Transformers. La (french) pizza si dà alla crème fraîche

Tempo di lettura: 1 min

La passione degli Americani per la pizza è cosa nota. La società di ricerche NPD si è preoccupata di contare quelle mangiate nel 2007 nei ristoranti degli Usa: 5,5 miliardi, una cifra superiore a qualsiasi altra pietanza, compresi gli hamburger.

Dopo Gennaro Lombardi, napoletano trapiantato a New York che apre nel 1905, a Manhattan, la prima pizzeria americana, generazioni di pizzaioli hanno fatto fortuna e trovato lavoro Oltreoceano preparando la più semplice delle pietanze, economica e declinabile in infinite farciture. Ultima in ordine di tempo la pizzeria di Donatella Arpaia, la ristoratrice di origini italiane iniziata all’arte della pizza dall’italianissimo Enzo Coccia.

proprietario-le-marche-du-sudr

Solo che sulla scia dell’entusiasmo per la tricolore pietanza può capitare di sentir dire, ad un ristoratore newyorkese che ha appena aperto una gastronomia a base di prodotti francesi al n.1136 di First Avenue (lui chiama Anthony Raggiri, intuibili origini italiane e un cognome che mette un po’ in allarme) che “la gente ama la pizza, quindi perché no una versione francese?

E così, accanto a croissant, couscous, condimenti, minestre, formaggi e salumi made in France, l’avventore del Marché du Sud potrà trovare l’Alsatian pizza, versione riveduta e corretta della più francese Tarte flambée (realizzata con impasto di pane e farcita con crème fraîche, lardo e cipolla) arricchita, per somigliare di più alla pizza, con frutti di mare, funghi e verdure (alla nizzarda, però!) Nostalgia per le origini italiane o solo Italian sounding?

[Fonte: Nytimes]

Foto: Florence Fabricant/ NyTimes

5 Commenti

  1. Ma la pizza non è un alimento protetto? come si può chiamare pizza un piatto che non lo è? Si discute tanto sui cinesi che fanno le contraffazioni e poi arrivano i francesi.

  2. La pizza napoletana è diventata da poco Stg, Specialità Tradizionale Garantita. Ma anche se la chiami alsaziana tanto regolare non dovrebbe essere!

  3. Prima di essere italiana la pizza fu araba. Quando comincia la “tradizione”? E che vuol dire “stg” nel nostro mondo mutevole, multitutto e globalizzato? Se esiste felicemente il “californian sushi” può esistere altretanto felicemente la “pizza alla francese”…

  4. ha risposto a Jean-Michel Carasso: Penso sia il momento storico a caratterizzare l’elemento della “tradizione” o la codifica di una STG.

    Come può risultare una forzatura una pizza Alsatian, mi ribellerei a una quiche napoletana. Il che non vuol dire non essere per la commistione delle culture. Significa non andare appresso all’italian (o french) sounding.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui