Villa crespi 3 stelle michelin

Cannavacciuolo: 3 stelle Michelin per Villa Crespi. Sono 7 in tutto

Guida Michelin 2023 premia Cannavacciuolo con 3 stelle Michelin al Villa Crespi. Stella anche per Laqua Vineyard, e sono 7

Notizie

Tre stelle Michelin per Antonino Cannavacciuolo e il suo ristorante Villa Crespi, sul Lago d’Orta.

Questo è il verdetto della Guida Michelin 2023 che ha portato a 12 i ristoranti tre stelle Michelin italiani, aggiungendo alla lista il Villa Crespi di Cannavacciuolo a Orta San Giulio.

Ve lo abbiamo raccontato insieme a tutti gli altri risultati nella diretta sulla “Star Revelation” del pomeriggio da Corte Franca (BS), in Franciacorta.

Un traguardo inseguito dallo chef di Vico Equense fin dal 1999. Quando a 24 anni, da giovane cuoco promettente ma determinato come pochi, ha aperto il locale arrivato ora al massimo riconoscimento della Rossa.

Come tutti gli altri ristoranti che costellano l’avventura imprenditoriale di Cannavacciuolo, anche Villa Crespi, nuovo tre stelle Michelin, è gestito insieme a Cinzia Primatesta.

Ovvero la moglie dello chef, a sua volta figlia di ristoratori e albergatori.

Cannavacciuolo tre stelle Michelin: quanto costa il menu del Villa Crespi

Villa crespi 3 stelle Michelin

Il menu ”Traccia” del Villa Crespi che, come volevano le anticipazioni della vigilia, ha portato allo chef campano l’ambito riconoscimento, costa 190 €.

Ecco i piatti.

  • Il “Buon Viaggio”di Antonino Cannavacciuolo
  • Tonno vitellato… 
  • Riso Carnaroli, bottarga, midollo e ostrica 
  • Sedano rapa, frutto della passione, aglio nero 
  • Rombo chiodato, conchigliacei, alghe marine, taccole *
  • Pre dessert
  • Mela verde, cocco e caffè *

Per il menu degustazione ”Itinerario dal sud al nord Italia” è necessario aggiungere 30 €, visto che il costo delle 7 portate è di 210 €.

Questi sono i piatti che compongono il menu del nuovo tre stelle Michelin di Cannavacciuolo

  • Il “Buon Viaggio” di Antonino Cannavacciuolo
  • Scampi di Sicilia alla “pizzaiola”, acqua di polpo *
  • Linguina di Gragnano, calamaretti, salsa al pane di segale *
  • Triglia, zucchine alla scapece, provola affumicata *
  • Piccione, fegato grasso al grué di cacao, salsa al Banyuls *
  • Pre dessert
  • Pastiera…

Il più costoso dei 3 menu degustazione si chiama invece “Mettici l’anima” e costa 240 €.

Queste sono le portate.

  • Il “Buon Viaggio” di Antonino Cannavacciuolo
  • Animella al pomodoro, capperi, acciuga e levistico *
  • Rane al burro 
  • Spaghetto allo zafferano, ricci di mare, quinoa croccante *
  • Anguilla alla beccafico, fegato grasso *
  • Quaglia, scampo, salsa yakitori *
  • Pre dessert
  • Fragola, rabarbaro, habanero 

Come prenotare al Villa Crespi

villa crespi orta s giulio cannavacciuolo sala

Per prenotare un tavolo nel ristorante di Cannavacciuolo cui oggi la Guida ha assegnato tre stelle Michelin, è necessario andare sul sito del locale e compilare i campi alla voce “invia la tua richiesta di prenotazione”.

In questa pagina del sito sono disponibili tutte le spiegazioni.

Cannavaccioulo: stella anche per Laqua Vineyard

Oltre alle agognate 3 stelle assegnate dalla Guida Michelin 2023 al popolare giudice di Masterchef Italia, Antonino Cannavacciuolo ne ha aggiunta un’altra alla sua personale collezione.

