Roma. La Griglietta, trattoria di carne dove il tempo si è fermato

Tempo di lettura: 2 minuti

La Griglietta, in via Germanico – quartiere Prati a Roma, è una trattoria di quartiere dove il tempo si è fermato: si potrebbe essere negli anni sessanta varcandone la soglia o sedendosi ai tavoli approntati sul marciapiede.

Quasi come fosse un film della commedia bella italiana, i proprietari sono una coppia di signori di mezza età che da Amatrice ormai gestiscono il locale da decenni: lui sornione in sala, lei a dirigere la cucina ed a dominare la griglia del camino interno, la griglietta, appunto.

La clientela è quella di quartiere, quella abituale, quella del “dottò che le porto, oggi ho le polpette fresche fresche che a lei piacciono tanto!”. Basta sedersi fuori e lasciarsi servire “intanto che aspettate un antipastino”.

E l’antipastino puntuale arriva: il carciofo alla giudia che scrocchiarello ed abbrustolito non ti fa pensare al calendario, la crocchetta di patate vera e saporita, la polpetta di bollito dalla texture casalinga e dalla panatura impeccabile, il supplì che come quello delle nonne è sempre perfettibile, il fiore di zucca mozzarella ed alici che ti fa sentire a Roma e non potrebbe mai mancare e poi quella pizza scrocchiarella con rucola, fiordilatte e pomodorini che te ne mangeresti a volontà sapida e con l’olio buono.

“Un primo lo gradite? Gricia, matriciana, carbonara, pasta e ceci..?”. Meglio saltare per una cena tranquilla e saltare quei primi che sembrano uscire direttamente da una cucina casalinga: saporiti, abbondanti ma senza troppi sofismi.

Optiamo direttamente per qualcosa che metta alla prova la signora ed il camino: la tagliata di manzo danese.

Arrivano i piatti bollenti (a 60 gradi ci tiene a sottolineare il cameriere che è tutto un programma) a preannunciare l’arrivo della carne. Sul tagliere arriva la carne accompagnata da patate ripassate e radicchio grigliata, il cameriere più anziano avvia il rito del taglio “dottò ma è la carne che è morbida o il coltello affilato?” Vediamo: la carne sprigiona i sapori del camino, sembra di essere ad una grigliata estiva di campagna, la carne non è pulita dal suo grasso ed i sapori come il morso ci sono tutti, un piacere per lo spirito ed il palato.

Spazzoliamo un chilo abbondante di carne in pochi secondi, confezionando bocconi perfetti con le patate; saltiamo il dolce e chiediamo, è obbligatorio, un amaro.

Il conto è piuttosto leggero.

La Griglietta – Via Germanico, 170. Roma. Tel. +39 06.3211312

3 Commenti

  1. Be chi ha scritto questo commento mi ha tolto le parole di bocca. Sono andato spessa a mangiare dai Fr.lli Angelini e spesso mando i miei clienti.
    Il menù della recensione è quello ideale,. Nelle stagioni giuste si possono aggiungere anche degli eccellenti porcini.
    Complimenti per le foto che rendono perfettamente l’idea di quello che si mangia alla Griglietta.
    La Griglietta rimane una garanzia!!

  2. oggi 23 giugno 2014 leggo questa recenzione su gli amici Erminio e Mario e sono spinto di scrivere tante cose meravigliose riguardo alla loro cucina e alla tagliata che io amo tagliermela da solo. Li considero amici perche’ da loro e’ come stare a casa con gli amici a mangiare, gentili e disponibili, sempre, anche se non ci torni da tempo, sono li’ che mi aspettano, che aspettano tutti i clienti cosi come a me. Cucina semplice e apprezzatissima, ho nostalgia di loro e del loro locale anche se d’inverno ne esci come un frittino, ma d’estate con i tavoli fuori si riscattano anche di questo piccolo neo.
    Abito a Prati e vedere ora locali nuovi, tanti e tutti uguali alla moda non ho trovato qualita’ alla pari. Erminio, Mario preparatemi il caffe’ che dopo tutto queste parole me lo merito. Credetemi, voi che leggete, se vi dico che i “ragazzi” (settanta?) meritano una vostra visita perche Loro meritano Voi che sapete mangiare sano e di qualita’.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui