Preparare la pasta sablée e correre. Non cucinare di corsa, ma mettere insieme sport e cucina. Dite che non sia possibile? E allora non avete partecipato all’iniziativa dell’associazione sportiva Women in Run Milano in Monferrato, che si chiama Wircamp&Wellness.

Women In Run è un running network nato nel 2014, da un idea di Jennifer Isella con Manuela Barbieri e Massimo Pileri che combatte la violenza sulle donne grazie a una comunità di runner o aspiranti tali che seguono gruppi di allenamento di ogni livello, completamente gratuiti e guidati da coach preparati, per correre insieme in sicurezza.

Al resort de I Castagnoni abbiamo abbinato attività fisica a buona cucina con il mio primo corso sui dolci da forno.  Ne sono uscite sei torte profumate una più bella dell’altra che ognuno, a seconda, ha scelto di portare a casa o condividere a merenda, tra un trattamento Spa e una nuotata in piscina.

Per questo primo appuntamento (altri ne seguiranno sempre con la stessa formula) ho scelto di condividere con voi la sablée alle mandorle, con mele allo zenzero e confettura ai frutti di bosco.

La sablée è parente della pasta frolla se non fosse che in questo caso la percentuale di burro dell’impasto aumenta.

Ciò comporta una maggior difficoltà nella lavorazione, in particolar modo per chi si trova alle prime armi, risolvibile con una piccola dose di impegno in più.

Adatta per la preparazione di biscotti e piccola pasticceria, si presta come base per torte profumatissime.

Per le dosi che seguono vi occorrerà una teglia di 20 cm di diametro. Pronti?

La ricetta della sablée alle mandorle con mele allo zenzero e frutti di bosco

Ingredienti

150 g di farina 00
25 g di farina di mandorle
100 g di burro
50 g di zucchero a velo
25 g di zucchero semolato
1 uovo piccolo
1 pizzico di sale

Per il ripieno

Confettura ai frutti di bosco (o, se preferite, mirtilli neri)
4 cucchiai di zucchero
½ bicchiere di acqua
Zenzero fresco
3 mele medio/piccole

Procedimento

Su un piano di lavoro, disponete a fontana le farine, aggiungete lo zucchero e un pizzico di sale.

Fate un buco al centro e aggiungete il burro a cubetti, ancora freddo; incominciate a lavorare con le mani cercando di ottenere delle briciole, a questo punto unite l’uovo e incorporatelo lavorando velocemente con la punta delle dita fino a realizzare un impasto liscio ed omogeneo.

Aiutatevi con un po’ di farina qualora dovesse risultare troppo appiccicoso, aggiungetene poco per volta per evitare di stravolgere le dosi da cui siamo partiti.

Avvolgete la sablèe con della pellicola trasparente e ponetela in frigo a riposare per almeno 40 minuti.

Nel frattempo, tagliate in due le mele, sbucciatele ed eliminate il torsolo.

In una padella dai bordi alti, sciogliete una noce di burro, aggiungete le mele e 4 cucchiai scarsi di zucchero, una grattugiata generosa di zenzero fresco (o secco se preferite) e mezzo bicchiere di acqua.

Coprite e lasciate cuocere per almeno 12/15 minuti controllando di tanto in tanto per fare in modo che a fine cottura siano ancora abbastanza sode, trascorso questo tempo eliminate il coperchio in modo che lo sciroppo rilasciato dalle mele si riduca. Spegnete il fuoco e lasciatele raffreddare.

Riprendete l’impasto dal frigo, dividetelo in due parti e stendetene una su un piano leggermente infarinato, aiutandovi con un mattarello, formate un primo disco che sarà la base del nostro dolce (vale la stessa regola di prima, qualora incontriate delle difficoltà nel gestire l’impasto, un po’ di farina può esservi d’aiuto).

Imburrate e infarinate una teglia alta circa 3 cm (tipo crostata) e adagiatevi la prima parte d’impasto sino a raggiungere il bordo (ritagliate le parti in eccesso qualora vi fossero), bucherellate il fondo con una forchetta, aggiungete qualche cucchiaio di confettura e spalmatela su tutta la superficie.

Adagiate le mele con la parte convessa verso l’alto, 5 metà le metterete intorno andando a formare un cerchio e l’ultima al centro sino ad ottenere un fiore.

A questo punto richiudete la sablée utilizzando l’altra parte d’impasto, stendetelo sino ad ottenere   un disco meno sottile del primo che andrete a sovrapporre.

Sigillate bene la torta richiudendo i lembi verso l’interno.

Preriscaldate il forno a 170° e cuocete il dolce per 40 minuti, sino a quando sarà dorato in superficie. Spolverizzate con zucchero a velo, sarà ancor più evidente la forma a fiore data dalla disposizione delle mele.

Attenzione, prima di mangiare la sablèe attendete che si raffreddi, eviterete che si rompa a causa dell’elevata quantità di burro.

Se vi piace, potete aromatizzare l’impasto con della vaniglia o limone grattugiato. L’aggiunta di granella di mandorle, tostata in precedenza, può dare una nota croccante al ripieno.

Un accorgimento: vi sconsiglio di utilizzare la carta forno per rivestire la vostra teglia, la cottura ne trarrà vantaggio.

Se non ci credete, guardate il risultato.

Noi ci siamo divertiti, abbiamo fatto movimento, siamo stati bene insieme in relax.

E abbiamo sfornato torte bellissime.

Come farete voi a casa seguendo di corsa questa semplice ricetta.

I Castagnoni. Località Castagnoni, 67. Rosignano Monferrato (Alessandria). Tel. +39 0142 488404

2 Commenti

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui