Guida Michelin 2021 Pechino: tutti i ristoranti stellati della capitale cinese

Nella nuova edizione della Guida Michelin 2021 dedicata a Pechino ci sono 2 ristoranti tre stelle, 2 bi-stellati e 26 mono stellati

Tempo di lettura: 9 minuti
Guida Michelin 2021 Pechino

In Cina, meglio, a Pechino, è uscita la Guida Michelin 2021.

Il Paese da cui è partita la pandemia che ha messo alle corde la ristorazione in buona parte del mondo, tiene a battesimo l’uscita in piena seconda ondata del Covid. Anche se proprio la Cina ne è praticamente esente.

Nella nuova edizione – è la seconda – si contano 9 new entry: 1 ristorante a tre stelle, 1 a due stelle e 7 ristoranti a una stella. Numeri che testimoniano il dinamismo e la qualità della scena gastronomica della capitale cinese.

Con due ristoranti a tre stelle, due a due stelle, 26 a una stella, 17 Bib Gourmand e 51 ristoranti con il piatto, la Guida Michelin 2021 ha selezionato 98 ristoranti.

Con questa nuova edizione, la stella verde Michelin, che sottolinea le iniziative virtuose di ristoranti all’avanguardia della gastronomia sostenibile, fa la sua prima apparizione in Cina.

Le difficoltà della pandemia e la guida Michelin

Gwendal Poullennec Guida Michelin

“Nonostante le difficoltà incontrate nel 2020, i ristoranti di Pechino hanno dimostrato un’incredibile determinazione a superare la crisi e a dare una svolta alla loro attività, senza perdere la passione e il talento. Questa seconda edizione della Guida Michelin Pechino mostra un numero sempre crescente di locali eccezionali e una grande varietà di stili di cucina. Capitale storica e cuore culturale della Cina, Pechino è ricca di tendenze culinarie, specialità e competenze provenienti da tutto il paese e da tutto il mondo. Questo scrigno ricco e dinamico ha letteralmente affascinato i nostri ispettori”, ha commentato Gwendal Poullennec, direttore internazionale delle guide Michelin.

“A Pechino, chef e ristoratori continuano a migliorare e a riaffermare il loro impegno per una gastronomia sostenibile, come dimostra la prima stella verde del Paese. »

“Le particolari circostanze di questo anno straordinario non ci hanno impedito di pubblicare questa nuova edizione, attraverso la quale abbiamo voluto ribadire il nostro sostegno alla ristorazione locale”, ha dichiarato Kamran Vossoughi, presidente e CEO di Michelin Cina. “Lo sviluppo sostenibile ci riguarda tutti e, come azienda, Michelin lo prende molto sul serio. La visione sostenibile ispira e guida la strategia complessiva del Gruppo. In futuro, tutto alla Michelin sarà sostenibile. Questa è l’ambizione che perseguiamo e alla quale tutti i nostri dipendenti si dedicano. »

Un nuovo tre stelle Michelin a Pechino

Quest’anno il ristorante King’s Joy, che lo scorso anno si è aggiudicato una doppia stella nella prima edizione della guida, è in vetta con una terza stella. Il suo talentuoso chef, Gary Yin, elabora eccellenti ricette vegetariane utilizzando ingredienti di stagione che attirano in un vortice di sapori raffinati. I menu sono sviluppati con l’aiuto di un nutrizionista. Il menu degustazione prevede locusta di miele spinoso, furetto di Euryale e ninfea di piselli, riso accompagnato da un assortimento di funghi e resina di pesche. Piatti che valgono bene la deviazione!

Anche quest’anno, Xin Rong Ji (Xinyuan South Road) conserva le tre stelle per i suoi piatti indimenticabili e di straordinaria esecuzione, oltre che per la qualità del servizio. Pechino ha quindi due ristoranti a tre stelle.

Un nuovo ristorante due stelle Michelin

Un nuovo indirizzo si aggiunge alla selezione di due stelle: Jingji, ristorante specializzato in cucina imperiale ma anche esponente della cucina regionale. I suoi menù, che cambiano con le stagioni e sono proposti dallo Chef Shushuang Ye, sono composti principalmente da frutti di mare e verdure. Ottime le delicate zuppe, il montone essiccato all’aria con la focaccia o il tofu di mapo con anemone di mare. Servizio sontuoso e attento.

La cucina di Shanghai Cuisine, che continua a rivisitare in modo ingegnoso i piatti tradizionali di Shanghai con tocchi contemporanei, mantiene le sue due stelle. Il suo melone invernale brasato, che sembra molto semplice a prima vista, offre sapori profondi e duraturi. Anche le lumache di campo ripiene valgono una deviazione!

Sette ristoranti guadagnano la prima stella Michelin

Sette ristoranti hanno ottenuto la loro prima stella, arricchendo così uno straordinario scenario gastronomico. Tra questi, tre fanno la loro prima apparizione in guida: Poetry‧Wine (Chaoyang Gongyuan Road) che offre specialità tradizionali di Pechino; The Tasty House che serve principalmente piatti della provincia di Zhejiang-Jiangsu; Vege Wonder, ambasciatore della cucina sostenibile, che prepara piatti vegetariani semplici.

