Plumcake all'olio di Iginio Massari

Dici Iginio Massari e pensi, ora che si sta avvicinando il tempo di Natale, al suo panettone. Dolce che Gusto in Scena ha chiesto di sostituire proprio all’avvicinarsi delle festività al maestro della pasticceria che scenderà in campo durante Chef in Concerto, congresso di cucina in programma a marzo dell’anno prossimo a Venezia.

Il tema dell’edizione appena trascorsa ha chiuso la trilogia della Cucina del senza: dopo senza grassi del 2011 e senza sale del 2012, le feste del 2013 saranno all’insegna del senza dolce.

E Massari ha scelto di proporre agli appassionati gourmet “Cake all’olio d’oliva”, un dolce in cui lo zucchero è completamente assente. Non un plumcake qualsiasi ma un dolce per chi fa attenzione alla forma fisica, a chi fa sport, a chi non vuole rinunciare ai peccati di gola ma è attento alla salute. Proprio come, scommettiamo, siete voi.

Cake all’olio di oliva

Ingredienti

300  g di isomalt da incorporare
300 g di uova da incorporare alternando la farina
50 g succo d’arancia
3 g sale
2 bucce d’arancia grattugiata- scaldare a 40 °C e montare
10 g di lievito in polvere setacciare
300 g di farina bianca “00” da setacciare e incorporare versando in planetaria
160 g di olio d’oliva da incorporare in 4 volte
110 grammi di farina bianca “00”

Procedimento

Mettere nella bacinella della planetaria le uova, la buccia d’arancia, l’isomalt, scaldare fino a 40°C e montare con la frusta per 15 minuti.

Setacciare due volte la farina con il lievito.

Aggiungere la farina con il lievito versando a pioggia in planetaria e in prima velocità, mescolare bene.

Incorporare l’olio d’oliva versandolo in 4 volte, infine aggiungere la seconda farina.

Mettere la massa negli appositi stampi da cake rivestiti con l’apposita carta, tagliare longitudinalmente con una spatola immersa nell’olio d’oliva il dolce.

Cuocere a 180-190 °C: se il cake è più grande di g 300 la cottura è di 180 °C se più piccolo a 190 °C.

3 Commenti

  1. Va beh, è senza zucchero / saccarosio, ma c’è l’isomalto…ingrediente peraltro che può avere effetti poco piacevoli e il cui consumo non deve essere eccessivo…
    Non mi sembra una scelta “sana”, ma solo la sostituzione di un ingrediente con un altro, che non è zucchero, che ha meno calorie, ma non é per questo in’imgrediente sano!

    Rimango dell’idea che mangiare sano vuol dire mangiare di tutto, nelle giuste quantità. E se ho voglia di torta, me la mangio,agari solo una fettina ogni tanto, ma con tutti gli ingredienti normali.

  2. Ma l’isomalto ha 2,4 cal. contro 4 dello zucchero, quindi non proprio senza calorie. Comunque in alcuni casi ricette così “sedano” la voglia di dolce quindi perché no!

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui