Milano. Amuse Bouche, panini da 3 € in modalità combo fino a 24 pezzi

Amuse Bouche Milano

A Milano ha aperto Amuse Bouche (sottotitolo “di francesini e altre malizie”), un locale che diverte sia il palato che la fantasia. Amusebouche, in francese, è un “divertimento per la bocca” ­– ok, detto così suona male, diciamolo meglio: un qualcosa che predispone positivamente la bocca prima del pranzo. Un allettamento, un diverti-bocca.

Amuse Bouche Milano lavagna

Partiamo dal locale vero e proprio: una vetrina in via Savona (ovvero in Zona Tortona), pochi passi a destra c’è l’hamburgeria HamBistrot, pochi passi a sinistra l’okonomiyaki street food giapponese di Maido – sono tre locali fratelli, stesse dimensioni da monolocale con uso cucina, stessa proprietà (e stesso apparecchio Bancomat, per ora: sembra che l’unico a funzionare sia quello di Maido).

E avevo già incrociato Amuse Bouche anche nella zona street food del Mercato Metropolitano di Porta Genova, a qualche centinaio di metri da qua.

pane burro alici Francesino con petto di pollo sfilacciato, salsa allo yogurt e curry, uvetta, mandorle e valeriana

L’idea? Panini, piccoli francesini, 30 grammi l’uno, da mangiare in tre bocconi, con varie farciture, con nomi suggestivi.

Ovvero:

Tartruffaut, prosciutto cotto, fontina, crema di tartufo;

Don Cosciotte, Patanegra, pomodoro strofinato;

Josephine Baker, bresaola, ananas, rucola (non c’era, han messo un’insalatina), parmigiano, glassa di aceto balsamico (non male);

Sasá sur la Seine, prosciutto cotto a legna, maionese al basilico, mozzarella di bufala dop, pomodoro datterino (ottimo);

Liberté, egalité, senapé, mortadella grigliata, senape, lime, valeriana;

Cenerentola baudelariana (avrei scritto baudela-I-riana), ricotta, pomodorino semi-dry, fiori di zucca, menta (buono);

Chapeaulline, carne marinata, ricotta, valeriana, cipolline in agrodolce (ottimo);

Verve, crudo, robiola, carciofino grigliato piccante sott’olio; e così via, per 30 delizie da leggere e da gustare.

Amuse Bouche panini assaggio

Ne ho mangiati solo 6, però, perché avevo fretta.

tris di panini

Il prezzo dei panini va dai 3  ai 5,50 € e c’è lo sconto per chi ne prende 3, 6, 12 o 24.

Molto buono il pane (pasta madre, se non sbaglio ultrasettantenne), così come gli accostamenti, e appunto i nomi sono godibilissimi.

amuse bouche Milano staff Spaghetti di zucchine con pesto rosso, petali di grana e pinoli tostati

Il locale è carino, semplice, aria vagamente post-industriale e vagamente francese (ma va’?), lavagna con i panini, bancone, cucina separata da vetri, vecchi specchi.

Amuse Bouche Milano sala

Qualche posto a sedere, alcuni su sgabelli fatti con un vecchio sedile da trattore, in verità non comodissimi, ma simpatici.

Ora il mio dubbio è: provare o no il combo da 24 amuse bouche? E soprattutto: da solo o in compagnia?

Amuse Bouche, di francesini e altre malizie. Via Savona 13/A. Milano. Tel +39 3383470350.


- martedì, 20 ottobre 2015 | ore 12:07

7 commenti su “Milano. Amuse Bouche, panini da 3 € in modalità combo fino a 24 pezzi

  1. Mi piace molto Amuse Bouche perché
    1 c’è al centro il PANINO
    2 ma offerto in un modo nuovo:
    con piccoli panini(francesini)
    e numerosi assortimenti.
    .
    E’ diverso dai soliti hamburger che sono tanto di moda.
    E’ più vicino alla nostra tradizione, anche se sono d’ispirazione francese.
    .
    Sono stato pochi giorni a Parigi, questa estate.
    Ebbene, è grande l’amore dei francesi per il pane,
    ancora più grande di quello nostro, non avendo, secondo me, i francesi, la pasta.
    E, pensando a quanto sono raffinati, a quanto sono stati importanti nella storia della cucina mondiale, alla grande innovazione della nouvelle cuisine, sono rimasto ammirato di tanta semplicità ed essenzialità.
    .
    A Bari si dice:
    “Se Parigi avesse lu mer, sarebbe una piccola Beri”
    Ma in tutte e due le città c’è l’acqua: è questa le rende belle.
    .
    Poi oggi, con questo bel post di Emanuele B, ho trovato un altro punto di contatto:
    a Parigi s’inizia il pranzo con un Amuse Bouche
    a Bari si conclude il pranzo con uno Sporcamuss.

  2. Si d’accordo bello e buono ‘sto panino ma un panino che peserà sui 100gr costa 3 euro nella versione più economica…Renato ti devo tirare le orecchie, anzi le orecchiette dato che siamo entrambi pugliesi, perché sei sempre stato attento al problema del costo del cibo ed alla sua “fighetizzazione”

  3. 30 grammi l’uno, prezzo a partire da 3 euro fino a 5,50. Panini da 100 euro al chilo? Al confronto mi diventano simpatiche persino le hamburgherie..

  4. 1
    Jpipip, non ho aspettato che tu mi scoprissi, come al solito 🙂
    questa volta l’ho detto.
    2
    Il motivo è questo: a me piace partecipare, scrivere:
    la partecipazione ai dibattiti è stato uno straordinario(e piacevole) esercizio di scrittura: se vado a rileggere i primi commenti(pieni anche di errori di grammatica) ho migliorato molto il mio scrivere.In questo senso penso di aver ricevuto molto dai blog, dalla mia partecipazione ai blog.
    Sono stato fortemente stimolato a migliorare.
    (Oltre che a fare un viaggio meraviglioso nel mondo del cibo, in tutti i suoi aspetti, che mi ha arricchito dal punto di vista culturale)
    .
    Dicevo mi piace scrivere ed anche per questo, partecipo ai dibattiti
    Ma…
    Se sono sempre io ha commentare, se non c’è dibattito, vedere sempre il mio nìck mi dà un po’ di fastidio.Vorrei più voci diverse con le quali confrontarmi e…tra le quali mimetizzarmi.
    E non rischiare di apparire un presenzialista.
    Cambiare nick è un…mezzuccio per uscire da questo piccolo disagio.
    Ma è un mezzuccio perché sono facilmente riconosciuto.
    Questa è la pura verità.
    3
    Rasputin ha perfettamente ragione e, credetemi, avevo fatto quella riflessione ma poi non l’ho messa in evidenza.
    Avevo calcolato un 20/30 gr di ripieno da aggiungere ai 30 gr del francesino e venivano fuori prezzi al kg spaventosi (evidenziati anche da Beppe e Rasputin)
    Mi sono allora ricordato che:
    avevo attaccato Knam e le torte extreme (49 euro/kg)
    avevo attaccato il buon Marco Pirovano 🙂 di PolentOne(in un confronto con i 100 gr di tortellini di Bologna a 7 euro)
    avevo, attaccando la classifica di Milano di Cavallini, ribadito l’importanza della QUANTITA’ nella valutazione del rapporto Qualitò/Prezzo
    e poi sui panini francesi…
    .
    Colgo l’occasione per salutare…TUTTI…
    Vi invito a partecipare un po’ di più.
    Vi invito a mettere in evidenza le mie contraddizioni.
    Vi invito a contrastare le mie opinioni.
    Perché non si parla al vento…La comunicazione è dialogo, confronto, anche appassionato.E perché così mi mimetizzo in un buon numero di commenti.
    🙂
    PS
    C’è sempre l’alternativa di prendersi delle pause più o meno lunghe di silenzio, come ho già fatto.
    O quella, che mi sfiora spesso, di lasciare completamente i dibattiti.
    Guardate che molti lo hanno già fatto: e potrei fare tantissimi nomi.
    .
    A loro va un saluto particolare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *