Prova costume. Sulla pizza arriva l’olio spray. E le imprecazioni

Tempo di lettura: 1 minuto

pizza marinara olio

L’olio giusto per la pizza? Lo sappiamo tutti, è quello extravergine d’oliva, rigorosamente italiano, nettare divino che sgorga dal beccuccio dell’oliera di latta stagnata, inconfondibile e irrinunciabile strumento di lavoro dei pizzaioli quelli veri, che la maneggiano con maestria dosandone con gesti precisi, la quantità necessaria che ne sgorga fluida, oro prezioso e profumato.

Capita, in questa stagione cupa che prelude la temutissima prova bikini che sedendosi in pizzeria si senta levare, flebile, dal tavolo appresso ‘una margherita con poco olio, grazie’ una di quelle richieste che fa tremare un cameriere su due, costretto a sottoporre al banco l’ipocalorica istanza, puntualmente accolta con un bouquet di epiteti qui irripetibili.

spray leggero

Per andare incontro alle esigenze di quanti scelgono di adottare uno stile di vita sano, ma senza rinunciare al gusto, nella ridente Frosinone, terra notoriamente di pizze, pizzette e pizzelle, si sono inventati sprayleggero, un olio spray che si spruzza direttamente sulla pizza dei nostri sogni rendendola vieppiù libidinosa quanto più leggera.

spray bomboletta

Ad ogni secondo di dito premuto sull’erogatore, 15 calorie. Un’operazione da eseguire col cronometro alla mano, ma che garantisce cosce sode e addome ultrapiatto.

spray leggero pizza

Per non far prendere collera a nessuno il dott. sprayleggero ha anche immaginato di declinare il suo olio ipocalorico in diversi gusti e formati: aglio, limone, peperoncino, tartufo: ce n’è davvero per tutti i gusti e –verrebbe da dire- per tutte le taglie.

spray pizzaoliera pizza

Resta da capire se un pizzaiolo, diciamo normale, utilizzerebbe mai nella preparazione della sue creature un olio spray. Verrebbe da dire, parafrasando il buon Totò, ‘la pizza è pizza e va sì rispettata, ma voi perdeste il senso e la misura’.

Allora, amanti del lievito madre, che si fa?

[Immagini: Luciano Furia, johndellavecchia.it, giallozafferano.it, sprayleggero.it]

2 Commenti

  1. Dov’è il problema? Con apposito contenitore, in vendita da anni, si spruzza olio extra vergine di oliva rigorosamente italiano. E, prova costume a parte, si risparmia pure.

    • Il problema è che funziona malissimo, questo invece funziona molto bene. E’ olio EVO italianissimo che funziona con il principio del bag in box/key keg. L’olio non entra in contatto con l’aria ma è all’interno di una sacca su cui crea pressione facendolo uscire. Davvero molto comodo, lo uso da un annetto. Spero anche altri produttori seguano questa strada

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui