Massimo Bottura apre il Refettorio nel Bronx con Robert De Niro

Notizie

Massimo Bottura

Massimo Bottura non è il numero Uno al Mondo solo perché ha guadagnato la cima della classifica della 50 Best e per i piatti che raccontano un percorso e uno studio attento.

Lo è anche per la sua visione che va oltre la cucina o, meglio, per la sua capacità di utilizzare la cucina e il mondo che ruota attorno ad essa con scopi che la qualificano ulteriormente.

Voi già conoscete il Refettorio Ambrosiano che ha aperto durante Expo ed è diventato un modello da replicare altrove. Non so se chiamarla cucina solidale possa rendere l’idea. Ma questo aggettivo ha un portato di solidità che mi piace.

Non è un colpo isolato.

Food for Soul non è un progetto di beneficenza: è un progetto culturale.

Lo leggete nell’about di Food for Soul l’organizzazione non-profit fondata dallo chef Massimo Bottura che mira ad accrescere la consapevolezza sociale su temi come lo spreco alimentare e la fame.

La sua voglia di rifare Miracolo a Milano gli è stata contagiosa.

Gastromotiva_LeoAversa RefettoRio Bottura

Dopo Milano-Expo 2015 con il lascito del Refettorio Ambrosiano (15 tonnellate di cibo recuperate durante il periodo della manifestazione e la successiva realizzazione della Mensa Antoniana a Bologna), ci sarà Rio-Olimpiadi 2016 con un’eguale struttura nelle favelas: RefettoRio Gastromotiva. Lo schema è lo stesso: recuperare cibo che andrebbe perduto e darlo a chi ha bisogno facendolo cucinare a grandi chef. Come Albert Adria, Alain Ducasse, Virgilio Martinez, Rodolfo Guzman, Mitsuaru Tsumura, Mauro Colagreco, Helena Rizzo, Carlos Garcìa, Enrique Olvera, Joan Roca, Rafa Costa e Silva.

La previsione è servire 19 mila pasti e recuperare 12 tonnellate di cibo sprecato durante le Olimpiadi. Numeri ragguardevoli se si confrontano i circa 5 mesi dell’Expo con i soli 16 giorni dell’evento sportivo.

Massimo Bottura, come dichiara, si comporta da agente lievitante e da acceleratore. Usa la sua notorietà e delle persone che vengono in contatto per aumentare la luce dei riflettori.

È il Robin Hood dei giorni nostri che evita lo spreco dei più fortunati, gli ruba la disattenzione per renderla attenzione e nutrimento di una linea che non esisteva.

https://www.instagram.com/p/BH5J8-FgFNE/?taken-by=massimobottura

Guardo Bottura, guardo Robert De Niro che è stato a pranzo da lui all’Osteria Francescana e leggo il progetto prossimo: Refettorio Bronx 2017.

E mi sembra un altro bel film. I Guerrieri del Cibo.

[Ritratto: Manuela Vanni/Scatti di Gusto]

Di Vincenzo Pagano

Fulminato sulla strada dei ristoranti, delle pizze, dei gelati, degli hamburger, apre Scatti di Gusto e da allora non ha mai smesso di curiosare tra cucine, forni e tavole.