Gelato. Scoprire i 30 gusti Slow Food al Festival di AguglianoTempo di lettura: 4 min

gelato al pistacchio

Il weekend che ci aspetta sarà all’insegna del gelato con ben tre festival che riempiranno le piazze di golosi coni e coppette lungo tutta la penisola.

In Romagna nella splendida cornice di Santarcangelo di Romagna andrà in scena Santarcagelato, mente a Torino si svolgerà la tappa piemontese del Gelato Festival.

Sarà però il Gelato Artigianale Festival di Agugliano, piccolo borgo alle spalle di Ancona, dal 12 al 14 giugno a rivestire il ruolo più importante grazie all’inedita collaborazione con Slow Food.

Per la prima volta in un festival verranno presentati i ‘Gelati dei Presidi’, gusti realizzati con gli ingredienti che fanno parte dei progetti nati per tutelare i piccoli produttori e salvare i prodotti tradizionali di qualità.

Un appuntamento importante per Slow Food che negli anni ha sempre lasciato fuori dai suoi mille progetti e iniziative il mondo del gelato, che oggi, se di qualità, può diventare un potente veicolo di informazione alimentare per i consumatori.

pistacchio

Esemplare è il caso del Pistacchio di Bronte, piccola nicchia di prodotto (inserito anch’esso tra i Presidi) poco conosciuta alla massa, divenuto in pochi anni famoso a livello internazionale proprio grazie al suo utilizzo nella produzione del gelato.

Durante il Gelato Artigianale Festival di Agugliano sarà inoltre possibile apprezzare le dolci creazioni di gelatieri italiani e stranieri di altissimo livello che si cimenteranno nel concorso che decreterà quale sarà il miglior gusto dell’intera manifestazione.

Cremeria Gabriele gelato sfogliatella

Tra questi saranno presenti pure il secondo e il terzo classificato della nostra classifica delle 10 migliori gelaterie della Campania rispettivamente Raffaele del Verme ed Enzo Crivella (il primo, Raffaele Cuomo della Cremeria Gabriele ha dominato Festa a Vico con il suo gusto sfogliatella napoletana)

I 30 gelati e i gelatieri per regione di appartenenza

Chiara Soban

  1. Gianfranco Consiglio – ‘Creuza de ma’, yogurt di prescinseua, basilico e pinoli (Liguria)
  2. Chiara Soban – ‘Crema Regina’ con stracciata di cioccolato e amarene intere (Piemonte)
  3. Fabio Bracciotti – ‘Pescando nella gianduia’, con peschette all’alkermes (Marche)
  4. Barbara-Michele Serrani e Stefania Lombardi, ‘La Pecora e il fico’, ricotta di pecora e stracciatella di fichi (Marche)
  5. Antonio Luzi – Sorbetto di succo e fiori di Sambuco (Marche)
  6. Laura Campanella – Mandorla Noir, sorbetto alla mandorla, pistacchio, miele e cioccolato fondente (Marche)
  7. Luigi Loscalzo – Pikkanapa, cioccolato con habanero, olio e semi di canapa (Marche)
  8. Orlando Volpini – ‘Perché no’, crema di ricotta di bufala variegata con albicocche di Montelabate glassate (Marche)
  9. Nazzareno Morlacco – ‘Sacher’, cacao con confettura di albicocche e torta Sacher (Marche)
  10. Massimo Biagiali-Gessica Guiducci Yogurt di Pittalis con visciole di Cantiano e miele Londay (Marche)
  11. Michele Mastri – Sorbetto al cioccolato fondentev (Marche)
  12. Fabrizio Pentucci – ‘Alice’, cremino alla nocciola con salsa di cioccolato (Marche)
  13. Gianfrancesco Cutelli-Simona Carmagnola – Castagnaccio al profumo di rosmarino (Toscana)
  14. Palmiro Bruschi-Cosimo Fuggi – ‘Gelato di Bongusto’, crema antica alla rosa della Patagonia (Toscana)
  15. Matteo Carloni – Sorbetto di spinaci e kiwi (Umbria)
  16. Luigi Tirabassi – Subiachino, mandorla, miele e massa croccante (Lazio)
  17. Veruska Cardellicchio – Gelato alla crema di marroni (Lazio)
  18. Carla-Michele Uboldi – Anice con fragole favette (Lazio)
  19. Francesco Dioletta – Ricetta del nonno, ricotta, caffè e liquore di arancio (Abruzzo)
  20. Ida Gabriela Di Biaggio – Mosto cotto e scrocchiata d’uva (Abruzzo)
  21. Raffaele Del Verme – Mandorla e mandarino del Sud (Campania)
  22. Enzo Crivella – Ricotta di bufala affumicata con olive pisciottane (Campania)
  23. José Lerario – Solstizio, mandorle, pistacchi e limoni (Puglia)
  24. Paolo Baldieri – Profumi del Salento, mandorla, arance e olive dolci celline (Puglia)
  25. Emilio Panzardi – Redentore del Cordovado, cioccolato bianco e frutto della passione (Basilicata)
  26. Santo Musumeci – Bacio ai profumi siciliani (Sicilia)
  27. Gianfranco Viscito e Diego Guerreros – Brie Cake, torta al formaggio (Canarie)
  28. Matteo Casone-Matteo Zini – Fior di Ibisco selvatico (Rossella del Queensland) (Australia)

Il maestro gelatiere piemontese (29) Alberto Marchetti e il direttore del Festival (30) Paolo Brunelli proporranno per l’occasione come gusti il Ramassin della Valle Bronda (piccola susina dal colore blu-violetto del cuneese), la Farina Bona (con farina di granturco svizzera), la crema della tradizione realizzata con la vaniglia Chinantla (la vaniglia messiaca, unica al mondo che nasce selvatica), e la Crema Brunelli profumata al caffe delle terre alte di Huehuetenango (direttamente dal Guatemala) e alla vaniglia Mananara (prodotta nella riserva della biosfera Mananara nord in Madagascar).

Curiosi di conoscere la svolta Slow Food del gelato?

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui