Roma. Fare la spesa alle 2 di notte da Eataly che apre a Piazza della Repubblica

Tempo di lettura: 2 minuti

piazza Repubblica Roma

È tutto pronto per l’apertura del secondo store Eataly nella capitale. Dopo l’air terminal Ostiense, per il suo raddoppio, Oscar Farinetti ha scelto piazza della Repubblica, luogo incrocio di stili e di glorie. Ma non solo. Il punto si trova anche in posizione più che strategica fra la stazione Termini, il ministero dell’Economia, il Quirinale e piazza Venezia. È raggiungibile con la metro (che a Roma non è sempre una cosa ovvia) e con tutti gli autobus che vanno alla stazione.

Pieno centro, dunque, per i 1500 metri quadrati che ospiteranno la nuova struttura di Eataly e che aprirà al pubblico giovedì 9 luglio. All’interno dello store, aperto tutti i giorni dalle 7 del mattino alle 2 di notte, sarà possibile acquistare prodotti di alta qualità divisi per aree tematiche, secondo il format ormai ben sperimentato: dolci e caffè, salumi e formaggi, olio, conserve, pasta, vino, birra e altro ancora.

Ma Eataly a piazza della Repubblica non si limiterà ad essere un luogo per fare una spesa di lusso. Nello store sono previsti anche 7 punti di ristoro: il ristorante dei salumi e formaggi, l’area pizza e focaccia al taglio con la pasticceria di Luca Montersino e il bar, il ristorante della carne, del fritto, della pasta e della pizza e la gelateria Lait.

Sarà possibile anche fermarsi per un aperitivo sotto i portici del palazzo, gustando i vini di “Vino Libero” o le birre artigianali di Baladin, Birra del Borgo e “Birra Libera”. O ancora, vista la calura di questi giorni, cocktail e centrifugati di frutta e verdura.  Per l’organizzazione di eventi aziendali o privati sarà disponibile all’ultimo piano la sala delle Naiadi, un ampio spazio con affaccio sulla piazza e sulla famosa fontana di Mario Rutelli (con le Naiadi, appunto).

La nuova iniziativa di piazza della Repubblica nasce da una collaborazione fra la struttura di Farinetti e il Gruppo Ethos, azienda affermata nel settore enogastronomico con sei ristoranti in Lombardia. La partnership, spiegano, si fonda su una condivisione di valori e di intenti sul food e mette insieme l’approccio sostenibile all’alimentazione e alla ristorazione di Ethos con la passione per gli “alti cibi” di Eataly.

Giovedì ne sapremo di più e forse sapremo se sarà più bello riempire il carrello della spesa in notturna a Termini anziché a Ostiense.

[Immagine. deartraveller]

3 Commenti

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui