Castagne della Lunigiana e Formaggella del Luinese le nuove Dop italianeTempo di lettura: 2 min

Siamo a 225. E’ questo è il numero dei prodotti italiani, tra Dop (140), Igp (83) e Stg (2), entrati finora nel Registro europeo delle Dop e Igp. Gli ultimi in ordine di tempo sono la ‘Farina di Castagne della Lunigiana’ e la ‘Formaggella del Luinese’.

Per la Toscana è un’ulteriore conferma della sua vocazione castanicola. La protezione europea della Farina di castagne della Lunigiana si aggiunge infatti a quella della Farina di Neccio della Garfagnana Dop, del Marrone del Mugello Igp, del Marrone di Caprese Michelangelo Dop e della Castagna dell’Amiata Igp. Per la Formaggella del Luinese è un primato: quello di primo prodotto caseario preparato con il 100% di latte caprino ad avere ottenuto la tutela europea.

La zona di produzione della nuova Dop toscana ricade nella provincia di Massa Carrara dove l’altitudine e le condizioni climatiche conferiscono una particolare dolcezza al frutto, la cui farina, particolarmente vellutata, è il risultato della macinazione lenta negli antichi mulini a pietra.

La Formaggella del Luinese è un formaggio a pasta semidura prodotto da tempo immemore nella zona dell’Alto Varesotto. E’ preparato con latte caprino intero crudo ed è stagionato per un periodo minimo di 20 giorni.

Per l’Italia, in testa alla classifica europea delle eccellenze agro-alimentari riconosciute (1015 in tutto in Europa con la Francia al secondo posto e 183 prodotti riconosciuti e la Spagna al terzo con 148 denominazioni), le due new entry suonano come l’ennesimo riconoscimento ad un comparto, quello dei prodotti ‘garantiti’, che nel 2010 ha realizzato un giro d’affari di 9 miliardi euro di cui 2 miliardi grazie all’export.

Sono l’Emilia-Romagna e la Lombardia a svettare nella classifica dei fatturati regionali dei prodotti Dop e Igp, rispettivamente con 2,2 miliardi e 1,3 miliardi di euro mentre è il Veneto la Regione italiana con il numero più alto di prodotti iscritti nel Registro europeo delle Dop e Igp (35 in tutto, più dei 32 dell’Emilia-Romagna e dei 22 della Lombardia).

Fonte: helpconsumatori.it, agi.it, la stampa.it

Foto: lastampa.it, nadirpress.net, essenzalimentare.com

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui