La Lega che non perdona: la sera a cenaTempo di lettura: 2 min

Volete partecipare ad una cena da mezzogiorno di fuoco nel vecchio Est? Pensate che la tradizione e le tipicità vadano rispettate ad ogni costo a tavola come ha più volte ribadito l’ex Ministro e Governatore del Veneto Zaia? Allora non perdetevi l’appuntamento di mercoledì 16 giugno a Villa Condulmer, un lussuoso 5 stelle di Mogliano Veneto con annesso ristorante. Qui Paolo Calia presenterà il suo libro “Gentilini, Sindaco Sceriffo”, edito per i tipi di “edizioniAnordest”. Un ritratto della storia del ProSindaco Giancarlo Gentilini (noto ai più come “Lo Sceriffo”, un’icona per la Lega Nord, simbolo di un modo di fare politica vecchio e di parte per i suoi avversari) presente anch’egli alla serata che ci dicono abbia bruciato 2.000 copie in pochissimo tempo l’anno scorso.

gentilini-cena-condulmer-02

E lo “Sceriffo” sarà presente alla serata che prevede tutta roba di territorio ad eccezione della Vaniglia Tahiti, ovviamente importata ma bilanciata ampiamente dalla presenza del Prosciutto Veneto di Montagnana DOP che dimostra come sia alta l’attenzione per i prodotti regionali e non per un generico prosciutto italiano. Il menu della serata, ideato dallo chef Marco Donadel e dal maitre Alessandro Zulian, presenterà “Lo Sformato De Bisi De Peseggia e Ossocollo Nostrano su Crema di Fave”, preparato con i prodotti del territorio seguito da “Il Risotto di Rustegot”, saporite e profumate asparagine selvatiche. Come piatto principale “Il Ruspante disossato ripieno di Prosciutto Crudo di Montagnana e Formaggio Tenero del Piave” (pollo ruspante, probabilmente), accompagnato da “Le Patate al Timo” e la “Peperonata dei Nostri Orti” (e qui, invero, credevo che il Peperone di Senise fosse quanto di meglio esistesse sul suolo nazionale e per converso non avevo mai pensato a Mogliano Veneto come zona di produzione di eccellenza di peperoni), prima di concludere in dolcezza con “La Frolla alla Frutta con Crema alla Vaniglia Tahiti”. Niente “leprotti” invece, di cui, qualcuno ricorderà, il sindaco sceriffo parlò a proposito dei perdigiorno extracomunitari dicendo che “Bisognerebbe vestirli da leprotti per fare pim pim pim col fucile” (qui e qui)

Non manca il patrocinio dell’Assessorato alla Cultura del Comune di Mogliano Veneto per le cinque serate di “A cena con l’autore” che a detta degli inventori vogliono proporre un’occasione unica d’incontro con gli autori di alcuni tra i più nuovi libri “made in Italy”. Ad ogni partecipante verrà regalata una copia del libro autografata.

Il tutto a soli 40,00 € a persona.

gentilini-cena-condulmer-sala-01

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui