Web 2.0 per comprare prodotti italiani bio senza intermediari

Tempo di lettura: 1 minuto

Lo abbiamo tenuto a battesimo e oggi che, a rodaggio finito, Comprobio apre definitivamente i battenti, non possiamo non segnalarne il definitivo debutto.

La novità è che da oggi su Comprobio, il primo portale e-commerce di prodotti biologici italiani (marchio garanziaAiab) in vendita diretta (dal produttore al consumatore senza mediatori), è possibile effettuare gli acquisti. Quattro mesi sono passati dal primo approdo su Internet, mesi di acquisizioni che hanno portato ad una cinquantina i fornitori presenti nel portafoglio del portale tra alimentari, cosmetica e prodotti biodegradabili. Ora ai produttori si è aggiunto SpazioBio, il Consorzio di produttori già presenti alla Città dell’Altraeconomia, lo spazio romano dedicato agli scambi economici etici e a basso impatto ambientale.

“Il portale consentirà di fare acquisti in due modalità”, spiega Fabio Ferraldeschi dell’Ufficio Marchio AIAB. “La prima è la vendita da aziende bio sparse su tutto il territorio nazionale. In questo caso sono richiesti talvolta ordinativi minimi e il ritiro della merce presso il fornitore e la consegna al compratore vengono effettuati dal portale (consegna al costo di 8,5 euro anche per prodotti di più aziende, gratuita per acquisti a partire da 99 euro). La seconda modalità di vendita è al dettaglio (anche quantitativi molto limitati) e la consegna viene effettuata direttamente dai produttori del Consorzio SpazioBio”.

Il portafoglio dei clienti potenziali ha raggiunto in queste settimane quota 150 ma c’è da scommettere che, in un mercato in costante crescita (gli acquisti bio sono aumentati del 9% nei primi sei mesi dell’anno secondo un’indagine AcNielsen) e nel clima di incertezza che sta accompagnando l’allarme diossina (+70% le importazioni di uova biologiche italiane dalla Germania secondo FederBio), l’interesse per il portale sia destinato a crescere.

4 Commenti

  1. In questo periodo di allarme per gli scarsi controlli alimetari devo dire che trovo questo sito e-commerce molto interessante, amo il biologico e avere la possibilità di comprare direttamente dalle aziende è quello che cercavo. complimenti.

  2. Bella iniziativa, ma mi sembra che la filiera cErta che qui promuovete spesso venga meno per la parte della facile accessibilità alle informazioni sulle aziende. I passaggi per leggere il chi è diun’azienda sono laboriosi.

    Ho fatto una prova per cercare aziende vicino a me, ma non c’è un elenco che chiarisca dove sono. Random ho guardato il pugnalone e ho scoperto che si trova nel viterbese, ma nulla si dice ad esempio dell’azienda agricola Valentini (a proposito, ma che vuol dire “Con animosità, costanza e convinzione i prodotti dell’azienda sono diventati trasformati per la commercializzazione.”) che con un po’ di ricerca ho visto essere dalle parti di Tuscania

    Comprensibili le preoccupazioni commerciali e speriamo che l’iniziativa riscuota il meritato successo!

  3. ha risposto a Gennaro Maglione:
    Gentile Sig. Maglione, Le rispondo in qualità di responsabile dell’Ufficio Marchio di AIAB e coordinatore dell’iniziativa: sull’accesso semplificato ai dettagli delle aziende e alla creazione di un rapido sistema per identificarne l’ubicazione geografica, ci stiamo già lavorando per rendere più chiare le info.
    Sulla descrizione dell’azienda di Tuscania, cerchiamo di dare sempre ampio margine a quello che ci segnalano le aziende, essendo ComproBio uno spazio a loro dedicato.
    Siamo comunque consapevoli di aver creato qualcosa di realmente innovativo ed ogni consiglio costruttivo è senza dubbio ben accetto 🙂

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui