pasta La Molisana cambio nome

Pasta: La Molisana cambia nome ai formati colonialisti, sparite le Abissine

Pasta: La Molisana, pastificio di Campobasso, cambia nomi ai formati colonialisti al centro delle polemiche. Le Abissine diventano Conchiglie

Notizie

Tanto tuonò che piovve, così, dopo le tonanti indignazioni social dei giorni scorsi, La Molisana cambia nome ai formati di pasta accusati di celebrare la stagione colonialista italiana.

Cancel culture o meno, da oggi, chi cercasse le “Abissine rigate” nel sito dell’azienda, come tra gli scaffali dei supermercati, non le troverebbe più. Rimpiazzate dalle più diplomatiche Conchiglie rigate.

Sparita dal sito anche la descrizione del formato di pasta che ha scatenato la guerriglia social dei giorni scorsi.

Negli anni Trenta l’Italia celebra la stagione del colonialismo con nuovi formati di pasta: Tripoline, Bengasine, Assabesi e Abissine. […]. Di sicuro sapore littorio, il nome delle Abissine Rigate all’estero diventa Shells, ovvero conchiglie”.

Il cambio di nome coinvolge altri due formati. Le Tripoline diventano Farfalline, le Tripoline lunghe Mezze fettucce ricce.

Termina così la vicenda che, per una leggerezza nella mancanza di controllo di alcune schede-prodotto, ha mandato di traverso la digestione a mezzo mondo social.

La famiglia Ferro, proprietaria del marchio La Molisana, aveva anticipato il cambiamento scusandosi per l’accaduto.

L’azienda ha più di 100 anni. Noi l’abbiamo rifondata nel 2011 e non abbiamo pensato a modificare quei nomi che, all’epoca, avevano tutti i pastifici. Ma l’errore c’è, cancellarlo non è possibile”, hanno aggiunto i titolari del pastificio di Campobasso, “ci impegniamo a revisionare il nome dei formati attingendo alla loro forma naturale”.

Tutto bene quel che finisce bene, allora.

Sicuri?

Noi invece temiamo che, indossato l’immancabile scafandro indignato, le truppe social sentenzino contro questa dilagante e subdola dittatura del politicamente corretto.

Con una sguaiatezza che produrrà grande fatturato per il pastificio di cui si discute con tanto ardore.