Antonino Cannavacciuolo Masterchef

Puntuali come un timer da cucina, torniamo a parlarvi di MasterChef, a modo nostro.

Se questa puntata è stata un po’ lenta e ha continuato a darci l’impressione che gli aspiranti chef non siano esattamente entrati nello spirito giusto per dirigere e far propria una cucina, non vi nascondiamo di esserci emozionati e di aver trovato molti stimoli per approfondire la meravigliosa cultura del cibo del nostro Paese.

E poi, diciamolo: Antonino Cannavacciuolo che cucina vale lo spettacolo anche da solo.

concorrenti Masterchef 5

Andiamo per gradi e vediamo – velocemente – cosa è successo nella cucina più spiata dagli italiani.

Iniziamo dalla Mistery Box cinematografica, che tanto ci è piaciuta:

i sei concorrenti rimasti si sono dovuti misurare con le ricette tratte da altrettanti film.

Purtroppo tra questi non c’era Titanic, altrimenti il fortunato se la sarebbe cavata con un’insalata. O no?

A parte gli scherzi: gli spunti erano interessanti, a partire dal Sushi di Kill Bill (toccato a Lorenzo, che sorprendentemente porta a casa un gran risultato), passando per la pasta con carciofi e pomodoro de Il Postino, sapori domati e dosati da Lucia, fino al faraonico piatto di Erica, tratto da Il pranzo di Babette, (film mito che consigliamo di vedere assolutamente a chi se lo fosse perso, ma che mancava dal background dei nostri quasichef). Sono stati loro i tre migliori: vince Erica con la quaglia bardata nel lardo in uno scrigno di pasta sfoglia (con fegatini e salsa al Madeira).

Sottolineiamo due cose su questa prova e sono quelle che ci dispiacciono da un po’: la scarsa cultura culinaria dei nostri sfidanti che vorremmo più appassionati. E la solita spocchia di Alida che critica i piatti della tradizione.

Percebes lattume di tonno

È arrivato il momento dell’Invention Test. Di fronte ad Erica tre meravigliose materie prime, sconosciute ai più. Erica sceglierà i percebes, pregiati crostacei della Galizia.

Noi vogliamo però mettere l’accento su uno degli incontri che ci hanno commosso. Oltre al fegato di polpo, l’ingrediente scartato è stato il lattume, lo sperma del tonno.

Piatto prelibato e antico, ci ha dato modo di conoscere Gioacchino Cataldo, l’ultimo Rais (capo ciurma) della meravigliosa Tonnara di Favignana. Un pezzo di storia italiana e di sapienza secolare nelle parole e nelle mani di un uomo che non ci stancheremmo mai di sentir raccontare.

Un patrimonio, quello della gloriosa ex Tonnara dei Florio (i signori che hanno fatto la fortuna del tonno in scatola) che rischia di andare disperso per sempre. La tonnara rischia di chiudere per sempre.

Dario Masterchef

Com’è, come non è, sarà Darione ad avere la peggio con un piatto kamikaze: un raviolo aperto, pure mal cucinato.

Ora, come ci suggerisce Sky Uno: mancano proprio le basi, perché cucinare un raviolo aperto a Cracco e Cannavacciuolo che sono cresciuti a pane e Gualtiero Marchesi (grandissimo profeta del piatto) è stata davvero una via di mezzo tra l’eresia e il suicidio. Amen.

La prova è vinta dalla solita Alida, che avrà il vantaggio, nell’esterna tutti-contro-tutti, di poter scegliere cosa far cucinare agli altri e cosa tenere per sé.

Siamo in Liguria, nell’incantevole Golfo dei Poeti (altro colpaccio della regia di MasterChef: la voglia di partire è immediata) e il giudice sarà Enzo Vizzari, direttore della Guida dell’Espresso.

Enzo Vizzari Masterchef

Gli aspiranti Chef sono stati dunque, per la prima volta, valutati da un critico gastronomico.

Alida cede via via tutti i prodotti ai suoi avversari e si ritrova con l’unico ingrediente di terra: un coniglio.

Vincerà di nuovo lei, ma a noi resta la voglia di assaggiare le prelibatezze del Golfo.

I quattro sfidanti rientrano in cucina, dove li aspetta Lorenzo in stand-by con il grembiule nero (regalino anche questo di Alida). Ora cucineranno con chef Cannavacciuolo.

E vedere Antonino all’opera è sempre uno spettacolo, non vi pare?

La sfida è vinta da Maradona, Alida in balconata si becca il rimbrotto di Cracco per la solita mancanza di rispetto verso chi è stato meno fortunato di lei e sta lavorando.

La corsa all’ultimo grembiule sarà tra Lucia e Lorenzo, che riescono efficacemente a mettersi in difficoltà l’un l’altro.

Lucia Masterchef

Il piatto tutto proteine di Lucia ha la peggio rispetto a quello forzatamente vegano del macellaio.

Ci siamo giocati anche Lucia, che esce predicendo la vittoria di Alida.

Staremo a vedere cosa ci riserveranno le prossime puntate.

casting Masterchef 6

Intanto sappiate che sono partiti i casting per Masterchef 6.

Testo: Maria Teresa D @egyzia

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui