masterchef

Ci siamo quasi: domani sera alle 21.10 parte su Sky Uno (canale 105) la quinta stagione di Masterchef. Vi ho già raccontato della novità principale, ossia Cannavacciuolo giudice aggiunto. Vi ho anche svelato qualche anticipazione e abbiamo tentato insieme un toto-concorrenti.

Perciò, prima di raccontarvi quanto è stato detto ieri alla conferenza stampa di presentazione del programma, vi fornisco qualche numero: il casting riguarderà (ha riguardato, certo) 150 cuochi amatoriali, che sotto agli occhi dei giudici si contenderanno l’opportunità di arrivare al live cooking, primo vero incontro-scontro dove, in una manciata di minuti, dovranno convincere con il loro piatto forte i giudici. Nell’Hangar si decreteranno i 20 partecipanti – su 18 mila candidati – alla quinta edizione del programma. Alla fine delle 24 puntate – 12 prime serate – solo il più meritevole raggiungerà l’ambito premio finale: il titolo di quinto MasterChef d’Italia, oltre ai 100 mila euro e all’opportunità di pubblicare un libro di ricette originali edito da Baldini & Castoldi.

masterchef 5 conferenza stampa

Sentiamo un po’, invece, cosa hanno detto i giudici alla conferenza stampa di ieri. E partiamo proprio dalla new entry Antonino Cannavacciuolo. “Ho sempre guardato i movimenti e studiato le filosofie di Cracco e Barbieri: hanno qualche anno più di me e collaborare con loro in un programma di cui tutti vorremmo far parte è una grande soddisfazione, tant’è che ho accettato al volo quando mi è stato proposto. Con Joe, che è un grande imprenditore, mi sono conosciuto meglio durante le riprese”. Quest’ultimo, che a breve aprirà un altro ristorante – “La Sirena” a New York – e che è stato anche giudice a Masterchef Usa, sottolinea la qualità dell’edizione italiana: “L’Italia si distingue per livello dalle edizioni degli altri paesi. Qui, per esempio, si riescono a comunicare le storie delle persone: questo fa successo, emoziona la gente a casa”.

Secondo Cracco si parla di una bella edizione, “dove è stato difficile giudicare i concorrenti: belle storie, belle persone, ma anche qualche matto, alcuni avevano un sacco di stranezze, ma nel complesso è stata un’infornata divertente e tra noi ci siamo trovati molto bene”. Conferma Barbieri: “Abbiamo trovato subito un’intesa. Antonino veniva da “Cucine da Incubo”, ma in poco tempo ha capito che Masterchef è un programma un po’ più fighettino”. Poi, l’annuncio che molti critici enogastronomici forse aspettavano da tempo: “Tornerò a cucinare. E sarà a Bologna, la mia città, in primavera. Non chiedetemi altro perché poi rischio che gli altri giudici mi copino – ha spiegato ridendo – Bastianich apre un ristorante ogni 5 minuti, rischio di ritrovarmelo a Bologna poi”.

masterchef

Ulteriori anticipazioni? Dalle clip qualcosa – forse – si può ipotizzare. Ci saranno ancora (e questo è certo) le classiche prove, come anche le tappe all’estero. In esterna, oltre a sfamare i bagnini della riviera romagnola, li troveremo alle prese con pic-nic gourmet, con cene alla griglia nel ranch di Valentino Rossi (noi vi avevamo già detto qualcosa a inizio novembre) per lo staff e i piloti dello Sky Racing Team e altro ancora. Pare inoltre che tra i partecipanti ci sia una coppia, ma è presto per esserne sicuri.

Anche quest’edizione è stata particolarmente attenta agli sprechi: grazie alla consulenza di Last Minute Market sono stati ottimizzati i processi di recupero delle materie prime: chili e chili di prodotti sono stati ridistribuiti presso enti caritatevoli di Milano. Si parla di 1800 chili di frutta e verdura, 65 di uova e latticini, 110 di cibo secco, 120 di farine, 200 di carne e pollame e 400 litri di panna e latte.

Lorenzo Cogo

Ritorna anche il Masterchef Magazine: dal lunedì al venerdì alle 19.50 (stesso canale), a partire dal 25 dicembre, si conosceranno meglio i piatti del programma, ma ci saranno anche ospiti come lo chef 3 stelle Michelin Chicco Cerea e il bel Lorenzo Cogo, chef stellato (il più giovane d’Italia) del ristorante El Coq.

Intanto domani sera vedremo la parte dei casting: se capita il pareggio (due sì e due no), il concorrente va a casa, perciò serve la maggioranza di 3 su 4 giudici per passare il turno.

Secondo me se ne vedranno delle belle. Che ne pensate?

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui