Ricette di Natale. Minestra maritata, ma di pesce

Ricette

minestra-maritata

Sì, lo so. La ricetta della minestra maritata l’avete già, la fate tutti. Ma questa è di Torre del Greco ed è perfetta a Natale per mangiare pesce.

Antonio Sorrentino, da Torre del Greco, ça vas sans dire, snocciola il perché si chiama maritata, cioè un matrimonio tra carne e verdure. Ma questa che propone è la sua interpretazione per mangiare quasi di magro.

[do action=”jq”/]

Sì perché un po’ di prosciutto scarnificato da un osso non ce lo vogliamo mettere?.

Come dirgli di no.

La preparazione pretende un po’ di pazienza ma non è difficile, proprio come tutte le minestre maritate che si metteranno a cuocere per il pranzo di Natale.

In questa variante si usano molluschi, pesci e crostacei delicati, si prepara un fumetto leggero di pesce con cottura lunga poi si scottano i pesci molto velocemente e si uniscono le verdure per farle insaporire.

‘A menesta Marinara è un piatto leggero, da servire anche come antipasto, conclude. Su questo possiamo anche dissentire: la scodella potrebbe essere grande, molto grande.

Ma voi saprete regolarvi.

La ricetta della Menesta Marinara, la minestra maritata con il pesce

minestra-maritata-di-pesce-ricetta

Ingredienti (per 6 persone)

600 g di calamari veraci
800 g di pescatrice
300 g di triglie
9 gamberoni
Osso di prosciutto crudo pulito grossolanamente
1 carota
1 gambo di sedano
1 cipolla
1 pomodoro ramato
2 spicchi d’aglio
1 ramoscello prezzemolo

erbe-minestra-maritata-La-Torre-Massa-Lubrense

verdurette

1 kg di “minestrella” (misto di verdure spontanee: cicorietta, bietoline, spinaci selvatici e borragine)
4 fasci di scarola liscia
4 fasci di broccoletti neri
2 fasci di broccoli a foglie
2 fasci di torzella (cavolo greco)
1 verza piccola
Sale

scampi gamberi

Pulizia del pesce

Eviscerate i calamari, tagliate il corpo a filettini sottili e le teste a metà; marinate leggermente con olio extravergine di oliva e sale.

Eviscerate e sfilettate la pescatrice e ricavatene dei piccoli medaglioni; marinate leggermente conolio extravergine di oliva e sale.

Eviscerate e sfilettate le triglie e ricavatene piccoli filetti; marinate leggermente con olio extravergine di oliva e sale.

Sgusciate i gamberoni lasciandone sei interi con la coda e tutti gli altri tagliati a tocchetti; marinate leggermente con olio extravergine di oliva e sale.

Preparate un fumetto di pesce con “soffritto”: in una casseruola alta e capiente soffriggere 150 grammi d’olio e due spicchi d’aglio. Adagiante le lische di pesce, le teste e gusci dei gamberoni, le carote, il sedano e la cipolla pulite e tagliate a tocchettoni. Fate soffriggere il tutto leggermente. Aggiungete il pomodoro tagliato e circa 10 litri d’acqua e portate a bollore lento. Durante la cottura salate e sgrassate il fumetto con una schiumarola se necessario.

A cottura ultimata, filtrate il fumetto eliminando tutto il fondo di verdure e di lische e tenetelo da parte in caldo.

Preparazione delle verdure

Mondate e pulite singolarmente tutte le verdure e sciacquatele più volte per eliminare il terreno .

Sbollentatele separatamente in acqua bollente e sale poi colatele bene e mettete da parte.

[do action=”jor”/]

Preparazione finale

Nel frattempo scottate in padella antiaderente separatamente i calamari, i tocchi di pescatrice, i filetti di triglia e i gamberi.

Riportate il fumetto a bollore e aggiungete tutte le verdure precedentemente sbollentate. Fate insaporire per 10 minuti.

Tenete da parte 6 tocchi di pescatrice e triglia, 6 teste a metà dei calamari, i 6 gamberi interi e aggiungete tutto il resto alla minestra.

Fate insaporire per altri 15 minuti, aggiustate di sale e pepe.

Impiattate in un piatto fondo e decorate con il pesce scottato. Servite la minestra bollente.

Di Vincenzo Pagano

Fulminato sulla strada dei ristoranti, delle pizze, dei gelati, degli hamburger, apre Scatti di Gusto e da allora non ha mai smesso di curiosare tra cucine, forni e tavole.