Grazie al ristorante del suo Resort in Toscana, Laqua Vineyard.

Per l’esattezza, siamo in località Casanova delle Spinette, nel comune di Terricciola, provincia di Pisa, nella valle dell’Arno. 

laqua vineyard cannavacciuolo stella michelin

Anche in questo caso la facile previsione si è avverata, Laqua Vineyard, guidato dell’executive chef Marco Suriano, può fregiarsi della sua (prima) stella.

Aperto da poco più di quattro mesi, il più nuovo dei ristoranti di Cannavacciuolo, ha evidentemente soddisfatto tutti i requisiti che gli ispettori della Guida Michelin richiedono per l’assegnazione delle stelle.

I Menu del Cannavacciuolo Laqua Vineyard

laqua cannavaccioulo stella michelin

Cosa si mangia all ristorante neostellato Michelin Cannavacciuolo Laqua Vineyard?

Due i menu degustazione, Origini e Sorella Terra: sono gli stessi dell’apertura di giugno.

Menu degustazione Origini: 100 € a persona; abbinamento vini: 65 €

  • Benvenuto dello chef
  • Lardo di seppia, melanzana, pomodoro e arancia
  • Spaghetti, estratto di peperone, pil pil di cocotche, polvere di limone
  • Baccalà, tarte tatin di cipolle e consistenze
  • Pre dessert
  • Ciliegia, lemongrass, salvia, olio evo

Menu degustazione Sorella Terra: 120 € a persona; abbinamento vini: 80 €

  • Benvenuto dello Chef
  • Carne cruda alla pizzaiola, olive, capperi e origano
  • Risotto, salvia, burro acido, bottarga di pollo
  • Cappelletti
  • Piccione, insalata di patate e mela verde, chutney al rabarbaro
  • Pre dessert
  • Albicocca, birra, yogurt, pepe

LAQUA Vineyard. Via del Teatro, 8. Casanova di Terricciola (PI). Tel. +39 3667085649. Facebook

Nei Resort di Cannavacciuolo splendono altre 2 stelle Michelin

Il ristorante Laqua Vineyard si è aggiunto nel giugno 2022 alla Collezione Laqua Resorts creata da Antonino Cannavacciuolo e dalla moglie Cinzia Primatesta. Sono quattro Resort distribuiti lungo tutta Italia, da Nord a Sud. 

Oltre che al Cannavacciuolo Laqua Vineyard, una stella Michelin brilla anche su Laqua Countryside a Ticciano (Vico Equense, Salerno), con l’executive Nicola Somma. Ticciano è il paese natale di Cannavacciuolo, fra l’altro, e il nonno era custode di questa villa.

Gli altri resort sono Laqua by the Lake, sul Lago d’Orta, e Laqua by the Sea, a Sorrento.

Le stelle Michelin di Cannavacciuolo sono 7

cannavacciuolo bistrot torino dehors

Riassumiamo tutte le stelle Michelin di Antonino Cannavacciuolo, il cui merito va condiviso con la moglie Cinzia, e con gli chef e le squadre di tutte le strutture.

Tre stelle Michelin, notizia di oggi, vanno a Villa d’Orta, sul Lago Maggiore. Una stella Michelin a testa va ai bistrot di Novara (chef Francesco Manicone) e di Torino (chef Emin Haziri). Un’altra stella per Laqua Vineyard e per Laqua Countryside.

Il totale del personale firmamento stellato di Cannavacciuolo arriva al bel numero di sette.




Di Emanuele Bonati

Di Emanuele Bonati

"Esco, vedo gente, mangio cose" Lavora nell'editoria da oltre 40 anni. Legge compulsivamente da oltre 50 anni. Mangia da oltre 60 anni. Racconta quello che mangia, e il perché e il percome, online e non, da una decina d'anni. Verrà ricordato per aver fatto la foto della pizza di Cracco.