Davide Scabin insegna a Slow Food come fare la mensa buona e giusta

Tempo di lettura: 1 minuto

Davide Scabin

A lezione di mensa dai grandi chef. L’idea è dell’Università di Scienze Gastronomiche di Pollenzo (Cuneo). Che per l’iniziativa “Tavole accademiche” ha deciso di non farsi mancare nulla chiamando a raccolta qualche top chef del calibro di Davide Scabin di Combal.Zero di Rivoli (Torino), Giorgio Locatelli della Locanda Locatelli di Londra, Peppino Tinari di Villa Maiella di Guardiagrele (Chieti), cui seguiranno altri 24 chef di 9 nazioni distribuiti nei 12 mesi di corso.

Per l’Università presieduta da Carlo Petrini, fondatore di Slow Food, inizia così un nuovo anno accademico. Ha aperto le danze Scabin, in cattedra fino al 1° febbraio, con le sue “Combal space lasagne”, pietanza creata per essere lanciata presto verso la stazione spaziale internazionale insieme agli astronauti. Seguiranno Giorgio Locatelli (dal 4 all’8 febbraio) e Peppino Tinari (dall’11 al 15 febbraio).

Scopo del corso è insegnare agli aspiranti cuochi menu completi sostenibili, Slow Food-oriented ed economici (entro i 5 euro). All’inaugurazione era presente anche Oscar Farinetti, presidente dell’Associazione Amici dell’Università di Scienze Gastronomiche.

[Link: ansa.it]

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui