Quali sono i cannoncini più buoni di Milano?

Ne abbiamo provati a decine e decine: non potevamo certo entrare in una pasticceria e chiedere un solo cannoncino.

L’apertura di Serge, in Duomo a Milano, specializzato in cannoncini, mi ha fatto pensare alla pasticceria d’antan, di un tempo, diciamo generalista, in cui le vetrine erano meno sfavillanti e ricolme di oggi, e anche i pasticcini erano diversi.

I classici cannoncini e bignè resistono ancora, certo, anche se i bignè tendono a ricoprirsi di glasse sempre più lucide e di colori sempre più improbabili. In generale, la piccola pasticceria mi sembra in transizione da un mondo solido, di basi di frolla riempite di creme e frutti, di biscottini e cioccolatini leziosi ma sostanziosi, a un mondo più morbido, di cremine, mousse, ganache, di stratificazioni di gusti in cui il cioccolato non la fa più da padrone – e con risultati senza dubbio interessanti.

Ma, in attesa di iniziare un’esplorazione più complessa del mondo della pâtisserie, partiamo dai cannoncini. Che vengono venduti, quasi dappurtutto, a 1,30/1,50€ al pezzo.

10. Spezia

Una pasticceria di periferia, quasi all’imbocco dell’autostrada A7. Un negozio grande, vetrine scintillanti, piene di colori. I cannoncini, nella normalità.

Spezia. Via Spezia, 26. 20142 Milano. Tel. +39 0289504994.

9. Cucchi

Non amo tutto, di Cucchi, pasticceria “storica” milanese. E i suoi cannoncini sono, anche loro, normali, buoni come quelli che si trovano dopo il decimo posto.

Cucchi. Corso Genova, 1. 20123 Milano, Tel. +39 0289409793.

8. I Dolci Namura

Buoni, i cannoncini di Namura, buona la crema, buona la sfoglia.

I Dolci Namura. Via Castelvetro, 16. 20154 Milano. Tel. +39 0234534176.

7. Iginio Massari

Aperto da pochissimo, il negozio di piazza Diaz è sempre costantemente affollato, con code sia al banco che alla cassa. Ho provato sia i cannoncini con crema che quelli con lo zabaglione: buoni i primi, non straordinari; lo zabaglione l’ho trovato un po’ troppo alcolico. Probabilmente le mie attese erano troppo alte, e non mi sono entusiasmato. Devo farmi coraggio, affrontare la calca, e ritentare l’assaggio.

Iginio Massari. Via Guglielmo Marconi, 4n06. 20122 Milano. 

6. Martesana

Il discorso è sempre quello: il sesto posto della Martesana non è molto distante dal quinto, ma nemmeno dal quarto. Diciamo che sulla posizione ha pesato un eccesso di limone nella crema del cannoncino – che sicuramente è un caso, già a un secondo assaggio mi è sembrato che il limone fosse meno presente.

Martesana. Via Cagliero, 14. 20125 Milano. Tel. +39 0266986634 – Via Sarpi, 62. 20154 Milano, Tel. +39 0299265069 – Piazza Sant’Agostino, 7. 20123 Milano. Tel. +39 0247760201. 

5. Panarello

Un classico, anche questo. Già ai tempi dell’università (mia) il cappuccino-cannoncino era un appuntamento fisso. La ditta in realtà è ligure (ha anche una sede a Rapallo), nasce nel 1885, e ha due o tre sedi qui in città (la prima dal 1930). Buono il pandolce, dolce tipico; molto buoni i cannoncini.

Panarello. Via Speronari, 3. Tel. +39 02 86462264 – Via Tolstoj, 1 (Portici di Via Savona). Tel. +39 02 37072033 – Piazza San Nazaro in Brolo, 15 (angolo Corso di Porta Romana). Tel. +39 02 87128284 – Piazza S. Francesca Romana, 1. Tel. +39 02 29531093 – Via della Moscova, 52 (angolo Largo la Foppa). Tel. +39 02 87141481. Milano.

4. Polenghi

Una piccola vecchia pasticceria in via Lamarmora, dalla porta in fondo si vede il laboratorio, il forno, e il signor Polenghi, capelli bianchi, che inserisce teglie e tortiere. Il cannoncino, preso la sera e portato a casa, è fresco e croccante, non troppo inumidito: la crema, è una delle più buone sulla piazza. Ho letto da qualche parte che li farciscono al momento: quelli che ho preso io erano già pronti su un bel vassoio in vetrina, pieno per metà.

Polenghi. Via Alfonso Lamarmora, 31. 20122 Milano. Tel. +39 0255185013.

3. Supino

Un mito – sia per la bontà, sia per la difficoltà – altrettanto mitica – ad approvvigionarsene. Si dice infatti che i proprietari facciano difficoltà a servirne, sembra perché essendo buonissimi sono richiestissimi, a discapito delle altre paste mignon. A questo si aggiunga che molto spesso, andando a prenderli verso sera, risultano esauriti (così mi dicono) – e comunque non sono mai esposti, e bisogna chiederli espressamente, e solo con blandizie varie, a volte, si riesce ad averli – come ha fatto mia cognata, che li aveva recuperati per un compleanno di mia madre, sua suocera. Detta così, sembra quasi un posto “alla memoria” – e in effetti, sono andato diverse volte, prima di trovarli. Ma ne è valsa la pena. Ma vale anche un terzo posto.

Supino. Via Cesare da Sesto, 1. 20123 Milano. Tel. +39 0289404058.

2. Serge

Abbiamo già detto che è un’apertura abbastanza recente. E ha puntato sulla novità: cannoncini mantenuti tiepidi da una specie di rastrelliera riscaldata, più lunghi del normale, farciti al momento, con creme diverse. Anche il prezzo è più lungo degli altri, ma è giustificato appunto dall’estensione: 1,70 € (all’apertura era 1,90 €: a quanto pare, è stata operata una saggia limatura). Tra le farciture, la crema è buona, forse un po’ meno le altre, zabaglione, nocciola.

Serge. Via Giuseppe Mazzini, 8. 20123 Milano. Tel. +39 0289094918.

1. PastiChéri

Una pasticceria piccola piccola, in fondo a via Canonica; un nome indovinato; un banco-vetrinetta colorato di dolcezza; un paio di frigoriferi a vista con torte creme e semifreddi; l’aria gentile che si respira; un buon cappuccino. E dei cannoncini che sono diventati i miei preferiti al primo assaggio, preferenza confermata negli assaggi successivi. Delicata e friabile la pasta, delicata la crema, una meraviglia.

PastiCheri. Via Luigi Canonica, 72. 20154 Milano. Tel. +39 0234930098.

0. E il cannoncino di Cracco?

La foto non è un gran che, ma non credo così brutta da suscitare un caso, come la mia foto della pizza. Lo metto comunque fuori classifica, pur essendo un prodotto di alta pasticceria, e avendo Cracco in Galleria una vera e propria pasticceria, staccata dalle cucine: la nostra classifica comprende solo pasticcerie “pure” – e poi basta con tutto questo parlare del bistrot di Cracco: lui è chef, mica pizzaiolo o pasticcere. Comunque, il cannoncino di Marco Pedron, pastry chef o come lo si voglia chiamare, è decisamente buono.

E ora tocca a voi, amici di tastiera: qual è il cannoncino alla crema più buono di Milano?

[Immagini: Emanuele Bonati, Facebook, Milano a Modo Mio, Serge]

8 Commenti

  1. mi sa che non avete mai provato i cannoncini della pasticceria Romeo in via anguissola angolo piazza bande nere. sono FA-VO-LO-SI.

  2. Salve. Per come la so io i cannoncini di Serge li farebbe la pasticceria Roberto di Erbusco con un macchinario apposito (dalla foto si vede che non sono arrotolati a mano). Confermate?

  3. Per anni ho amato il cannoncino di Panarello ma pochi giorni fa ho acquistato il suo famoso Kranz e le altrettanto famose fette biscottate e ho trovato due prodotti assolutamente non freschi anzi .
    e anche il cannoncino preso al banco con il caffè era vecchio.
    molto meglio Serge o Massari o Marchesi

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui