Il miglior vino per la pizza è il Lambrusco

Pizza e vino abbinamento possibile? Non saremo i primi a dire che si può e nemmeno ad Enologica avranno pensato di aver tagliato il traguardo per primi. D’altronde anche Oltreoceano hanno compiuto eguale sperimentazione e sono arrivati a scegliere un vino italiano, guarda te della regione Emilia Romagna. Indovinate quale? Ma l’occasione di un forno nel Tetro dei Cuochi e la presenza di Beniamino Biliali, pizzaiolo enzimatico di nouvelle vague, era troppo ghiotta per farsela sfuggire.

Ecco quindi lievito madre di farine biologiche macinate a pietra, 4 pizze e 7 vini per i possibili incroci. Obiettivo: indicare il miglior vino da pizza.

La selezione pizza ha previsto

  • Margherita (pomodoro San Marzano Dop, mozzarella fior di latte [ 🙂 ], basilico fresco)
  • ‘O fiore mio (fior di latte, burrata pugliese, prosciutto di Parma 24 mesi selezione S. Ilario)
  • Salsiccia e friarielli (fior di latte, salsiccia, friarielli al salto con aglio e peperoncino)
  • La Napoletana (pomodoro San Marzano Dop, alici, olive di Gaeta, capperi di Salina, origano)

  • Ernest+Neue. A.A Lago di Caldaro Classico Puntay 2010
  • Cortebianca. Franciacorta Extra Brut Cuvéè CorteBianca
  • Cà Rugate. Soave Classico Superiore Monte Fiorentine 2010
  • Chiarli. Lambrusco di Sorbara Del fondatore 2010
  • Umani Ronchi. Verdicchio dei Castelli di Jesi Superiore Casal di Serra 2009
  • Rocca del Principe. Fiano di Avellino 2010
  • Tenuta Fessina. Etna Bianco (carricante in purezza) A’ Puddara 2009

In giuria, oltre a me e ad Alessandro, ecco Gianni Fabrizio, Licia Granello, Antonio Boco, Giulia Capotondo, Paolo Scarpellini,  Anna Morelli (in bocca al lupo per il nuovo progetto!)

Dalla parte della pizza, non si può che dire che l’abbinamento principe è con il lambrusco. Quello con la margherita crea il giusto contrappunto al pomodoro San Marzano. Due belle spinte che rendono gradevole l’avvicendarsi tra boccone e sorso (e che a me fa sottolineare le possibilità del gragnano).

Anche la nota amara dei napoletanissimi friarielli si sposa con il lambrusco. E se avete a che fare con una napoletana come quella faentina in cui l’alice ha una bella presenza le scelte sono due: l’Etna di Tenuta Fessina (buonissimo anche da solo!) o il Fiano di Rocca del Principe. Il primo in completa armonia, il secondo per mantenere bella viva l’alice.

Infine, la pizza specialità di ‘O fiore mio con la burrata. Il Fiano ancora una volta va in vantaggio.

Alla fine ecco i vincitori di questo esperimento secondo i voti della giuria che è stata chiamata ad esprimersi.

Il miglior vino da pizza è risultato il Lambrusco in pratica all’unanimità
Il migliore  abbinamento Pizza&Vino è O fiore mio con il Fiano di Avellino.

Da segnalare anche gli abbinamenti più votati, Margherita-lambrusco e Napoletana-etna bianco

Foto: Gabriele Nastro



sabato, 19 novembre 2011 | ore 19:15

6 commenti su “Il miglior vino per la pizza è il Lambrusco

  1. …ho i miei dubbi e ho paura che il giutizio debba essere fortemente penalizzato e relativizzato dall’obbligo di scegliere fra quello che passava il convento: sono amante della pizza (buona) e di tutti gli abbinamenti provati per decenni, il massimo è stato quello con una Bufala e Basilico ligure abbinata ad un Criots Batard Montrachet del 2002 di Fontain Gagnard seguita da una pizza al Castelmagno con Amour de Deutz 1996…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This blog is kept spam free by WP-SpamFree.