Dolci di Carnevale. 50 indirizzi per un martedì grasso inarrivabile

Tempo di lettura: 7 minuti

dolci carnevale

Confesso il mio disinteresse per le maschere a Carnevale. Ho sempre e solo amato Balanzone e Pulcinella. Ma per motivi di osteria. Dalle lasagne ai dolci di Carnevale il passo è stato breve.

Prima le chiacchiere che sono la via italiana che unifica il martedì grasso.

Poi mi sono affinata e ho cercato di mettere insieme una mappa dei dolci di carnevale, dalle castagnole alle cicerchiate passando per fritole e sanguinaccio. Ho cercato di mettere insieme le esperienze per fornire qualche indirizzo utile alla causa: quello di fare di Carnevale i giorni più dolci e fritti dell’anno.

Vediamo se ci sono riuscita.

1. Frittelle

Frittelle carnevale Biasetto

Parto con il fritto nella radice della parola e quindi fritole. E dove se non a Venezia per il Carnevale più bello del mondo? Una passeggiata tra le calli la sera del martedì grasso a suon di spritz, tramezzini e toast da chiudere in bellezza con una fritola ripiena di quello che si preferisce. Le trovate da:

1. Tonolo. Calle de San Pantalon. Venezia. Tel. +39 041 523 7209
2. Pasticceria Bar Rizzardini. S. Polo 1415 Campiello dei Meloni. Venezia

Della vicina Padova è scontato citare le frittelle classiche, alle mele, alla crema, allo zabaione:

3. Biasetto. Via Jacopo Facciolati, 12. Padova. Tel. +39 049 802 4428
4. Graziati. Piazza dei Frutti 40. Padova. Tel. +39 049 8751014

Un salto a Trieste per due locali:

5. Jerian che ha diversi indirizzi.
6.  Eppinger via Dante Alighieri 2, Trieste. Tel. + 39 040 637838

E un altro vicino Gorizia:

7. Maritani Caffè Carducci. Via Duca d’Aosta, 83. Monfalcone (Go) | via Savoia 6. Staranzano (Go). Tel. +39 0481 412332

2. Chiacchiere

chiacchiere di carnevale

Sono completamente soverchiata dalla sequenza di ricette che in questi giorni hanno animato il web. Qui su Scatti di Gusto e anche su Dissapore. Dietro il titolo di ricetta perfetta sono sicuro si nasconda la mano di un pasticcere killer.

La lista delle pasticcerie che sfornano chiacchiere è lunga quanto tutta l’Italia. Parto da Verona dove mi sembra sia in auge la dizione galani:

8. Pasticceria Cordioli, in via Cappello 39. Tel. +39 045 800 3055
9. Pasticceria Dal Fior. Località Bixio, 32. Verona. Tel. +39 045 834 2440
10. Pasticceria Flego. Via Stella 13. Verona. Tel. +39 045 803 2471

E per una sorta di contrappasso geografico un po’ calcistico, volo a Napoli dove i nastri o bugie (o galani, appunto) cambiano nome: chiacchiere. Sospetto per la tradizione ciarliera della città. Io mi intratterrei a discutere davanti a un bel piatto di chiacchiere e un caffè in questi tre posti:

11. Gambrinus. Via Chiaia 1/2 – Angolo Piazza Triste e Trento. Napoli
12. Pasquale Marigliano c/o Eccellenze Campane che è vicino alla stazione ferroviaria di Piazza Garibaldi.
13. Caffè Moccia. Via San Pasquale, 21. Napoli. Tel. +39 081 411348
14. E senza troppo discutere andrei da Sabatino Sirica. Via Francesco Cappiello, 55. San Giorgio A Cremano (Napoli). Tel. +39 081 255 1672

E ritorno al nord per un altro classico del calcio: Torino.

15. Capello. Via Asinari di Bernezzo 48. Torino. Tel. +39 011.771.02.84
16. Pasticceria Medico. Via Martiri della Libertà, 4. Torino. Tel. +39 011 819 4319
17. Pasticceria Colosseo. Via M. Cristina 69. Tel. 011.650.53.95

Per passare a Milano:

18. Pasticceria Martesana. Via Cardinale Cagliero 14. Milano. Tel. +39 02 66986634
19. Fonte del Dolce. Via Bessarione 19 (interno cortile). Milano. Tel. +39 02 5392937
20. La Bottega dei Pasticci. Via Pietro Redaelli, 1, Milano. Te. 02 474427

E allungarmi a Roma dove diventano frappe:

21. Panificio Gabriele Bonci. Via Trionfale, 36. Roma. Tel. +39 06.39734457
22. Pasticceria Simona. Viale delle Repubbliche Marinare 50, Lido di Ostia (non accetta ordini)
23. Napoleoni. Via Appia Nuova, 592. Tel. +39 06.78359574

3. Sanguinaccio

sanguinaccio

Napoli, ho detto Napoli. Ma non sono le chiacchiere il dolce di carnevale della città. È il sanguinaccio, non mi dite che non lo sapete. Solo che ora, causa normative, il sanguinaccio è diventato cioccolattaccio. Niente sangue di maiale tra i suoi ingredienti (a meno di non volerlo fare a casa procurandosi il sangue non so come).

Io vi dico soltanto di assaggiarlo da

24. Umberto. Via Alabardieri 30/31. Napoli. Tel. +39 081. 418555
25. Bellavia. Via Luca Giordano, 158. Napoli. Tel. +39 081 578 9684
26. Tarallificio Leopoldo. Via Foria 212. Napoli. Tel. +39 081 451166
27. Oppure trovate una divagazione sul tema gelato con crema al doppio cioccolato, variegata con sanguinaccio e chiacchiere o savoiardi da Casa Infante che ha da poco aperto un nuovo laboratorio a via Toledo, 371. Ma mi corre l’obbligo segnalarvi l’utilizzo sfacciato di Nutella che per molti non sarà il massimo.

28. Per non farvi restare solo a Napoli, vi segnalo i migliori savoiardi da inzuppare nel sanguinaccio. Li fa la Pasticceria Tabiano. Viale alle Fonti, 7. Tabiano Terme (Parma). Tel. +39 0524 565233

4. Tortelli di Carnevale

tortelli Bastianello

I tortelli di Carnevale sono dolci fritti che mangio spesso a Milano. Ne esistono diverse varianti, da quella la “dietetica”, cioè vuoti, per lenire i sensi di colpa a quella con farcitura realizzata con creme e io vi suggerisco la Chantilly.

29. Pasticceria San Carlo. Via Matteo Bandello. Milano. Tel. +39 02 4812227
30. Bastianello. Via Borgogna 5. Milano. Tel. +39 02 7631 7065
31. E per acquistarli in versione bio, Namura. Via Castelvetro 16. Milano. Tel. +39 02 34534176
32. C’è anche chi li fa fuori al di fuori della Lombardia come  Alfieri. Corso Mazzini, 23b. Correggio (Reggio Emilia). Tel. +39 0522.632373

5. Zeppole

zippole Narbolia zippole

Una denominazione ampia, molto ampia. Si mangiano un po’ ovunque in Italia. Per me le  più carnacialesche sono quelle che preparano in Sardegna. Ci sono le tzìppulas di Narbolia, Cuglieri, Guspini, Marrubiu, Milis, Oristano, Ottana, San Vero, Seneghe, Terralba, Tramatza che fanno festa con una sagra dedicata. La ricetta è semplice, ma è l’abilità delle zipolaie a fare la differenza (e qui avete un video).

33. Se avete saltato la sagra a Narbolia, potete rifarvi alla Sartiglia di Oristano in programma il 2 e 4 marzo, cioè la domenica e il Martedì Grasso che chiude il carnevale. Una festa equestre, un palio con un semidio, le pariglie. E la possibilità di assaggiare le zippole negli stand gastronomici.
34. Altrimenti visitate Nino Vacca. Piazza Manno 7. Oristano. Tel. +39 0783.70665

6. Bignè di San Giuseppe

bignè San Giuseppe

Ora mi direte che c’entra San Giuseppe che è il 19 marzo con Carnevale? Non lo so, ma posso dirvi che appena scocca l’ora dei dolci di Carnevale, zac, nelle pasticcerie di Roma si materializzano i bignè di San Giuseppe. O al massimo, appena finisce Martedì Grasso. Ci tengo a precisare, comunque, che  sono cosa diversa dalle zeppole di San Giuseppe che possono essere fritte al forno. Per i bignè, abbandonate ogni speranza. Solo fritti.

35. Pasticceria Marcucci. Via Cassia, 2. Roma. Tel. +39 06 333 3501
36. Forno Campo de’ Fiori. Campo De’ Fiori, 22. Roma. Tel. +39 06.68806662
37. Bocca di Dama. Via dei Marsi 4. Roma. Tel. +39 06 4434 1154
38. Caffetteria Pasticceria Luperini. Via Val D’Ossola 54. Roma. Tel. +39 06 8718 2266
39. Biscottificio Innocenti. Via della Luce, 21. Roma. Tel. +39 06.5803926

7. Castagnole

castagnole

Non so se siano il Lazio sia la prima patria delle castagnole, dolce carnacialesco che ha plurimi passaporti. Un po’ come le chiacchiere. Ma certo a Roma ci sono un paio di indirizzi irrinunciabili.

40. Panificio Gabriele Bonci. Via Trionfale, 36. Roma. Tel. +39 06.39734457
41. Romeo Chef&Baker. Via Silla, 26A. Roma. Tel. +39 06.32110120
42. Roscioli. Via dei Chiavari, 34. Roma. Tel. +39 06 6864045

 8. Schiacciata Fiorentina

schiacciata fiorentina

A Firenze si mangia la schiacciata fiorentina, una dolce semplice panspagnoso, in pratica l’unico dolce che passa solo in forno e non è fritto. Ma per rimediare può essere farcita con crema Chantilly.

43. Pasticceria Querci Vieusseux. Piazza Giampietro Vieusseux, 2. Firenze. Tel. +39 055 490513
44. Luca Cai. Piazza della Passera, 2/3 nero. Firenze. Tel. +39 055 215969
45. Pasticceria Nencioni Falai. Via Pietrapiana, 24/r . Firenze. Tel: +39 055 241012

9. Cicerchiata

cicerchiata

La cicerchiata è un dolce di Carnevale tipico dell’Abruzzo, delle Marche e dell’Umbria. A guardarlo assomiglia agli struffoli napoletani che si preparano a Natale. Li accomuna, ovviamente, la frittura che può avvenire nell’olio o nello strutto.

46. Pasticceria Orlando. Via Giacomo Puccini 22. Pescara. Tel. +39 085 298102
47. Dopo che Chef Rubio è andato ad Amatrice a sfidarlo per la cicerchiata (e non per l’amatriciana) bisogna assaggiare quella dell’Osteria de Memmo I Santori. Via dei Soldati 22. Roma. Tel. +39 06.68135277
48. La cicerchiata si mangia pure a Perugia alla Pasticceria Sandri (ma gli studenti non ci possono entrare o non si laureano più). Corso Vannucci 32. Tel. +39 075 572 4112

10. Frittelle di riso

frittelle di riso

Ho aperto con Venezia e non posso non chiudere con Viareggio, l’altra città famosa per il suo Carnevale e le sfilate di carri allegorici. I cenci sono una variante delle chiacchiere e si accompagnano a un altro dolce, il berlingozzo che fece la sua apparizione nelle cronache carnacialesche del Quattrocento. Un ciambellone che si mangia il Giovedì Grasso. Oppure ci sono le frittelle di riso che in realtà sarebbero i dolci di San Giuseppe che si fanno anche a Siena, ad esempio. Ma se siete a Viareggio avete un paio di indirizzi.

49. Pasticceria Gambalunga. Via Sant’Andrea 34, Viareggio (Lucca). Tel. +39 0584 962116
50. Bar Pasticceria Galliano. Viale Guglielmo Marconi, 127. Viareggio (Lucca). Tel. +39 0584 50015

Wow, dopo questa sgroppata su e giù per l’Italia chiedo a voi: ma quanti altri dolci si fanno/friggono a Carnevale e, soprattutto, dove andiamo ad assaggiarli anche seguendo le guide di carta?

[Immagini: Turismo Lento, 3 civette golose, Christinas Cucina, Juls Kitchen]

7 Commenti

  1. Milano: Pasticceria Grossi Piazzale Udine 8

    Tortelli ripieni di crema allo zabaione o ricotta e cannella,
    oltre a tutta la pasticceria mignon ed una crostata alle pere
    fantasmagorica.

  2. Ma gli indirizzi di Firenze chi te li ha dati?
    Luca Cai non è un pasticcere, ma ha un ristorante in piazza della passera…
    Poi, vox populi, le migliori schiacciate sono quelle della pasticceria Giorgio o della pasticceria Marisa….

    • Per questo anche Umberto a Napoli è ristorante. Però potresti aver ragione, era comprata o era stata portata da uno dei commensali se non l’aveva fatta lui. Non ho preso nota, ma era molto buona. Sono d’accordo su Giorgio, e tra Marisa e Statuto forse questa è superiore (e scoprì che la schiacciata di Cai era quella di Marisa…)

  3. Le frappe chilometriche di Simona a Ostia sono incredibili, non le taglia, le immerge nell’ olio a strisce intere facendole piegare su loro stesse; bontà assurda, le uniche che riescono a battere mia madre.
    Per le Zippuas, mia madre è sarda, nun ve vedo manco dallo specchietto retrovisore, hanno una lavorazione lunga e fisica, alla fine però ne vale la pena.

  4. concordo con Valentina, la schiacciata di Giorgio a Soffiano non può assolutamente mancare, mi dispiace ma lasciare fuori Giorgio rende questa classifica poco seria

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui