Mercoledì senza carne. Con un anno di ritardo sugli Stati uniti, e con la lancetta spostata in avanti di due giorni rispetto ai “Meatless Monday” lanciati dall’amministrazione Obama, anche in Italia sbarca la giornata di astensione dal consumo di carne.

Li ha lanciati la LAV (Lega Anti Vivisezione) che ha presentato i “Mercoledi Veg” nelle piazze italiane. E ha fatto i conti del risparmio, in termini di impatto ambientale, che tale astensione comporterebbe: “Con un menu senza prodotti di origine animale, una volta a settimana per un anno, una scolaresca può salvare 5 mila polli o 52 mila platesse e gli italiani ridurre le emissioni di Co2 corrispondenti a 1 miliardo e 600 milioni di km percorso con un Suv”.

Ai presenti la LAV ha distribuito un Ricettario di Alta Cucina Vegan dello chef Simone Salvini e una guida agli alimenti che non comportano, per approdare sulla nostra tavola, alcuna sofferenza del mondo animale.

L’invito ai Mercoledì Veg è rivolto anche ai ristoratori e alle mense che potranno aderire proponendo menu veg un giorno a settimana. Per chi, il mercoledì, si darà da fare tra i fornelli, delle due l’una (ma anche entrambe): c’è la rassegna di piatti senza carne proposta sul sito ufficiale dei Mercoledì Veg, Cambia Menu. Oppure il nostro ricettario veg.

[Link: lastampa.it Immagini di Donatella Papi]

5 Commenti

          • Non è mica detto che quella vegetariana e vegana debbano essere scelte esclusive! Si può aderire parzialmente perché non si è pronti per il “grande passo” e arrivarci gradualmente, ma anche sottoscrivere le ragioni ambientali senza sentirsi completamente dall’altra parte della barricata. Le possibilità sono infinite come deduco conoscendo persone che hanno rinunciato alla carne o anche al formaggio, alle uova… C’è chi diventa veg perché odia la carne, chi ci arriva per gradi escludendo gradualmente cibi che sopporta sempre meno, chi si preoccupa della sofferenza degli animali (ne sento parlare sempre di più), chi del fatto che produrre carne porta via risorse all’agricoltura e finirà per essere sempre meno sostenibile… E comunque, chi l’ha detto che non si possa essere vegetariani solo qualche giorno al mese?

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui