Birra e gelato, ricetta perfetta da copiare

Tempo di lettura: 2 minuti

Un’estate anomala con bombe d’acqua, trombe d’aria e un sole anemico sono state le cause della mia noia casalinga e della mia conseguente idea brillante: risistemare gli archivi delle ricette tramandate da amici e parenti.

Così ho riscoperto una irragionevole ricetta cavallo di battaglia della mia ex coinquilina del Michigan, Melanie: birra&gelato.

birra

Non ho detto birra gelata, né gelato alla birra, ma birra e gelato. Sì, perché mentre noi italiani alle cene comuni sfornavamo teglie di lasagne e pizza e cannelloni e parmigiana, la splendida Melanie ci proponeva questa ricetta super veloce, strappando gli applausi e i baci accademici di tutti i commensali.

Questa intesa tra gelato e birra ha una storia molto più lunga di quella che vi ho raccontato qui: si chiama float e nasce a Philadelphia nel 1864, quando Robert McCay Green, finito il ghiaccio, cominciò a usare il gelato per raffreddare e continuare a servire le sue bevande gassate.

Questa versione analcolica o poco più, che prevede l’utilizzo della root beer, venne poi modificata con l’aggiunta della birra (vera!) al posto di un soft drink qualsiasi. E arriviamo così al nostro beer float.

Quindi, in una giornata in cui sulla costa tirrenica c’era più nebbia che in tutte le poesie di Giosuè Carducci ho provato la mia versione del beer float.

Beer Float Nut

beer float nut

Ingredienti

550 ml di Samuel Smith Nut Brown Ale (una bottiglia)
tre palline di gelato gusto fiordilatte
una ciliegia al maraschino
panna montata q.b.

Procedimento

Prendete un bicchiere capiente, per esempio la coppa dell’Orval e riempitelo per un terzo di birra. Versate la birra rimanente in una pinta inglese e dedicatevi a un lungo e doveroso sorso. Tornate alla vostra coppa e aggiungete tre palline di gelato e mescolate. Decorate con panna montata e una ciliegia al maraschino.

Ho già pronti gli ingredienti per la prossima giornata uggiosa, ma c’è ancora spazio per qualche consiglio, ma che sia semplice come questa ricetta. Ne avete da dare?

[Immagini: © Royalty-Free/Corbis, secretmenu.org, http://newyork.cbslocal.com, http://www.theperfectlyhappyman.com]

1 commento

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui