Mentre l’Italia taglia le feste, in Francia si celebra alla grande la nuova Festa nazionale della gastronomia francese. Il 23 settembre, Frédéric Mitterrand, ministro della Cultura del governo Sarkozy e nipote dell’indimenticabile Presidente François, apparirà sugli schermi televisivi di M6 nel programma “Un dîner presque parfait“.

Una data da sottolineare, questa prima giornata dedicata alla cucina d’Oltralpe, istituita dopo la sua inclusione nella lista dei beni Patrimonio dell’Unesco . Per festeggiare  la quale scenderanno in campo scuole di cucina, fornitori alimentari e 80 mila ristoranti con relativi chef che lasceranno aperte le porte delle cucine ai visitatori che vorranno fare capolino.

Una grande festa con la quale la Francia, dopo i risultati ottenuti a livello internazionale con il riconoscimento dell’Unesco, sferra l’ennesimo attacco a favore della sua gastronomia, perno dell’identità nazionale, da anni minacciata nella sua condizione di leader incontrastato.

Occorreva una celebrity molto speciale per affiancare i candidati “normali”, quelli che ogni giorno, alle 17,30, dal lunedì al venerdì, spadellano e sforchettano davanti alle telecamere del canale M6 per preparare raviolis, croissants, crème brûlée e fondant. La scelta è caduta su Fréderic Mitterrand, scrittore, attore, registra e attivista gay, figura a metà strada tra il mondo dello spettacolo e quello della politica. Che ha già girato le scene, a luglio, nella prestigiosa location del ministero della Cultura.

Appuntamento al 23 settembre, allora, quando Mitterrand preparerà per il popolo televisivo un intero pasto a base di piatti che “gli ricordano l’infanzia”. Sarà lui a fare la spesa, come prevede il format, a cucinare sui fornelli del ministero, ad apparecchiare tra i sontuosi saloni del Palais-Royal e ad accogliere gli invitati sulla soglia (sempre del ministero).

Ulteriori notizie sono sul portale del Ministero dell’Economia, delle Finanze e dell’Industria qui e qui.

[Fonte: lemonde.fr, terrafemina.com Foto: lemonde.fr, plusbellelatele.fr]

4 Commenti

  1. ha risposto a Alessandro Bocchetti: Ma hai visto cose tipo
    La Fédération française de la cuisine amateur organise une journée porte ouverte « Tous à l’école de cuisine » avec d’ores et déjà 40 écoles participantes
    o
    Opération de mise aux couleurs de la fête de la gastronomie dans des avions Air France en lien avec Servair le 23 septembre
    e
    L’engagement de la restauration collective (47 000 restaurants) à fêter la Gastronomie autour de déjeuners issus de produits du terroir

    QUARANTASETTEMILA ristoranti chiamati a festeggiare con prodotti del territorio. Ma se rispondono solo il 5% fanno 2.350….

    A me viene solo una parola che comincia per C

    Manco ce l’abbiamo più la compagnia di bandiera

    E c’è la federazione degli appassionati. Sarà sempre un orto ma probabilmente grande come Bois de Boulogne e non i giardinetti in mezzo alle rotonde. 40 scuole partecipano…

    Poi ci meravigliamo che l’Unesco ha dichiarato la cucina francese Patrimonio dell’Umanità e noi abbiamo dovuto condividere la Dieta Mediterranea e manco riusciamo a indicare un centro referente o qualcosa del genere.

    Vive la difference!

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui