Hanno assaggiato la pizza del distributore automatico e sono ancora vivi per raccontarlo

Tempo di lettura: 3 minuti

Forse già lo conoscete il distributore automatico di pizza Buttonmeal.

Si tratta di totem simili a quelli che erogano bibite o snack, così come ce ne sono tanti nei punti di affluenza di pubblico e di turisti, solo che invece di un moccaccino, con qualche moneta la macchina sdogana una pizza calda, con topping a scelta, pronta da portar via direttamente nel cartone.

L’invenzione non è nuova, ma nel Paese della pizza per eccellenza, a parte uno scellerato esperimento del 2012 a Sorrento (ma si può?) non ha avuto gran seguito.

Invece all’estero, dove la ruota con la pummarola ‘ngopp è particolarmente amata, questi apparecchi hanno trovato una loro, seppur minima, ragion d’essere.

Senza andare troppo lontano: appena passato il confine con l’Austria, alcuni villaggi vacanze che non offrono servizio di ristorazione hanno installato simili “pizzamatic” per i residenti, tra cui anche molti italiani. E se in circostanze normali, probabilmente ci volteremmo dall’altra parte, quando la voglia matta ci assale si affaccia un pensiero: perché non investire pochi euro e tentare l’assaggio?

Ebbene, Roberto si è buttato ha scoperto che la pizza dalla macchinetta non è la peggiore che possa capitare di mangiare.

La macchina in questione è un erogatore tra i più semplici che non impasta e non condisce.

Va ricaricato periodicamente di pizze surgelate crude, nei gusti che decide il gestore.

Nel nostro caso, si poteva scegliere tra “margherita” a 5 € e “salami” (cioè col salamino piccante) per 6 €.

L’esterno della macchina strilla origini italiane a caratteri cubitali: oltre alle immagini di pomodori succosi e candide mozzarelle, sui lati il disegno a tutta altezza della penisola colloca ogni ingrediente nella rispettiva regione, olio pugliese, origano calabrese, prosciutto trentino, pomodoro campano e così via, senza conservanti né coloranti.

Il risultato sarà all’altezza delle promesse?

Ecco cosa ci ha riportato.

“Inserite le monete, ci vogliono dai 3 ai 5 minuti per una pizza, che esce calda dal forno a infrarossi. L’aspetto è abbastanza sintetico, ma non il sapore. Certo, niente a che vedere con i nostri maestri dell’arte pizzaiola celebrati dall’Unesco, ma nemmeno tanto diversa dalla media di quelle servite nelle pizzerie oltreconfine.

L’impasto risulta ben lievitato e ben cotto, senza bruciature. Il condimento è sufficiente per garantire un morso succulento, senza seccare o bagnare troppo la superficie. La passata non è condita, ma abbastanza dolce, magari la mozzarella campana è più millantata che reale.

Nel complesso, un prodotto industriale, diversa da una margherita di un Pepe o un Sorbillo ma lo è anche quella di Cracco.

Certo non si può pretendere l’artigianalità a questi livelli, ma si fa mangiare e soprattutto digerire senza effetti secondari.”

Ma il nostro cronista è andato anche oltre.

La margherita che vedete qui sopra è stata preparata da una pizzeria della stessa zona (in Austria, poco oltre il confine con l’Italia) e costa 6 €: le differenze sono davvero minime (e il basilico ce l’ha messo lui…).

Il suo giudizio finale: “Non è la peggiore che mi abbiano servito, perfino in Italia”, sostiene Roberto C.

Voi avreste avuto lo stesso coraggio?

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui