Carlo Giannini pizzaiolo trovato morto

Trovato morto il pizzaiolo pugliese Carlo Giannini: indagini a Sheffield

Il pizzaiolo pugliese Carlo Giannini, originario di Mesagne, lavorava a Sheffield in un ristorante ed è stato trovato morto in un parco

Notizie

Aveva solo 34 anni, Carlo Giannini, ed era originario di Mesagne in provincia di Brindisi, il pizzaiolo pugliese trovato morto in Inghilterra.

Un passante ha intravisto il suo corpo in un parco di Sheffield la mattina del 12 maggio e ha avvertito la polizia. Ma la morte risalirebbe alla notte precedente cioè a quella tra l’11 e il 12 maggio 2022.

La polizia inglese ha aperto un’indagine e ha condiviso l’avvio delle ricerche con la cittadinanza. Una nota pubblicata sul sito delle forze dell’ordine ha lanciato un appello alla collaborazione che invita alla collaborazione chiunque abbia visto qualcosa.

La South Yorkshire Police ha pubblicato i fatti fino ad ora conosciuti sul proprio sito. “Siamo stati chiamati verso le 5:05 da un cittadino che ha riferito di aver trovato il corpo di un uomo mentre camminava a Manor Fields Park, fuori City Road”.

E poi l’appello: “Chiunque abbia informazioni che potrebbero aiutare le nostre indagini, che potrebbe aver visto o sentito attività sospette intorno al parco tra la scorsa notte (mercoledì 11 maggio, ndr) e questa mattina (12 maggio, ndr), o che potrebbe avere filmati delle telecamere a circuito chiuso che hanno catturato qualsiasi scena utile”, è pregato di contattare la polizia.

L’area del ritrovamento del corpo è off limits: la polizia scientifica sta ancora cercando prove per chiarire la dinamica dell’accaduto.

La notizia in Italia del pizzaiolo pugliese morto

I parenti di Carlo Giannini, secondo fonti investigative, sarebbero costantemente in contatto con il consolato italiano in Inghilterra e dovrebbero partire a breve per Sheffield.

Giannini si era trasferito per lavoro all’estero. Prima aveva cercato fortuna in Germania aprendo una pizzeria sua. Poi recentemente si era spostato a Sheffield per continuare a lavorare come pizzaiolo assunto in un ristorante della città.

C’è grande cordoglio tra i colleghi del giovane pizzaiolo emigrato, e tantissimi messaggi di saluto nelle pagine social della sua città natale, Mesagne.

“Di te ho ricordi legati agli anni più belli, quando ci riunivamo tutti al muretto delle nostre case estive: sempre ironico e spensierato, facevi da capo banda a tutti nelle calde giornate d’estate! Un ragazzo che ha lasciato la propria terra per potersi guadagnare un posto in società! Ciao Carlo!”. È il messaggio di saluto di un amico che ha pubblicato la foto del pizzaiolo con una pizza e le candeline.




Tags:
pizzaioli