone vinicole molto distanti.

Matteo Salvini è rimasto fedele alla sua Lombardia, apprezzando il 9.9 (si legge novepuntonove), rosso prodotto da Alessia Berlusconi (figlia di Silvio) nella sua azienda La Contessa, a Montenetto nel bresciano, in regime di agricoltura biologica: si tratta di un marzemino in purezza fermentato in acciaio, che esalta i profumi tipici e la morbidezza del vitigno con un basso apporto alcolico (solo 9,5%).  Sempre entro i confini regionali, Salvini si dedica poi alla Valtellina, lodandone i nebbioli (o come in dialetto locale, chiavennasche) che danno vini sinceri, veraci, frutto di antiche tradizioni contadine. Senza risparmiare frecciatine in chiave enologica, offrendo idealmente al suo rivale a Palazzo Chigi “uno Sfurzat, perché è un vino di Valtellina e perché si deve sforzare di più”.

Dalla sua, Luigi Di Maio punta decisamente nel centro-sud, che tante soddisfazioni gli ha regalato nelle ultime elezioni, e si ferma nello stand dell’Irpinia, presente con ben 92 cantine – tra singoli produttori e consorzi -, e 10 milioni di bottiglie prodotte quest’anno delle denominazioni più prestigiose, tra cui il Fiano d’Avellino, 24%, il Greco di Tufo, 41%, e il Taurasi, 10%, vino importante, corposo e asciutto, ottenuto con uve aglianico (in percentuale non inferiore all’80%) e di origini antiche: se ne parla addirittura in epoca romana.

Per ipotesi, se si fossero incontrati a metà strada, allo stand della Toscana magari, i due leader avrebbero trovato finalmente un punto d’incontro: in fondo, un buon Sassicaia mette d’accordo tutti.


- lunedì, 16 aprile 2018 | ore 13:10

2 commenti su “Vinitaly. Lega e 5stelle divisi anche sul vino

  1. Deboluccio il vino di Salvini, per principianti. Umberto Bossi avrebbe puntato decisamente sul celodurismo di ruspanti barbere del Monferrato e bonarde. Di Maio, come Salvini, non si schioda dalla sua regione. Il Sassicaia è troppo internazionale, i due aspiranti primi ministri sono un tantino provinciali.

  2. Beh i nebbioli di Valtellina non sono affatto “debolucci”, soprattutto le riserve di alcune cantine sono tra i migliori rossi d’Italia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *