Mozzarella di Bufala congelata. Come firmare la petizione popolare per evitare la frozen Dop

Notizie

Alla domanda se aveste mai chiesto la Dop per la Mozzarella di Bufala Campana frozen, cioè congelata, in molti avete risposto di no.

Valentino Tafuri, pizzaiolo protagonista della rivoluzione della pizza che ha la sua pizzeria 3Voglie a Battipaglia, ha fatto di più.

Ha chiesto di dargli una mano per evitare quello che ha ritenuto subito uno scempio e ha dato vita a un Comitato innanzitutto per far comprendere a tutti perché la frozen rappresenta un pericolo per la VERA mozzarella di bufala e poi per evitare il triste declino di una delle eccellenze del tanto citato Made in Italy agroalimentare.

Cosa sta succedendo? Il nuovo Consiglio Direttivo del Consorzio di Tutela della Mozzarella di Bufala Campana DOP ha fatto appena in tempo ad insediarsi che ha avanzato una richiesta di modifiche, ma sarebbe meglio parlare di stravolgimento, del disciplinare.

Obiettivo, lecito: vendere di più. Non convince, però, la strada intrapresa.

La previsione di 5 tipologie di mozzarella in luogo dell’unica e irripetibile che conosciamo con la creazione della frozen e della se possibile ancor più raccapricciante “Esclusivamente per uso professionale – non destinato al consumatore finale” lascia intendere container di filoni e vasche per pizzerie all’estero ma ovviamente anche in Italia.

La combinazione con l’ulteriore richiesta di far perdere alla mozzarella DOP la tipicità di un prodotto fresco finito per farla diventare ingrediente per ulteriori prodotti e per commercializzarla, nel caso (sic) anche senza acqua di governo diventa mortale.

Chi mai vorrà comprare mozzarella di bufala fresca pagando l’inutile prezzo di trasporto dell’acqua di governo? Se pensate che la mozzarella di bufala arriverà soltanto ai poveri pizzaioli statunitensi che non sanno come fare per acquistare mozzarella (in realtà si servono da 200 caseifici americani che con le sovvenzioni governative dovrebbero diventare più di 2.000), chiedetevi quanto incide il costo di trasporto della stessa necessaria acqua di governo da Salerno o Caserta fino a Roma e a Milano.

Risultato: meglio commercializzare la più conveniente, per prezzo, mozzarella frozen.

Come evitarlo? Con un’azione di moral suasion sul Ministro dell’Agricoltura Maurizio Martina. Il Ministero ha dato la delega di tutela al Consorzio e quindi è il primo soggetto a dover approvare i cambiamenti. Poi verrà l’Europa sulle cui secche spesso ci siamo arenati.

Per sensibilizzare il Ministro, i caseifici, gli allevatori, i pizzaioli, gli chef abbiamo pensato di lanciare una petizione.

Ve la proponiamo chiedendovi di firmarla se siete d’accordo. È un piccolo sforzo che potrà aiutare a conservare quella tipicità che la fredda mente di un calcolatore vuole abrogare.

No frozen, Sì Mozzarella: se la volete fresca, firmate!

Potete farlo subito on line, ma vi daremo ulteriori e gustosi motivi per recarvi di persona a firmarla.

Petizione per il no alla Mozzarella di Bufala congelata DOP

Petizione popolare per chiedere la bocciatura delle modifiche al Disciplinare avanzate dal Consorzio Tutela della Mozzarella di Bufala Campana DOP

La mozzarella di bufala è uno dei prodotti gastronomici italiani più conosciuti al mondo e tra i maggiori segni identificativi della nostra produzione agroalimentare e artigianale.

La sua importanza nel panorama nazionale è tale che alla mozzarella di bufala è stata riconosciuta nel 1996 la garanzia e la tutela riservata alla Denominazione di Origine Protetta (DOP), cioè il massimo grado di tutela per un prodotto agroalimentare.

La tutela e il rispetto del disciplinare di produzione è stato affidato dall’Italia al Consorzio Tutela Mozzarella di Bufala Campana DOP che deve vigilare sul prodotto immesso in commercio, rappresentare l’intera filiera produttiva e garantire l’applicazione delle singole norme tra cui quella che statuisce che “La Mozzarella di Bufala Campana è prodotta esclusivamente con latte di bufala intero fresco” (art. 3), cioè l’essenza stessa del prodotto che ha ricevuto il beneficio della DOP.

La cronaca ha dimostrato più volte che questa attività di controllo è purtroppo fallace (si guardi all’ultimo caso dello scandalo della mozzarella di bufala con soda caustica) a danno dei consumatori che sembrano esterni al meccanismo di tutela, ma cui sono dirette le azioni – positive e negative – del consorzio.

A distanza di 5 anni (luglio 2012), il Consiglio Direttivo del Consorzio ha presentato nuove richieste di modifica del disciplinare di produzione (già modificato nel 2008) per cercare di riproporre nelle fasi di produzione il congelamento già sonoramente bocciato. Dopo i reiterati tentativi di rendere possibile l’utilizzo per la mozzarella di bufala DOP del latte congelato e poi della cagliata congelata, la nuova richiesta di una mozzarella congelata – che quindi si inserisce nella fase finale della produzione – cerca con artificio di introdurre nel disciplinare pratiche che sono già state bocciate in tempi diversi.

Per far questo, il Consorzio chiede espressamente di far perdere alla mozzarella “la tipicità di un prodotto fresco finito che potrà essere utilizzato come ingrediente per ulteriori prodotti e potrà essere, nel caso, commercializzata anche senza acqua di governo”.

Le modifiche immaginano 5 diverse tipologie di una mozzarella non conosciuta dalla tradizione e dalle buone pratiche. In particolare il Consorzio vuole far produrre ai propri consorziati mozzarella “Esclusivamente per uso professionale – non destinato al consumatore finale” (IV), come se questo prodotto non dovesse far parte dell’alimentazione umana e, soprattutto, mozzarella “Frozen”, cioè congelata (III) in totale spregio alle bocciature degli anni scorsi.

Poiché la mozzarella di bufala identifica un territorio e una capacità di produrre eccellenze alimentari, rivolgiamo questa petizione ai tanti italiani e non italiani che amano e mangiano la vera mozzarella di bufala che esiste da 500 anni e che ora sono considerati numeri insufficienti per le politiche commerciali del Consorzio che dovrebbe garantire tutela al prodotto originale scoraggiando il consumo di finta mozzarella congelata prodotta da altri Paesi e invitando anche a un consumo turistico in loco piuttosto che correre dietro alla logica della quantità a tutti i costi.

Grazie per il supporto che vorrete dare con la vostra preziosa firma.

Questa petizione è stata notificata al Ministro per le Politiche Agricole e Forestali della Repubblica Italiana

Il Comitato promotore della petizione

  1. Vitale Torsiello – Presidente Confesercenti Battipaglia
  2. Valentino Tafuri – Pizzeria 3 Voglie (Presidente)
  3. Nunzio Vitolo – Presidente Associazione a717 Battipaglia (Segretario)
  4. Cosimo Paraggio – “Caseificio la Fattoria”
  5. Aldo Ambrosca – “Caseificio Collebianco”
  6. Vincenzo Citro (Rapporti con i caseifici)
  7. Antonio Mogavero – Lol Pizzeria
  8. Giuseppe Salvatore – Consigliere Comunale Battipaglia (Rapporti con le Amministrazioni)
  9. Lazzaro Iemma –  “Caseificio Iemma”
  10. Davide Ciancio – Chef “Nostro”
  11. Helga Liberto – Chef Pizzaiola “Pizz Art” (Rapporti con le pizzerie)
  12. Daniele Palo – Casa Bufala
  13. Maria Provenza – Frantoio Torretta
  14. Giuseppe Bovi – Consigliere Comunale (Rapporti con le Amministrazioni)
  15. Carmine Libretto – Direttore Confagricoltura Salerno
  16. Rosario Rago – Presidente Confagricoltura Salerno e componente Giunta nazionale Confagricoltura
  17. Vincenzo Pagano – Scatti di Gusto
  18. Sergio Miccù – Presidente dell’associazione Internazionale “APN Associazione Pizzaiuoli Napoletani” (Rapporti con le pizzerie nel mondo)
  19. Francesca Napoli – Assessore allo Sviluppo e all’Agricoltura Comune di Battipaglia

 

Di Vincenzo Pagano

Fulminato sulla strada dei ristoranti, delle pizze, dei gelati, degli hamburger, apre Scatti di Gusto e da allora non ha mai smesso di curiosare tra cucine, forni e tavole.