Viaggio in Abruzzo | Niko Romito ti stupisce

Tempo di lettura: 4 minuti

Di nuovo in auto, di nuovo intorno a me montagne, la radio mi tiene compagnia con la dolce chitarra di John Fahey, ma non penso a cosa ascolto, pregusto l’incontro con Niko. Siamo diretti al suo Reale! Supero la galleria e davanti a me si apre l’altopiano delle cinque miglia, Roccaraso in fondo, la bellissima Pescocostanzo a lato, ma io sono diretto a Rivisondoli e al Reale: il più straordinario ristorante del centro sud Italia in questo momento.

niko-romito-reale-rivisondoli-ritratto

Niko Romito, giovane ed esperto padrone di questo ristorantino è in una forma spaziale. Da qualche anno non sbaglia un colpo in un crescendo impressionante. So già che ancora una volta mi stupirà, così ha fatto in tutte le mie visite degli ultimi anni: la sua cucina è apparentemente semplice e minimale, al completo servizio della nostra golosità. La cosa bella dei piatti di Niko è che non hanno niente di apparentemente concettuale e ampolloso, ma sembrano tutti giocati sull’immediatezza e la golosità. Piatti come l’assoluto di cipolla, o l’espressione croccante di lingua, o ancora il brodo di capra e dragoncello sono una festa per il palato; semplici e diretti senza ampollosità, ma dietro a questa immediatezza si può leggere tutta la tecnica che serve, tutto lo studio necessario privo però, di ogni esibizione e svenevolezza. In una parola, Niko non si fa seghe mentali!

niko-romito-reale-rivisondoli-ambienti

Da mesi sta rivoluzionando la sala con un servizio semplice ed efficace e con un’apparecchiatura essenziale e candida che pone in evidenza le belle basi antiche e moderne dei tavoli di legno, sui piani la semplicità monastica di un mollettone di lino, quasi materico. Una rivoluzione ma tranquilla e lineare, senza squilli di tromba secondo il carattere dei Romito e lo stile che la montagna impone.

niko-romito-reale-rivisondoli-appetizer

E’ la mia prima visita in questa nuova veste, mi stupisce subito il cambiamento importante, ma tutto giocato nel solco della tradizione e dello stile che in pochi anni hanno saputo creare i fratelli Romito. Sì, perché Niko è da sempre affiancato da Cristiana, sorella e metà del successo di questo locale: grazie alla sua cortesia discreta e all’occhio vigile, coordina con un solo sguardo la sala che gira che è un piacere.

niko-romito-reale-rivisondoli-tabella

Come sempre non guardo neanche il menù. Ma mi affido totalmente, come solo con un vecchio amico si può fare. Si comincia: una girandola di piatti da perdere la testa, alcuni classici per i miei ospiti alla prima esperienza e molti piatti nuovi per la gioia degli aficionados vecchi e nuovi. Difficile descriverli tutti, fissare la gragnuola di sensazioni ed emozioni: centrati, golosi, divertenti, buoni, notevoli, eccitanti i primi aggettivi che mi vengono in mente.

niko-romito-reale-rivisondoli-scampi

La novità della stagione sono i piatti di mare: il Reale si apre al pesce e ai crostacei delle vicine coste adriatiche, dopo anni di ortodossia terrestre, come il paesaggio montano consigliava, ma oramai i successi consentono di osare completamente per la nostra gioia. Si inizia con Patate scampi broccoletti e acciughe, spaziale e caratterizzato da questa nota verticale del fondo di acciughe: nella cucina di Romito i sapori sono sempre usati netti e diritti, non cercano mai l’amalgama e la rotondità, ma sempre le cuspidi e le acidità. Il Panino di baccalà è un gioco goloso e piacevole, nel solco della tradizione.

niko-romito-reale-rivisondoli-tortelli

Un mio commensale definisce “da cinema” i tortelli di carciofi burrata e rosmarino: ha perfettamente ragione, sono buonissimi, un’esplosione di carciofo che si lega perfettamente con l’estrazione di rosmarino e la dolcezza del latte della burrata. Spiazzanti i fusilli e gamberi, in tutto e per tutto giureremmo che quel colore brillante indichi un uso sapiente del pomodoro, la bocca quasi ne pregusta il sapore ingannata dal rosa intenso, ma all’assaggio capiamo che si tratta solo di gamberi di un grandissimo fondo di crostacei ottenuto dall’estrazione dei liquor delle teste e carapaci: l’essenza del sapore del mare in un piatto morbido e seducente. Non possiamo fare a meno di pensare che il medesimo piatto e procedimento con le Panocchie sarebbe l’essenza del nostro Adriatico. Si chiude alla grandissima con un nuovo straordinario dessert cioccolato, mosto d’uva, liquerizia e limone; descriverlo è difficile e soprattutto inutile, a quest’ora sarete già in macchina alla volta di Rivisondoli!
Io già sogno la prossima volta in cui mi siederò in questa sala candida e alle gioie che mi verranno regalate, per oggi sono finite.

niko-romito-reale-rivisondoli-tavolata

Ristorante Reale. Viale Regina Elena, 49 – Rivisondoli (L’Aquila). Tel. +39 0864.69382 www.ristorantereale.it

Foto: Francesco Arena

La prima parte della puntata di “Paesaggio Italiano” dedicata alla montagna abruzzese è qui.

14 Commenti

  1. BELLISSIMA QUESTA RECENSIONE
    SONO VERAMENTE CONTENTA PERCHE’ ESATTAMENTE FRA UNA SETTIMANA SARO’ A CENA AL REALE
    PROVO GIA’ UNA VERA EMOZIONE

  2. io c’ero, io ne ho goduto!!!
    di rientro dal Brasile non avevo altro desiderio di sedermi alla tavola del Reale.
    mai mi era capitato di riuscire a consumare tre pasti nello stesso giorno, ventuno portate, dodici ore sognando…
    chapeau!!!

  3. Solo ora apprendo questa bella notizia.
    La rete si arricchisce di nuova e seria professionalità. Complimenti ad Alessandro e a Scattidigusto.
    Fra l’altro, non potevi scegliere luogo migliore per il tuo esordio.

  4. Niko mi ha colpito per la forza della sua cucina e per l’asciuttezza della persona che è animata da una grandissima passione per la cucina e per la sua terra. Sarebbe difficile, altrimenti, pensare a un grande tempio del gusto quasi sperduto (al netto delle presenze in loco per le vacanze invernali) in quel di Rivisondoli.

    Mai nome fu più azzeccato: Reale perchè stai da re e perchè quello che mangi è reale anche se pensi di stare sognando. Quasi impossibile indicare il piatto della “giornata”. Forse gli spiazzanti fusilli al finto pomodoro e gambero Reale. Bellissimo da vedere nel suo fantastico gioco di colori.

    Devo un ringraziamento supplementare a Niko per averci accordato il permesso di scattare le foto di alcuni suoi piatti e di averci illustrato dal vero il progetto del Grande Reale. Una splendida giornata 🙂

  5. Che dire? Copio da Arcangelo: grande Alessandro e grande Niko! Per me Niko è veramente un fenomeno. Una gioia la sua tavola.
    Un grande chef e un grande ristoratore, è importante unire queste due capacità e non così scontato.
    Aggiungo che questo blog è molto ben fatto e Alessandro Bocchetti ha uno stile impeccabile, efficace, delicatamente evocativo, ottimo servizio.
    Un saluto a tutti
    Cristiana

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui