A quanto pare Carlo Cracco ha cambiato idea: quest’autunno ritorna in TV con un nuovo cooking game show intitolato Nella mia cucina.

Eppure aveva ripetutamente dichiarato di non avere nessuna intenzione di tornare in TV, magari spingendo all’estremo lo sketch che Masterchef gli aveva dedicato quando se ne era andato (ricordate il funerale con i suoi colleghi Barbieri-Bastianich-Cannavacciuolo attorno al feretro?), tanto da auto-considerarsi “morto” per la TV.

Ma l’altro giorno, durante la presentazione del palinsesto della stagione 2019/20 della RAI, Carlo Freccero, direttore di RAI2, ha annunciato la presenza di Cracco nella programmazione autunnale.

Il nuovo programma si chiamerà Nella mia cucina, andrà in onda nella fascia preserale del 2, dalle 19.35 (e si suppone fino all’inizio del TG2, quindi fin verso le 20.30), dal lunedì al venerdì, a partire dal 16 settembre, e sarà condotto da Cracco con la “webstar” Camihawke.

Fin qui le notizie assodate, consultando una dozzina di siti – non molto di più. Ho recuperato anche qualche altro dettaglio: Cracco sarà solo presentatore, dice un sito, e non vestirà la giacca da cuoco; e poi: i concorrenti dovranno replicare un piatto dello chef, i concorrenti saranno vip, la sfida sarà condotta in ambito familiare, il nuovo cooking show sarà un misto fra un dating show e un game show, la striscia sarà probabilmente replicata nel pomeriggio prima di Detto fatto. Chiaro.

Coincidenza: Cracco, che non era poi del tutto scomparso dai teleschermi, è testimonial della Scavolini – nota azienda di cucine e arredamenti. E forse ricorderete un nostro post di qualche tempo fa, in cui annunciavamo la ricerca di concorrenti per uno show Tv lanciata appunto da Scavolini. Che ci permette di precisare meglio cosa potrebbe accadere Nella mia cucina di Carlo Cracco: “Il programma sarà composto da 20 puntate e sarà ambientato in un set domestico dove due bellissime e performanti cucine modello Mia by Carlo Cracco saranno il teatro delle divertenti sfide. Co-produttore del nuovo format è, infatti, Scavolini. Il format vedrà uno chef fianco a fianco, o meglio, spalle contro spalle con un concorrente a cui dovrà spiegare, senza mai mostrarli alla vista, i vari passi per preparare un piatto. I due avranno a disposizione due cucine speculari, gli stessi ingredienti e gli stessi strumenti. Ad essere diverse, ovviamente, saranno la tecnica e la manualità dei protagonisti, aspetti che renderanno divertenti le fasi della preparazione e, soprattutto, il faccia a faccia a fine puntata, quando i due protagonisti dovranno confrontare il risultato.”

Niente vip, a quanto pare. Vedremo: le selezioni per i concorrenti sono terminate a giugno.

E Camihawke? Questo nome non mi è nuovo, dissi io usando la tipica espressione che utilizzo quando non ho la minima idea di cosa si stia parlando. In realtà sì, l’avevo già incrociata in rete, ma sono andato ad approfondire.

Un canale YouTube con 75.096 follower (anzi, 75.097: mi sono iscritto anch’io), una pagina Facebook con 578.000 mipiace e 620.000 follower, ultimo post il 27 giugno, 918.001 follower (l’1 sono ancora io…) su Instagram, dove un suo post, di ieri 11 luglio, un breve video per Loreal, ha mentre scrivo 641.203 visualizzazioni. La sua biografia? “La pasta al forno è il mio unico credo. Faccio tante cose ma non sono esperta di nulla perché rimango umile.”

Ma Camihawke oggi ha pubblicato anche un post in cui annuncia la sua nuova avventura televisiva: “Non senza fatica ho dovuto mantenere il segreto fino ad oggi ma finalmente è finito l’embargo e mentre saltello come un cucciolo di canguro per casa con un cappellino delle feste e una trombetta scordata posso dirvi che dal 16 settembre mi troverete su Rai2 alla conduzione del nuovo programma “‘Nella mia cucina” con l’unico solo ed inimitabile @carlocracco nazionale; immaginate la mia faccia quando all’epoca mi dissero che avrei potuto assaggiare i suoi piatti e che avrei sguazzato tra pentole e forchette tutto il giorno, praticamente il sogno della mia vita. Non so se sarò brava in queste nuove vesti, se vi farò sorridere o se deluderò le vostre aspettative, quello che so con certezza è che sono veramente felice di questa opportunità e che non vedo davvero l’ora di avere un vostro parere sincero. 
Ovviamente a Carlo ho detto che non sapevo neanche cosa fosse un leccapentole perchè avevo paura di essere interrogata e di far brutta figura, peró nel mio cuore ho registrato ogni singola ricetta e sono pronta per rifarle tutte a casa con voi.
Stei tuned. 🤞🏼🍴#nellamiacucina

Questo è tutto quello che è dato sapere a tutt’oggi. La notizia sembra essere stata accolta con favore, anche se diversi commentatori hanno avanzato qualche dubbio sull’originalità del programma: si paventa una copia di Celebrity Masterchef, programma che peraltro non sembra aver suscitato eccessivi entusiasmi. E – sarà bene precisarlo – si tratterà di un programma registrato, così da permettere allo chef di seguire i suoi ristoranti milanesi – Cracco in Galleria, Carlo e Camilla in Duomo, e Carlo e Camilla in Segheria. Lo precisiamo prima che inizino i commenti tipo “ma quando cucina?”, “uno chef che non sta in cucina non merita la stella”, “ormai è un personaggio televisivo e quindi nel suo ristorante non si mangia bene”.

Staremo a vedere – a meno che Chef Cracco non ci voglia anticipare qualcosa in più…

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui