Gino Sorbillo e la pizza Gambero Rosso 2013. Sarà la Tre Spicchi 2014?

Pizzerie

Al “Nord” dicono Masaniello. A Napoli sono contenti di avere in squadra il Maradona della pizza. Gino Sorbillo non si è tirato indietro e quando ha letto delle premiazioni della guida del Gambero Rosso 2013 non ci ha visto più. Insieme a tutti i pizzaioli di Napoli i cui occhi sono diventati come la brace dei forni che accudiscono da sempre.

“Aver escluso dalla guida tutte le pizzerie di Napoli indistintamente non è stato segno di imparzialità e di credibilità. Possibile che in città non ci sia un esponente della pizza napoletana tradizionale in grado di meritare l’eccellenza?”

Domanda retorica e risposta uguale. La ritrattazione di Giancarlo Perrotta, che molto onestamente ha cercato di far comprendere i limiti che qualsiasi impresa può incontrare, non è stata presa benissimo dalle parti del Centro Antico, la “curva sud” della pizza.

E Gino, con la sua pizza promemoria, che ha conquistato Apple e messo i puntini sulle “i” per denunciare i privilegi della casta o festeggiare eventi, lancia il suo messaggio inequivocabile.

La pizza “Gambero Rosso” è il post-eat per tutti quelli che amano la pizza napoletana e vogliono difenderla. Qualcuno ha mangiato la foglia (di basilico) e sul Vesuvio spunta un punto interrogativo che ha reso un po’ strabico chi doveva raccontare e ha dimenticato capitoli importanti.

Non sono stati solo i pizzaioli a protestare. Il coro dei clienti e degli appassionati è praticamente una sola voce. C’è anche una signora che si è unita al coro di protesta. E quanto a voce e a tema della pizza non è seconda a nessuno!

Io te ‘ncuntraje
na vocca rossa comm’a na cerasa
na pelle prufumata ‘e fronne ‘e rose

io te ‘ncuntraje
volevo offrirti
pagandolo anche a rate
nu brillante
‘e quínnece carate

ma tu vulive ‘a pizza
‘a pizza, ‘a pizza
cu ‘a pummarola ‘ncoppa
cu ‘a pummarola ‘ncoppa

ma tu vulive ‘a pizza
‘a pizza, ‘a pizza
cu ‘a pummarola ‘ncoppa
‘a pizza e niente cchiù

io te purtaje
addó’ ce stanno ‘e meglie risturante
addó’ se mangia mentre ‘o mare canta
io te purtaje
entusiasmato ‘a tutte st’apparate
urdinaje
nu cefalo arrustuto

ma tu vulive ‘a pizza

io te spusaje
‘o vicinato e ‘a folla de pariente
facevano nu sacco ‘e cumplimente
io te spusaje
all’improvviso
tra invite e battimane
arrevaje
na torta ‘e cinche piane

ma tu vulive ‘a pizza

Di Vincenzo Pagano

Fulminato sulla strada dei ristoranti, delle pizze, dei gelati, degli hamburger, apre Scatti di Gusto e da allora non ha mai smesso di curiosare tra cucine, forni e tavole.