Firenze. El Inca, ristorante peruviano che costa 30 € a persona

ristorante peruviano firenze

Al ristorante peruviano El Inca di Firenze non manca niente per essere considerato un vero ristorante. Se non gli avete ancora dato fiducia pensando che fosse l’ennesimo ristorante etnico destinato ad aprire e chiudere i battenti nell’arco di una sola stagione, dovrete ricredervi.

L’investimento c’è stato nell’allestimento del ristorante peruviano El Inca, in zona Firenze sud. E la cucina a vista testimonia un’attenzione verso la cura dei piatti (e dei clienti) che non ti aspetti nei piccoli ristoranti di periferia. La calorosa e premurosa accoglienza del personale fa il resto.

Sul menu c’è largo spazio a carne e pesce (sì, in città, e sì, in un ristorante peruviano). Il consiglio (mio ma anche della cameriera) è di prendere un antipasto (meglio se il misto della casa, così da assaggiare un po’ di tutto) e poi un secondo, abbastanza abbondante e variegato da costituire un piatto unico.

el inca firenze_4

Tra gli antipasti non vi fate intimorire dal cuore di manzo e provatelo. Come alternativa vegetariana sono ottimi gli involtini di queso (formaggio, obviamente) serviti con salsa guacamole.

A seguire provate il lomo a la pobre, una bistecca di manzo che di povero non ha niente, ma anzi viene servito con patate, salsiccia, banana, salse varie, oppure un mix di carne di manzo tagliata a pezzettini con un tubero tipo patata dolce (ma non mi chiedete il nome) accompagnato da riso bianco.

Altri piatti, come la chaufa de carne, ricordano vagamente i sapori cinesi (e infatti sono apprezzati dagli italiani, testimonia il personale del ristorante peruviano El Inca di Firenze): riso scuro saltato con bocconcini di manzo e maiale, uovo e cipollina verde, accompagnato da salsa agrodolce e zenzero.

pollo a la brasa peruviano firenze

Sulla carta dei vini del ristorante peruviano El Inca c’è un po’ di tutto: dalle etichette prestigiose da 40/50 euro a bottiglia fino al vino della casa servito al bicchiere a 5 euro. Una vera cena peruviana, però, non è accompagnata da vino o birra, ma da una bevanda dolce e vagamente alcolica a base di mais morado, una varietà di granturco nero come il carbone con cui in Perù si produce una specie di sangria.

Per i palati mediterranei risulta troppo dolce per pasteggiare, ma si accompagna bene a uno dei dessert artigianali del ristorante peruviano El Inca: semifreddo de maracuya (al frutto della passione), pie de limon (non serve la traduzione, vero?), crema volteada (simile alla catalana) o piccoli biscotti farciti alla vaniglia.

Potendo contare su una nutrita comunità andina in città, c’è da scommettere che il ristorante peruviano El Inca possa continuare a sfornare lomo a la pobre a lungo. Ma anche che possa farsi molti amici a Firenze, anche grazie a prezzi amichevoli: per una cena completa da antipasto a dessert si spende una trentina di euro. E se si è in vena di chiacchiere si esce arricchiti di storie e ricette dell’Altro mondo.

El Inca. Via Lapo da Castiglionchio, 14, 50126 Firenze. Tel. 393 132 6951




- martedì, 6 ottobre 2015 | ore 11:57

4 commenti su “Firenze. El Inca, ristorante peruviano che costa 30 € a persona

  1. Vino della casa a 5€ al bicchiere non mi pare molto “amichevole” al contrario dei prezzi del ristorante, accettabili. Passata esperienza di gestore wine-bar: con una bottiglia ci fai 4 bicchieroni, 5 bicchieri belli o 6 normali, ergo prezzo dai 20 ai 30€ a bottiglia. Furto legalizzato, punto.

  2. A Milano si mangia in una stupenda trattoria peruviana doc – El Chorillano – quanto segue: 1) causa rellena che basta per due, il miglior Ceviche piccante in Europa e un dulce de tres lecehes che conmmuove. Per meno di €25. Questo perufiorentino sta cavalcando l’onda gastro-chic, c’est tout.

  3. e io dovrei andare al ristorante peruviano per mangiare una coscia di pollo con patatine fritte e un’insalata piena di salsa….che risate!!!

  4. Buona sera inanzi tutto, voglio ringraziarti per questo bellissimo articolo sull nostro ristorante ci fa molto piacere potere fare conocere la nostra cucina al di fuori dall peru, penso que non siamo perfetti ma cerchiamo di dare tutto del nostro meglio e fare arrivare ai nostri clienti delle cose piacevoli sia di gusto che di qualita, al proposito su quello che ai scritto ce da fare qualche correzione se mi permetto, il piatto che ai messo si chiama “churrasco a lo pobre” invece di ” lomo a lo pobre”
    E quell piatto con il tubero peruviano si chiama ” olluquito de carne, un altra cosa da corregere e il vino a bichiere costa 4 euro. Per il resto sei stata molto brava e carinissima a spiegare tutto mi fa piacere che ci siano delle persone come lei, che aprezzano la nostra cucina!!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This blog is kept spam free by WP-SpamFree.