I nuovi ristoranti con il piatto

Quattro i ristoranti insigniti del piatto si aggiungono alla selezione stellata. Country Kitchen, specializzato nella cucina del nord della Cina e nella cucina moderna pechinese; Jing, un ristorante francese contemporaneo; Zhiguan Courtyard, che serve piatti tipici di Dongbei nel cuore di una galleria d’arte; Zijin Mansion, che esegue alla perfezione le ricette cantonesi.

In totale questa nuova edizione della Guida di Pechino raccomanda 26 indirizzi da provare.

La selezione dei ristoranti con il piatto nell’edizione 2021 propone 51 indirizzi che coprono più di 20 stili di cucina (stufati, ravioli, piatti tradizionali delle province dello Shandong e dell’Hunan, menu vegetariani, pechinesi, giapponesi, francesi, specialità italiane, cucina creativa).

I Bib Gourmand sono 17

bib gourmand

Oltre ai ristoranti stellati, la Guida Michelin ha introdotto nel 1996 il simbolo del Bib Gourmand che mette in evidenza i ristoranti con un ottimo rapporto qualità-prezzo. La fascia di prezzo è generalmente non superiore a 300 yuan a Pechino per tre portate, bevande escluse. Questa nuova edizione presenta in questa categoria molti ristoranti che servono specialità molto popolari provenienti da tutto il paese. Quest’anno, tre ristoranti si uniscono alla selezione Bib Gourmand: Niujie Halal Man Heng Ji (segnalato lo stufato d’agnello cotto alla brace); Pang Mei Noodles e il famoso Tong He Ju (Yuetan South Street), specializzato nella cucina dello Shandong (uova di seppia brasate su un letto di salsa agrodolce, filetti di merluzzo con una salsa a base di grani di distillatore e San Bu Zhan, tutti realizzati secondo antiche ricette).

In totale, la selezione Bib Gourmand comprende 17 ristoranti.

King’s Joy prende la prima stella verde della Cina

Guida Michelin stella verde

“Nel 2020, la Guida Michelin ha introdotto un nuovo pittogramma, la stella verde, per mettere in evidenza gli esercizi esemplari all’avanguardia della gastronomia sostenibile. Dopo la Francia, i paesi nordici, la Germania, la Slovenia e il Giappone, Pechino è la prima destinazione cinese a ricevere questo premio di nuova istituzione”, sottolinea Gwendal Poullennec .

King’s Joy è il primo ristorante della capitale a riceverla. Oltre ad attuare una serie di misure per ridurre il suo consumo di energia e di risorse, persegue azioni per promuovere uno stile di vita sostenibile.

La stella verde riconosce i ristoranti che, agli occhi della Guida, seguono un approccio virtuoso e realizzano iniziative nel modo in cui gestiscono il loro locale (origine dei prodotti, rispetto della stagionalità, riduzione e recupero degli sprechi alimentari, sensibilizzazione collettiva della clientela verso una gastronomia sostenibile).

I premi Young Chef Award e Service Award

Dopo Guangzhou e Shanghai, tocca a Pechino ospitare il Michelin Young Chef Award e il Michelin Service Award. Questi premi riconoscono gli uomini e le donne che, dietro i fornelli o in sala da pranzo, mettono la loro passione per la loro professione e il loro know-how al lavoro per creare un’esperienza culinaria indimenticabile.

Il premio giovane chef di quest’anno va allo chef francese Julien Cadiou che lavora presso il ristorante Jing. Residente nella capitale da diversi anni, Julien Cadiou si è integrato molto bene nella città. Oltre al la sua capacità in cucina, condivide la sua esperienza e il suo know-how con i membri della brigata che, grazie a lui, formano un affiatato team.

Il premio alla sala è stato assegnato a Liu Shiling per la sua gentilezza e la sua cordialità. Supervisore del ristorante a tre stelle Xin Rong Ji (Xinyuannan Road), è molto coinvolta in un ristorante che conosce bene e che è rinomato per la qualità del servizio al tempo stesso caloroso e discreto.

Tutti i ristoranti stellati a Pechino

tre stelle Michelin
 
King’s Joy (N)Vegetariana
Xin Rong Ji (Xinyuan South Road)Taizhou
due stelle Michelin
Jingji (N)Cuisine pechinese
Shanghai CuisineShanghai
una stella Michelin
Cai Yi XuanCantonese
Country Kitchen (N)Cucina pechinese
Cui Hua LouShandong
Da Dong (Dongsi 10th Alley)Cucina cinese contemporanea
Family Li Imperial Cuisine (Xicheng)Cucina pechinese
Fu Chun JuCantonese
Huaiyang FuHuai Yang
Il Ristorante – Niko RomitoItaliana
In Love (Gongti East Road)Hunanese
Jing (N)Cucina francese contemporanea
Jing Yaa TangCucina pechinese
Lao Ji TangShanghai
Lei Garden (Jinbao Tower)Cantonese
MioItaliana
Poetry‧Wine (Chaoyanggongyuan Road) (N)Cucina pechinese
PoetryWine (Dongsanhuan Middle Road)Cucina pechinese
Seventh SonCantonese
Sheng Yong Xing (Chaoyang)Cucina pechinese
The Beijing KitchenCantonese
The GeorgCucina europea contemporanea
The Tasty House (N)Jiangzhe
Vege Wonder (N)Vegetariana
Xin Rong Ji (Jianguomenwai Street)Taizhou
Xin Rong Ji (Jinrong Street)Taizhou
Zhiguan Courtyard (N)Dongbei
Zijin Mansion (N)Cantonese

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui