Prove di pizza per Festa a Vico 2013. Pasqualino Rossi e Stefano Callegari

Tempo di lettura: 2 minuti

Pasqualino Rossi

Vi avevamo lasciato con degli ottimi motivi per andare ad Alvignano a far visita a Pasqualino Rossi e gustare la sua pizza anche nella sua pizzeria “Élite”.  Noi ci siamo tornati, e abbiamo tutta l’intenzione di darvi qualche ulteriore incentivo che non tarderà a risvegliare un’irrefrenabile voglia d’assalto al cornicione che tra qualche giorno si consumerà anche a Festa a Vico nelle tre giornate del lunedì, martedì e mercoledì.

C’è Pizza e pizza, e l’ evergreen della cucina italiana nel mondo è sempre sotto pressione, stressata, al centro di querelle e liti tra intenditori più o meno capaci. Ma Pasqualino la pizza, la tratta con i guanti. Coccola l’impasto e lo strapazza quel che basta per dar vita ad un perfetto incontro tra sofficità ed elasticità. Gli ingredienti? I migliori che il territorio possa offrire.

pizza margherita Pasqualino Rossi pizza pomodoro piennolo olive Pasqualino Rossi

La Regina Margherita: cornicione alto, spessore soddisfacente, grandezza del disco appagante fin dal primo sguardo, mozzarella di Bufala chilometro zero (è quella di Mimmo La Vecchia). In più, un vezzo: acciughe.

Trionfa il pomodoro del Piennolo, lasciato magistralmente in tutta la sua freschezza, accompagnato da olive e capperi. L’impasto resta lo stesso, il cornicione è leggermente più croccante, ma la base lascia il ruolo di protagonista alla dolcezza sorprendente del pomodoro. Basilico fresco: “la morte sua!”

pizza scarola riccia Pasqualino Rossi pizza fiori di zucca Pasqualino Rossi

Ora passiamo ai pezzi forti, quelli che faranno tentennare la scelta tra un classico e un azzardo a cena. Motivo in più per tornare all’Elite ancora una volta:

Scarola riccia, olive, acciughe, capperi e mozzarella di bufala abbracciati dall’inconfondibile impasto. Se volete addentare una rock star delle pizze, fatevi sotto.

Fiori di zucca, provola e olive: personalmente sono rimasta folgorata dalla cottura che non ha per niente appassito il fiore freschezza, lasciandolo scrocchiarello. La provola regala mugugni d’approvazione ad ogni spicchio.

fetta pizza cacio e pepe Stefano Callegari  rosettone con soffritto Stefano Callegari

Ma se Pasqualino Rossi incontra Stefano Callegari, che si fa?

Cacio e Pepe: standing ovation per preparazione e gusto. Cubetti di ghiaccio adagiati sull’impasto steso e poi passato in forno il tempo necessario a far evaporare l’acqua in eccesso, lasciandone quanto basta a formare la cremina di formaggio inno alla romanità. Un giro d’olio extra e .. paradiso!

Rosettone col soffritto di mammà: doppio impasto, “du’ pallette” per dirla alla Callegari, un’apposita pressa per creare la forma tipica, e tanto, tanto ripieno.

pizzelle fritte

Anche le voglie degli irriducibili della pizzella fritta, saranno soddisfatte.

Insomma, se amate la pizza fatta veramente bene, un salto da Pasqualino Rossi è d’obbligo. Ovviamente, lo trovate anche in quest’edizione della Festa a Vico di Gennaro Esposito. E ci sarà anche Stefano Callegari.

Pizzeria Elite. Corso Umberto I. 81012 Alvignano (Caserta). Tel. +39 0823 869092

2 Commenti

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui