Agricoltura e Turismo: i due nuovi ministri del Governo di Mario Draghi

Il governo presieduto da Mario Draghi segna il ritorno del Ministero del Turismo autonomo e con portafoglio affidato a Massimo Garavaglia

Tempo di lettura: 2 minuti

Oggi, sabato 13 febbraio alle 12, i ministri del nuovo governo guidato dal Presidente del Consiglio Mario Draghi giureranno al Quirinale.

Le novità del governo di quasi unità nazionale – nato in un clima di attesa rinforzato dall’insolito silenzio di Draghi dopo le dirette Facebook del predecessore – portano in dote il Ministero del Turismo. Scorporato dalla Cultura diventa ministero con portafoglio, dunque con possibilità di spesa autonoma.

Un segnale importante per il mondo dell’enogastronomia legato a doppio filo al turismo. L’intero comparto si avvantaggia delle ricadute in termini economici dei turisti che spendono per acquistare prodotti di gastronomia, visitano le cantine, vanno al ristorante. Non è solo una derivata. La scelta di città e territori è una forma di turismo anche nell’ottica di raggiungere le mete gastronomiche rilevanti dell’Italia. È il flusso certificato, ad esempio, dalla Guida Michelin. La Rossa con le stelle indica i ristoranti che meritano un viaggio (tre stelle), una deviazione (due stelle), una tappa (una stella).

I nuovi ministri dell’Agricoltura e del Turismo

Massimo Garavaglia, esponente della Lega, è il Ministro del nuovo Ministero del Turismo “indipendente”. Già sottosegretario all’Economia nel Conte I, avrà voce in capitolo sulle riaperture dei ristoranti, degli alberghi, degli impianti sciistici e degli stabilimenti balneari. Tutte voci che hanno alimentato la battaglia politica del partito guidato da Matteo Salvini. In un anno di pandemia che ha messo a dura prova l’intero settore.

Il confronto in Consiglio dei Ministri sarà con il riconfermato Ministro della Salute, Roberto Speranza. Che è il firmatario delle ordinanze di assegnazione dei colori. La zona gialla, arancione o rossa brevemente autorizzano o meno l’apertura di bar, ristoranti e pizzerie per il servizio del pranzo.

Al Ministero dell’Agricoltura, quello della dimissionaria Teresa Bellanova che con le sue dimissioni (e con quelle dei colleghi Bonetti e Scalfarotto) aveva avviato la crisi di governo, arriva Stefano Patuanelli. Che dunque lascia il Ministero dello Sviluppo Economico. Patuanelli, in forza al Movimento 5 Stelle, lo ricordiamo in ambito food per l’ascolto dei “ristoratori ribelli” guidati da Pasquale Naccari.

E per aver interpretato il primo Dpcm di riapertura dopo il lockdown di primavera dichiarando in televisione il divieto dell’asporto di cibi e bevande. Subito smentito dall’allora presidente del consiglio Giuseppe Conte.

Dovrà gestire le risorse del Green Deal e scrivere la nuova Pac. E attuare il piano per la promozione del made in Italy agroalimentare all’estero in collaborazione con il Ministero che ha guidato nel Conte II.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui