Basterà un Responsabile cuoco al Governo per fermare la contraffazione?

Tempo di lettura: 1 minuto

“Sono un frequentatore di ristoranti, sono un buongustaio e soprattutto un buon cuoco: a tempo perso, molte volte, aiuto mia moglie in cucina”.

Nella squadra dei nove nuovi sottosegretarie e due consiglieri personali nominati con il rimpasto dell’Esecutivo c’è Antonio Razzi, transfugo dall’Italia dei Valori nei giorni del salvataggio del Governo Berlusconi. A lui è andata la poltrona di ‘consigliere personale del ministro delle Politiche Agricole e Forestali Saverio Romano (anche lui in provenienza dai Responsabili) con delega alla lotta alla contraffazione’.

La dichiarazione, resa ai microfoni del TG3, suona come una conferma che la competenza non è un optional tanto meno quando ci si occupa di contraffazione, la peggiore piaga dell’agroalimentare, settore strategico dell’economia italiana.

Ha motivo di sperare anche chi vola spesso in aereo, ha commentato il direttore di Radio Capital, Vittorio Zucconi, “potrebbe diventare ministro dei Trasporti!”

Fonte: TG3

Foto: lettera43.it, abruzzotv.it

4 Commenti

  1. lo dico è lo ripeto. Quest’uomo è un genio e la sua unica colpa è di essere stato valorizzato come merita troppo tardi! Spero che il nostro amato paese sia sempre rappresentato da cotanti personaggi e, nello specifico, sono felice che il Razzi possa difendermi dall’invasione del Parmisan o delle fettuccini bolgnese. Grazie a Berlusconi, grazie al Razzi, insomma!

  2. Trovo la risposta di Zucconi, stupenda come sempre…Sicuramente non basta frequentare ristoranti per essere un esperto di cucina e di contraffazione, anche perché le tecniche per contraffare le cose sono talmente sofisticate che solo i Nas (per fortuna esistono) riescono a scoprire, per esempio, i famosi prosciutti scaduti da anni, e, riportati in vita con punture di formaldeide, scoperti un paio di anni fa….
    Penso che noi foodblogger possiamo fare qualcosa per far capire alla gente che ci sono cibi sani, basta cercarli e non comprare solo le cose che costano poco, il prezzo è già un’indicazione…

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui