Rossana. Tutti alla Nestlè ad Assago per salvare le caramelle della nonna

Tempo di lettura: 1 minuto

caramelle Rossana

Da quando la notizia della sospensione della produzione delle storiche caramelle Rossana è iniziata a circolare nel web, il mondo dei mangiatori di dolciumi, stretto nel dolore, ha dato vita ad un manipolo di nostalgici che ha intrapreso una vera e propria battaglia in soccorso della storica caramella con la carta rossa.

Con l’hashtag  #giulemanidallarossana, ex ragazzi hanno postato foto, contributi, memorabilia, tutti a tema Rossana, così da scongiurarne l’eliminazione dal mercato.

Per l’occasione è stato anche creato un evento facebook – SALVIAMO LE ROSSANA, CHE PIACCIANO O MENO FACCIAMOLO PER LE NOSTRE NONNE – che invita il popolo di mangiatori di caramelle a riunirsi il prossimo 1 maggio presso la sede italiana della Nestlè ad Assago e protestare contro l’eventuale chiusura. “Da nonna poteva mancare anche l’acqua –precisano gli ideatori dell’evento- ma non le Rossana, a molti non piacevano ma si dovevano mangiare lo stesso per far felice la nonna. Non permettiamo che le nostre nonne si sentano perse.”

Che sia vero o meno, piace pensare che l’iniziativa, ad oggi likata da più di 24.000 utenti facebook,  racconti di ex bambini che guardavano il mondo colorarsi di rosso attraverso la carta di una caramella, adesso, possiamo dircelo: francamente immangiabile!

2 Commenti

  1. Per nulla d’accordo. Le Rossana di oggi non hanno nulla a che vedere con quelle della nonna. Già da tempo non sono che una pallida imitazione e piuttosto che vederle così, meglio non produrle più.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui