Gambero Rosso 2014. Tre Forchette e Chef Emergente, le anticipazioni

Ristoranti

Inizia la stagione delle guide nazionali (quella di Roma e Milano è già passata prima dell’estate) e il Gambero Rosso come da tradizione apre le danze alla Città del Gusto. Da lunedì 7 ottobre sarà in edicola e in libreria Ristoranti d’Italia 2014 con il solito valzer di numeri in salita e in discesa che compongono la geografia della ristorazione italiana. Da Nord a Sud  più di 2.000 indirizzi sono stati recensiti dai “guidaroli” al comando degli instancabili curatori Clara Barra e Giancarlo Perrotta cui va l’ultima parola per l’assegnazione di voti, forchette, premi.

[related_posts]

L’attesa, come sottolinea in queste ore anche il sito del Gambero Rosso, è tutta per conoscere i nomi degli chef insigniti delle Tre Forchette 2014. Nella breve presentazione sullo shop, che lancia la cena delle Tre Forchette (180 €, 145 € per gli abbonati) e che segue la presentazione della guida del mattino, leggiamo che la giornata dedicata ai Ristoranti si concluderà “nel Salone degli Eventi con l’attesa cena che avrà per protagonisti dieci dei premiati, tra cui quattro dei neo-triforchettati”.

Roberto Petza

Almeno (o solo) quattro nuove Tre Forchette, quindi, con la quasi sicura partecipazione di Heinz Beck alla cena che si è lasciato sfuggire la confidenza durante il Taste of Roma. Di queste nuove forchette potremmo puntare sulla ruota della Sardegna con Roberto Petza del S’Apposentu a Casa Puddu di Siddi che ha conquistato la stella Michelin in questa stagione. Su Facebook parla di una grande notizia. Che sia questa?

post di Roberto Petza.

Stretto riserbo come al solito sui risultati e, a meno di clamorose uscite anticipate in libreria o in edicola come è accaduto negli anni scorsi, bisognerà attendere lunedì. Anche se qualche rumor all’ombra della Madonnina potrebbe rivelarsi più che fondato.

Voci di corridoio segnalano purtroppo anche qualche perdita di forchetta. Se fosse confermata, dovrebbe rinunciare all’Olimpo del 90 e più (le Tre Forchette scattano con un punteggio di almeno 90/100 mentre le Due forchette partono da 80/100) Mauro Uliassi. E sarebbe un peccato per la coppia di chef di Senigallia (Mauro Uliassi e Moreno Cedroni) non trovarsi in quell’equilibrio che da sempre scatena i fan dell’una o dell’altra tavola. Insomma, speriamo di aver sbagliato ad origliare sull’Adriatico come sui monti dell’Irpinia.

Alba Esteve Ruiz

Potrei invece scommettere sul terno secco sulla ruota di Roma con Alba Esteve Ruiz, la giovane chef anima del neo bistrot Marzapane. A lei quasi certamente andrà il premio Chef Emergente assegnato da S.Pellegrino e perorato da Giancarlo Perrotta che, assicurano in molti clienti, sia stato visto molto entusiasta alla tavola di via Velletri (il che potrebbe lasciare presagire anche la conquista delle Due Forchette a quota 80/81 e quindi in crescita rispetto alla guida di Roma). D’altronde il ristorante è sotto i riflettori con passaggi continui sui blog e sui media tradizionali e molti tifosi si aspettavano qualche cosa di più dopo la conquista del premio miglior Qualità Prezzo assegnato a Marzapane nella guida di Roma.

Un risultato che potrebbe risultare inaspettato soprattutto se si pensa che alla selezione per lo Chef Emergente di Luigi Cremona a Firenze, Marco Martini della Stazione di Posta ha battuto sul filo di lana proprio la Esteve Ruiz. E sarà Marco Martini a sfidare gli altri 2 concorrenti per il titolo finale di Chef Emergente 2013, mentre Alba Esteve Ruiz salirà sul palcoscenico dell’Area Gourmet per presentare la sua pasticceria.

Sempre da Roma, la conferma nazionale dei Tre Gamberi di Armando al Pantheon, che da poco è stato ristrutturato, mentre per mangiare bene spendendo poco si può andare al Papavero di Eboli che dovrebbe aver conquistato il premio Qualità/Prezzo.

Ovvio che se avete qualche altra anticipazione saremo ben lieti di accoglierla nei commenti!

Di Vincenzo Pagano

Fulminato sulla strada dei ristoranti, delle pizze, dei gelati, degli hamburger, apre Scatti di Gusto e da allora non ha mai smesso di curiosare tra cucine, forni e tavole.