Video. Il ristorante S’Apposentu che già applica il Jobs Act di Matteo Renzi

Tempo di lettura: 2 minuti

Roberto Petza

Agricoltura e cibo. La terra e la ristorazione sono al primo punto del piano di rilancio dell’Italia, insieme a cultura e turismo nel Jobs Act di Matteo Renzi che sarà svelato in tutta la sua interezza tra due giorni. Le leve della nuova economia passano per la tavola e per una serie di normative che faciliteranno l’impegno imprenditoriale. Anche di un ristorante.

Roberto Petza con il ristorante stella Michelin S’Apposentu e l’Accademia Casa Puddu offre un esempio di come sviluppare questo nuovo modello che mette insieme creatività e territorio. Siamo a Siddi, in Sardegna, ma potremmo essere in una qualsiasi parte dell’Italia che punta su cibo e territorio.

Io ho visto e ho assaggiato i risultati. Splendidi oltre la tavola di Capodanno con il suo cercare un continuo raccordo con la filiera del territorio che in questo caso è lontano dal mare più conosciuto dell’isola. Mi passa in secondo piano il Merluzzo che bruca il fieno, uno dei piatti del cenone di Capodanno che più mi è piaciuto.

Luigi Pomata

Non passa in secondo piano, invece, un’altra delle iniziative che fanno capo a Roberto Petza. E cioè Serviamo la Solidarietà, il tour degli chef che prevede serate di beneficenza per la popolazione sarda colpita dal nubifragio. C’è il quinto appuntamento domani, 15 gennaio. Ad ospitare la cena sarà il ristorante di Luigi Pomata a Cagliari. Il tour si regge sull’impegno degli chef sardi: oltre a Petza e Pomata, Leonildo Contis, Stefano Deidda, Pierluigi Fais, Achille Pinna, Franco Putzolu, Manuele Senis, Roberto Serra. E sul vostro aiuto.

ristorante Luigi Pomata

Questo il menu del 15 gennaio

Stuzzichino. Stefano Deidda
Antipasto. Muggine affumicato con caprino, mela verde e cipolla rossa. Achille Pinna
Antipasto. Pierluigi Fais
Zuppa. Brodo di gallina con erbe aromatiche, crudo di mare e raviolini di casu axedu. Roberto Petza/Manuele Senis
Primo piatto. Culurgiones di patate e menta su nero di seppia, julien di calamaro fresco e goccce di riduzione di gambero rosso. Franco Putzolu/Roberto Serra
Secondo. Tonno, Cipolle e cannonau. Luigi Pomata
Dolce. Nero assoluto. Leonildo Contis

Si può prenotare chiamando il ristorante di Luigi Pomata (Viale Regina Margherita 14. Cagliari. Tel. +39 070672058). Il costo della serata è di 55 €.

Intanto, avete altri modelli di integrazione tra tavola, territorio e turismo da farci vedere?

1 commento

  1. questa è vera integrazione culturale enogastronomica bravi e finalmente sardi dentro .sarebbe fantastico proporlo in estate in tutta la sardegna nei posti frequentati da stranieri sotto forma di cucina itinerante con vendita dei prodotti trasformazione a vista e spiegazione della storia della provenienza dei prodotti del territorio in cui ci si propone .

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui