Gelati Di Vini, accorgersi in Sicilia che il nome è migliore di cono e classifica

Locali

gelati di vini ingresso

Come fai ad andare in vacanza nella Sicilia barocca senza visitare Ragusa Ibla e senza assaggiare un gelato da passeggio propiziato dalla serata calda? L’occasione giusta per entrare da Gelati Di Vini, alla 38a posizione della superclassifica delle migliori 50 gelaterie artigianali d’Italia.

Eccomi lesta entrare in questa bottega che ha metà l’anima dell’enoteca – e vende vini pregiati – e metà quella di gelateria. La sua particolarità sta nell’aver creato gusti di gelato al vino (da qui il nome). Nei cartelloni all’esterno leggo di Passito di Pantelleria, Brachetto d’Acqui e Moscato d’Asti. Insomma mi pregusto un gelato al Passito ma, ahimè, è terminato. In effetti c’è davvero tanta gente. Poco male prendo Brachetto e mi viene consigliato di accostarlo alla cannella: così faccio.

L’ambiente della gelateria è piccolo, se c’è molta gente è impossibile vedere i gusti all’interno. Due persone che servono e una alla cassa, con un prezzo minimo di 2 euro per il cono o coppetta piccola.

banco gelati di vini gelati di vini coppetta cono gelati di vini

Il gelato è buono e il gusto del vino si sente molto, l’accoppiata con la cannella va discretamente bene.

La delusione purtroppo arriva quando assaggio gli altri gusti scelti per il cono: cioccolato e crema al marsala, che non mi convincono del tutto. Le materie prime sono sicuramente eccellenti ma il gusto del gelato non rimane persistente e il cono in wafer, doppio per non sgocciolarsi addosso, non lo perdono a nessuno.

Rimane la domanda epica cui spero rispondiate: se l’ideatore di Gelati Di Vini non avesse avuto questa idea interessante di coniugare gelato e vino, ne avremmo mai sentito parlare?