Delivery: quando la consegna a domicilio della pizza diventa un autogol

Il delivery non è il futuro dei ristoranti per ragioni economiche, ma aiuta. A patto di fare bene la consegna a domicilio

Tempo di lettura: 3 minuti

Il delivery per i ristoranti non è il futuro. Per ragioni di soldi, prima di tutto. Il modello economico per trasformare le consegne a domicilio in un business redditizio devono ancora inventarlo.

La causa principale è la percentuale dello scontrino pretesa delle piattaforme di delivery. Che oscilla tra il 25 e il 35 per cento. Con tempi di rimborso settimanali, nella migliore delle ipotesi, estesi anche al 15 del mese successivo nella peggiore.

Altro problema: il vino. Senza la vendita, con annessi i necessari ricarichi, i conti dei ristoranti non tornano. E per approvvigionarsi, chi compra il vino non usa i delivery dei locali ma gli eCommerce dedicati.

Detto questo, dall’inizio della pandemia il delivery è stato un servizio essenziale per il mondo della ristorazione. Che è servito a mantenere i contatti con i clienti, le cucine aperte, e il cassetto non desolatamente vuoto.

A patto di farlo bene. Specie nel caso di una pizzeria. Cioè il tipo di esercizio che consegnava a domicilio già prima del lockdown di primavera, quando il delivery è diventato pratica diffusa un po’ in tutti i ristoranti italiani.

Al contrario, le cronache del dopo-Natale, evidenziano molti problemi nel servizio di delivery.

La pizza e il costo oscillante del delivery

La potenziale nuova cliente di una pizzeria, che trova il locale attraente e non vede l’ora di andarci, quando sarà possibile, decide per l’ordine a domicilio. Che come per molti altri locali passa attraverso la chat di WhatsApp.

Ma il servizio si rivela pessimo.

Delivery pizzeria

Il primo approccio da parte della pizzeria è abbastanza professionale. Più distanti dalla sede sono le consegne a domicilio, più i costi per il locale aumentano. È corretto informare i clienti della possibilità che il servizio non venga svolto se si supera una certa distanza.

Tuttavia, una volta detto che “non c’è problema”, il punto va archiviato. Non ci si può tornare sopra.

Pizzeria delivery

La richiesta, non solo di una recensione, ma addirittura di una recensione positiva preventiva, cioè prima ancora di ricevere e provare le pizze a domicilio, si può ascrivere ai danni prodotti negli anni da TripAdvisor.

Preoccupiamoci di far parlare i prodotti e i servizi, in questo caso la consegna a domicilio delle pizze. Dopo di che le recensioni positive arriveranno da sole.

Delivery pizzeria

Ecco il patatrac. Nel primo contatto la pizzeria ha dato al cliente un’informazione. Ma in una seconda telefonata la smentisce. E visto che l’informazione riguarda il conto, un conto maggiorato, è probabile che si ritorcerà contro la pizzeria stessa.

Il “dovrebbe ringraziarci” a fronte di un servizio reso male è la ciliegina sulla torta.

Ora, diteci voi: la consegna a domicilio per com’è stata affrontata da questa pizzeria, si è rivelata redditizia?

1 commento

  1. Considerando che uno si è lamentato e ne ha parlato pur non facendo il nome della pizzeria, mentre molti si saranno venduti per un paio d’euro di sconto, alla fine ha fatto bene il pizzaiolo truffatore… Io avrei passato direttamente la conversazione alla Guardia di finanza, certa gentaglia merita di fallire, è il caso che la pandemia porti almeno una conseguenza positiva, il fatto che resti aperto soltanto chi lavora come si deve che tanto avere pizzerie pessime ad ogni angolo di strada non serve a nessuno…

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui