Guida Michelin, Cuttaia brinda alle stelle con gli chef siciliani

Tempo di lettura: 2 minuti

Dopo Taormina e Ragusa, gli chef siciliani insigniti della stella Michelin sono tornati a brillare insieme ad Agrigento, al ‘3° Gala en l’honneur des Etoiles de la Gastronomie Sicilienne’. Una sintesi perfetta di creatività e sapiente maestria, sfociata in un menu inedito, con i sapori e i profumi del Mediterraneo. La cena si è svolta presso il ristorante “Il Granaio di Ibla” dell’hotel Villa Athena, nella cornice della Valle dei Templi.

C’erano l’ambasciatore dello Champagne in Italia Roberto Beneventano Della Corte, il direttore della guida rossa “Michelin Italia” Fausto Arrighi ed Enrico Briguglio de “Le Soste di Ulisse”, l’associazione che convoglia i migliori ristoranti e hotel di charme di tutta Italia. Il successo è stato garantito da una nutrita e selezionata brigata di cucina, coordinata da 4 cuochi stellati, e che complessivamente hanno deliziato il palato di circa un centinaio di commensali. Si tratta si Francesco Patti e Domenico Colonnetta (Ristorante Coria – Caltagirone), David Tamburini (Ristorante “Casa Grugno” – Taormina) e Pino Cuttaia (Ristorante “La Madia” – Licata), quartetto entrato nell’olimpo della cucina mondiale grazie alla citazione nella Guida Rossa Michelin.

A coordinare le operazioni in cucina, l’Executive Chef del ristorante Il Granaio di Ibla, Salvatore Gambuzza, autore dei delicati antipasti serviti in apertura sulla Terrazza degli Dei, con lo straordinario affaccio sul Tempio della Concordia, come simbolico riconoscimento agli chef, impegnati ore e ore nella preparazione e presentazione di ricette esclusive.

Il 3° Gala “Les Etoiles de la Gastronomie” si riconferma atteso appuntamento per la cucina d’autore che vuol guardare oltre i confini regionali e nazionali. Numerose le aziende che hanno sponsorizzato l’evento: Hotel Villa Athena, Champagne Steinbrück, Michelin, Electrolux, Acqua Filette, Mandranova, Dolceria Bonaiuto, Baroni della Corte, Champagne Louis Martin, AIS (Associazione Italiana Sommelier), Longino & Cardenal, Champagne Vieille France Albert Le Brun).

Epilogo della serata è stato il cin cin degli chef partecipanti insieme alla brigata di cucina. Un brindisi ai traguardi raggiunti nella gastronomia siciliana e alle prossime stelle che brilleranno nel panorama regionale.

I piatti:

Antipasti Disiu (Salvatore Gambuzza)

Agnellino da latte al carbone, crema di fava larga di Leonforte e sanapone (Domenico Colonnetta e Francesco Patti)

Battuto di merluzzo, melanzana e pomodorini al forno. (Domenico Colonnetta e Francesco Patti)

Polpo sulla roccia (Pino Cuttaia)

Etna (David Tamburini)

Uovo di seppia (Pino Cuttaia)

(Mario Sansone)

1 commento

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui