A Chiavari il mio amico Andrea Grillo l’anno scorso preparava ottimi hamburger al Circolo dello Sport, sul Lungomare Cristoforo Colombo.

Sono tornato a trovarlo, ma questa volta alla Bottega Nazionale, in centro, sotto i portici di via Rivarola.

Il locale è piacevole: vecchio stile, interni con volte e mattoni a vista, qualche affresco alle pareti, tavoli in legno e sedie da trattoria, un sacco di dettagli e complementi che fanno pensare agli anni Trenta, come scatole per i biscotti, oggetti, bottiglie, vecchie insegne.

Il menu di mezzogiorno è affidato ad Andrea. Cambia tutti i giorni, a seconda delle disponibilità, e magari di come si sveglia la mattina, e presenta piatti per lo più di chiara impronta ligure, con qualche tocco originale.

Ho iniziato con i ravioli di patate al ragù di seppia. Molto molto buono il ragù (ricetta di famiglia?), saporito, ben fatto. Prezzo: 7 €, come gli altri due primi del (mezzo)giorno, pasta fredda alla trapanese e trofie al pesto avvantaggiate.

Il baccalà al forno alla ligure (olio aglio capperi acciughe), nonostante fosse stato cotto nel latte, era rimasto ancora un po’ salato, anche se le patate sottostanti erano state cotte senza sale proprio per questo. Ma il tutto è risultato ugualmente gradevole. 9 €.

Andrea mi ha fatto assaggiare anche l’asado (9 €), con i pomodori dell’orto.

Gli altri secondi (a 8 €) sono una buona torta di zucchine e patate (l’assaggio qui sopra) e un’insalatona.

Il dolce: mousse alla pesca, fresco e delicato. Gli altri dolci: cremoso al caffè e cannella, pere al vino rosso (ero molto tentato da queste ultime, sono anni che non le mangio). Tutti i dolci a 3,50 €.

Il menu di mezzogiorno a prezzo fisso (14 €) comprende primo, secondo, acqua, moka (carino, questo ritorno della moka che si comincia a vedere in giro).

Mi sono anche fatto fare un cocktail, giusto per assecondare la moda (che non è poi così balenga – sarà perché i cocktail mi piacciono) dal barman Luca Ravettino: Gin del Prof à la Madame, italiano, molto aromatico, liquore di cumino (Kummel) e di chinotto, tutti della distilleria Quaglia, lime e spruzzata di assenzio.

La sera invece la cucina viene affidata al cuoco titolare, Andrea Carlini. I suoi menu cambiano all’incirca ogni due mesi, per adeguarsi ai prodotti di stagione. E hanno dei titoli originali, come “I ritorni di fiamma servono solo per le grigliate”, o “Perché fidarsi è bene ma mangiare è meglio, vero?”. Da provare anche solo per scoprire cosa c’è dietro il nome.

Mi riprometto di tornarci la sera, quindi. Anche per capire fino in fondo il locale. E la classifica dei locali più votati di TripAdvisor, che vede la Bottega al 10° posto su 131 (quella letta l’altro giorno sul Levante, quotidiano di questa parte della riviera ligure, la metteva al 14°, secondo i dati raccolti il 14 agosto).

Bottega Nazionale. Via Rivarola, 44. Chiavari. Tel. +39 0185311740.