Fase 2. Ristoranti e bar aprono da lunedì 11 maggio in Alto Adige

La Provincia Autonoma di Bolzano accelera i tempi di riapertura delle attività di ristorazione e approva durante la notte l'ordinanza 52/20

Tempo di lettura: 2 minuti

Bar, pub, ristoranti, gelaterie, pasticcerie riaprono in Alto Adige da lunedì 11 maggio.

La Provincia Autonoma di Bolzano fa valere la sua autonomia e il Consiglio provinciale altoatesino ha votato durante la notte il disegno di legge 52/20 che apre la fase 2 con 28 voti a favore, un voto contrario e 6 astensioni.

Già da oggi pomeriggio, al massimo da domani, cioè dopo la pubblicazione sul Bollettino ufficiale della Regione, ci saranno le prime aperture scaglionate secondo il calendario previsto dall’ordinanza.

  1. Oggi o domani è prevista la riapertura delle attività commerciali, produttive industriali e artigianali.
  2. Lunedì 11 maggio riaprono le attività di ristorazione e di somministrazione di alimenti e bevande – quindi bar, pub, ristoranti, gelaterie, pasticcerie – insieme a parrucchieri, barbieri, estetisti, centri estetici musei, istituzioni culturali, biblioteche e centri giovanili. Tutti dovranno rispettare le norme del distanziamento e le precauzioni sanitarie.;
  3. Lunedì 18 maggio sarà la volta dei servizi per l’infanzia con la previsione di gruppi ridotti.
  4. Lunedì 25 maggio riapriranno le strutture ricettive del territorio provinciale e gli impianti a fune.

Il testo dell’ordinanza prevede il divieto di assembramento, l’osservanza di una distanza di due metri, un adeguato rapporto tra superficie e persone per tutte le attività economiche che riapriranno.

I sindaci e le sindache potranno adottare misure più restrittive a seconda della situazione di ogni comune.

Gli spostamenti, all’interno del territorio provinciale e nel territorio trentino, sono liberi, mentre quelli verso altre regioni sono consentiti per ragioni di lavoro, di salute, di assoluta urgenza e per tutti gli altri motivi previsti dalla normativa statale

Ieri per l’Alto Adige è stato il secondo giorno consecutivo senza vittime e il governatore altoatesino Arno Kompatscher ha detto che “La legge ci darà lo spazio di manovra necessario per organizzare la vita sociale e il settore economico per i prossimi mesi nel modo più adatto possibile al nostro territorio. Per fare ciò, l’intera provincia e tutti i suoi cittadini si devono prendere una grande responsabilità, verso se stessi e gli altri. La ripartenza, infatti, potrà aver successo solo in sicurezza e se sostenuta dalla responsabilità da parte di tutti. E così, insieme, riusciremo a dimostrare che questa scelta autonoma è stata la scelta giusta. Abbiamo quindi il dovere di evitare una seconda ondata del contagio, agendo con prudenza e rispettando tutte le misure di sicurezza. Solo così renderemo onore e non vanificheremo gli sforzi fatti finora”. 

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui