Gino invade Instagram e Sorbillo lancia la pizza Gino

53 Condivisioni

Gino è a casa! Joe Bastianich partecipa alla campagna su Instagram avviata dallo youtuber blurs7 aka Gianmarco Tocco che ha chiesto al suo mezzo milione di follower di commentare con un semplice Gino le foto che apparivano sul social.

La risposta non si è fatta attendere e il secco commento Gino è apparso nelle timeline di personaggi famosi e semplici utilizzatori.

Il movimento di commento è stato intercettato dai vari media che hanno commentato l’invasione di Gino nei profili Instagram.

E le critiche sono piovute senza risparmio.

Repubblica ha bollato l’iniziativa come l’ultima follia del 2017.

Ma in realtà la campagna Gino è continuata anche in questo 2018 in un gioco che ha portato a chiedere a molti chi cavolo fosse questo Gino che appariva sulle foto di politici, attori, influencer come Chiara Ferragni o calciatori, ma anche semplici utilizzatori di Instagram.

E Gino è arrivato anche ai protagonisti del mondo del cibo. Non solo Joe Bastianich, ma anche il super seguito Antonino Cannavacciuolo ha avuto il suo profilo commentato con tanti Gino.

E ci ha giocato anche Gino Sorbillo poiché in parecchi hanno invaso il suo profilo commentando con il nome suggerito da blur7.

“All’inizio pensavo fosse un saluto per l’anno che stava terminando, ma poi una serie di messaggi che mi chiedevano se avessi avviato io la campagna Gino su Instagram mi ha fatto ritrovare il mio nome su tantissimi profili. E allora ho giocato anche io e ho messo in menu una nuova pizza, Gino appunto. Così nei commenti i miei follower e i clienti potranno commentare sulla Gino!”

Sarà un caso, ma anche il 2018 dei social inizia con la pizza che sembra avere ancora molta attrattiva soprattutto su Instagram. Gino permettendo, ovvio.

53 Condivisioni

- martedì, 2 gennaio 2018 | ore 13:05

Un commento su “Gino invade Instagram e Sorbillo lancia la pizza Gino

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.