Il panettone di Iginio Massari sfidato da Fabrizio Galla. Allievo vs maestro

L’allievo Galla sarà riuscito a superare il maestro della pasticceria Veneto?

Panettone di Fabrizio Galla (uno) e panettone di Iginio Massari (due), guardateli bene qui sotto: non si somigliano?

Il due è il panettone dei panettoni. Esatto, quello del pasticciere più famoso d’Italia.

Ai fissati del genere basta uno sguardo per riconoscerlo.

Con i grossi canditi incastonati negli alveoli della pasta giallo cangiante, sormontata dalla glassa alle mandorle, come vuole la tradizione del panettone bresciano.

Panettone di Iginio Massari scatola

Uno invece è il panettone di un pasticciere legato al primo, benché sicuramente meno famoso. Non visualizzate un volto specifico se vi dico Fabrizio Galla.

Eppure parliamo di un pasticciere decisamente bernoccolato. Pasticceria a San Sebastiano, tra le colline torinesi e monferrine. Passato da allievo di Iginio Massari. Esperienze alla Farmacia, pasticceria del ristorante stellato Del Cambio di Torino. Presente da “Pasticcere dell’anno 2020” secondo la blasonata AMPI (Accademia Maestri Pasticceri Italiani). Fondata peraltro proprio da Iginio Massari, insieme a Gino Fabbri, altro “grande vecchio” della pasticceria nazionale.

Torniamo ai panettoni. Sono entrambi in stile bresciano. Ma le similitudini non si fermano qui. Iniziano dalla forma del contenitore, ma riguardano anche lo stile. Specie ora che Massari, dopo troppi anni di nero e oro, ha finalmente aggiornato il packaging optando per colori più allegri.

Forse, chissà, traendo ispirazione da Fabrizio Galla. La cui scatola comunica spensieratezza e classe, grazie all’uso di colori vivaci e linee stilizzate. Hanno tutte e due il manico gioiello che fa sempre chic.

Voti: Galla 9, Massari 8

Insomma, incuriositi dal rapporto maestro-allievo di Iginio Massari e Fabrizio Galla, oltre che da una certa somiglianza della confezione, abbiamo deciso di mettere a confronto due dei panettoni artigianali in assoluto più invitanti del Natale 2020.

Obiettivo dichiarato: capire se l’allievo ha superato il maestro.

Galla vs. Massari: il volume del panettone

A sinistra il panettone di Fabrizio Galla, a destra il panettone di Iginio Massari. Che è basso e meno voluminoso dell’altro. Anche più involuto, a un primo sguardo.

Panettone di Fabrizio Galla, panettone di Iginio Massari

Può darsi che le misure bonsai del panettone dipendano dall’adesione di Massari ai canoni estetici del panettone bresciano. Se è vero che l’occhio vuole la sua parte, tuttavia, il fisico bestiale del panettone di Galla conquista al primo sguardo.

Voti: Galla 10 – Massari 8

Galla vs. Massari: la crosta del panettone

Due foto, stessa illuminazione. La crosta del panettone di Galla è rugosa e più brunita. Imperfetto il mandorlato, con la glassa sparsa in modo poco omogeneo. Vista da sopra sembra già piluccata, noi però –giurin giurella– non l’abbiamo toccata.

Panettone di Fabrizio Galla

Enormi le mandorle, omogenea e rasente alla perfezione la glassa del panettone di Massari. Pare di sentire il timbro nasale della sua voce: Calma, io sono Massari e voi non siete un bip…

Voti: Galla 7 – Massari 10

Panettone di Iginio Massari

Galla vs. Massari: il profumo del panettone

È il momento della prova profumo. Annusiamo la glassa. Ora si spiega il motivo del colore (pure troppo) brunito della crosta di Galla. La cottura è appena un pò oltre.

Più freschi e invitanti i profumi del panettone di Massari. Sulle prime dominano le mandorle. Segue un profumo irresistibile di crema pasticciera. La tentazione di prenderlo a morsi diventa incontrollabile.

Voti: Galla 7 – Massari 10

Galla vs. Massari: il colore

Il colore è la zona confort dei due panettoni. Quel giallo caldissimo rassicura e consola in entrambi. Il pensiero corre alle uova, a galline felici, libere e razzolanti.

Panettone di Fabriddiq2

Due impasti di colore identico, perfino nelle nuance: da cosa può dipendere? Evidentemente i due pasticcieri seguono ricette molto simili. Del resto, nel panettone dosi e quantità non sono opinioni.

Voti: Galla 9 – Massari 9

Panettoni

Galla vs. Massari: pasta e canditi

Anche gli alveoli non differiscono troppo. I fori nell’impasto dovuti alla fermentazione sono allungati nel panettone di Galla, più piccoli e omogenei nel panettone di Iginio Massari.

Panettone Fabrizio Galla e Iginio Massari

Il panettone di Massari ha una quantità monstre di canditi. Quasi una pioggia. Ottenuti dalle arance calabresi, sono anche più brillanti di quelli usati dall’allievo. L’uvetta sultanina sei corone, succosa e dolce, inumidisce alla perfezione entrambi gli impasti.

Voti: Galla 8 – Massari 9

Galla vs. Massari: il sapore

Il confronto principale lo vince Massari di qualche incollatura. Calibrare con questa precisione gli ingredienti evitando le numerose trappole della preparazione prima e della lievitazione (tripla) poi, richiede infinita esperienza.

Voti: Galla 7 – Massari 9

Galla vs. Massari: prezzo

40 euro costa il panettone di Massari, 38 la versione del pasticciere piemontese. Prezzi sostenuti ma in linea con l’artigianalità dei prodotti. Si comprano (anche) online, entrambi senza intoppi. Avvertenza, di solito lo shop di Massari chiude durante il ponte dell’Immacolata. Dopo di che è inutile insistere.

Voti: Galla 7 – Massari 7

Okay, ma in definitiva, quale comprare? Ai punti vince Massari.

Diciamolo: l’allievo non ha ancora superato il maestro. Questione di poco, forse di esperienza. Il panettone di Massari è meno maestoso e appariscente, ma annusato, tagliato e messo in bocca supera il concorrente. Che non sfigura affatto, e considerata la levatura di Massari stupisce e conquista. Tenetene conto se dovere fare un regalo.

Specie se il panettone di Massari è soldout e lo shop vi chiude le porte in faccia. O se lo amate poco, dal momento che la simpatia non è esattamente la sua dote migliore. Sperando che l’allievo non superi il maestro proprio in questo.

Credit: Foto Alfio Bonina

4 Commenti

  1. Scusate ma il panettone di Massari non si è sviluppato e già solo quello ne dovrebbe decretare la sconfitta… poi a quelle cifre si deve pretendere la perfezione.

  2. Certo non è quello pubblicizzato nello shop (più simile al galla)… Ma io l’ho comprato diverse volte in passato e non l’ho mai visto sviluppato in altezza. PEr cui non credo sia un errore

  3. Come scrivete, se quello di Massari ha più canditi va da sè che essendo sempre 1 kg il totale allora ha meno impasto, motivo per cui cresce di meno. Inoltre i canditi appesantiscono, ma sono una esplosione di sapore e così deve essere (aggiungo che i canditi costano di più dell’impasto base)

  4. Se si guardano le foto sul sito di Massari, il panettone è alto, non come quello riportato qui. Quella dei tanti canditi non regge, ci vuole equilibrio tra i componenti. Ho comprato Massari (respect) per anni ma negli ultimi periodi mi sono rivolto altrove, a Brescia producono troppo (a livello industria) e spesso non bene (purtroppo), il profumo è sempre buono (nel bossolà commovente) ma consistenza (specie nel pandoro) e lievitazione mi hanno deluso.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui