Chef Rubio fa altro, a parte litigare sui social, questa volta con Parenzo?

Nuovo litigio social per Chef Rubio: questa volta sono volate parole grosse tra l’ex conduttore di Unti e Bisunti e il giornalista David Parenzo

Tempo di lettura: 1 minuto

Ennesimo litigio social per Chef Rubio, alias Gabriele Rubini. Parliamo dell’ex rugbista e cuoco, noto oltre che come polemista specializzato in baruffe su Twitter, per il ruolo di conduttore di Unti e bisunti, trasmesso dal 2013 al 2015 su DMAX.

All’infinita lista di antagonisti, che include anche un altro fumantino, lo chef Gianfranco Vissani, si è aggiunto questa volta David Parenzo. Ovvero il giornalista, conduttore radiofonico e televisivo (“La Zanzara” e “In Onda” su La7), discendente di una famiglia ebraica.

Tutto ha inizio con questo tweet di Chef Rubio che ha taggato Parenzo: “Il regime sionista, razzista, fascista, imperialista, antisemita israeliano offre spettacoli vergognosi ai più. Però che ce frega a noi eh?”.

Chef Rubio: il nuovo litigio social

La replica del conduttore televisivo, anche lui molto attivo sul social dei cinguettii, non si è fatta attendere. “Fermate ‘chef’ Rubio. Sta diventando pericoloso per se… per gli altri no perché lo considerano tutti un pirla“.

Non sappiamo se è così, ma la strabordante presenza social di Chef Rubio gli ha alienato parecchie simpatie tra i fan della prima ora, soprattutto quelli affezionati ai suoi programmi di cucina.

Come facilmente prevedibile, Rubio non ha mancato di rispondere a Parenzo rilanciando le sue posizioni sulla questione palestinese. “Chef, e pirla lo posso accettare da persone disagiate senza una vita sociale, non da un professionista chiamato in causa provocatoriamente per rispondere del silenzio vergognoso che l’Italia dedica a crimini e/o atteggiamenti razzisti del popolo israeliano. Vergognati”.

Ogni opinione è legittima, non vogliamo entrare nel merito. Peccato solo che l’ex volto Tv di Discovery, sembra ormai fare delle baruffe social la sua unica attività. O quantomeno la preferita.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui