Sabato 30 e domenica 31 marzo torna per il secondo anno nelle piazze di tutta Italia “Il Pomodoro. Buono per te, buono per la ricerca“, iniziativa per raccogliere fondi per la ricerca scientifica sui tumori infantili, ideata e promossa dalla Fondazione Umberto Veronesi con il contributo di ANICAV e RICREA e che, come lo scorso anno,  annovera tra le proprie file come testimonial lo chef bistellato Gennaro Esposito (sì, quello di IT, la nuova apertura in Brera che lo vedrà sovrintendere alla cucina), sempre attento e sensibile alle iniziative benefiche.

Dopo il successo dello scorso anno, con oltre 200.000 € raccolti, anche quest’anno i volontari di Fondazione Umberto Veronesi  per l’intero weekend saranno impegnati nelle piazze per sostenere la ricerca scientifica rivolta a trovare una cura alle malattie oncoematologiche dei più piccoli.

Shopping. I migliori pomodori pelati italiani

Saranno loro, a fronte di una donazione minima di 10 euro, a distribuire in oltre 160 piazze italiane una confezione con tre lattine di pomodori, nelle versioni pelati, polpa e pomodorini: un’iniziativa resa possibile grazie alla collaborazione ed al sostegno appunto di ANICAV  e RICREA.

Gli artefici dell’iniziativa

Fondazione Umberto Veronesi, che nasce nel 2003 per volontà del Prof. Umberto Veronesi per promuovere il progresso scientifico, concentrando il proprio operato in due aree: finanziamento alla ricerca scientifica d’eccellenza, motore del progresso scientifico, e divulgazione scientifica, perché le scoperte della scienza diventino patrimonio di tutti.

ANICAV(Associazione Nazionale Industriali Conserve Alimentari Vegetali), che vede la luce a Napoli il 5 febbraio 1945, è la più grande associazione di rappresentanza delle imprese di trasformazione di pomodoro al mondo per numero di imprese aderenti e quantità di prodotto trasformato, associa l’80% delle aziende operanti sul territorio nazionale che trasformano circa il 70% di tutto il pomodoro lavorato in Italia e la quasi totalità del pomodoro pelato intero prodotto nel mondo, facendone un simbolo del made in Italy.

RICREA (Consorzio Nazionale per il Riciclo e il Recupero degli Imballaggi in Acciaio), che promuove e agevola la raccolta differenziata degli imballaggi usati di acciaio come scatolette, bombolette, barattoli, fusti e tappi corona.

Il testimonial: Gennaro Esposito

Anche quest’anno, come già accaduto nella precedente edizione, la “punta di diamante” dell’evento è lo chef bistellato Gennaro Esposito, che anche questa volta, oltre a deliziare gli intervenuti alla conferenza stampa di presentazione  con un piatto popolare come la “puttanesca”, ha ribadito l’importanza per gli chef di una materia prima quale il pomodoro.

Le proprietà del pomodoro

Da sempre ingrediente fondamentale nella dieta mediterranea, è un frutto con pochi zuccheri, ricco di fibre, vitamine C ed E e sali minerali, quali potassio e fosforo.
È Giovanni De Angelis, direttore generale ANICAV a ricordarcene le tante proprietà salutistiche.

L’importanza della filiera

Perché serve un prodotto di qualità, in possesso di tutte le caratteristiche tipiche del pomodoro, degno di essere chiamato “oro rosso” non solo per motivi commerciali, come ricordato da Gennaro Velardo, presidente di Italia Ortofrutta, cooperativa che  ha il compito di assistere, orientare e tutelare gli associati nelle loro attività produttive e mercantili.

L’utilizzo dei fondi raccolti

È l’argomento caro a tutti, perché non basta ricordare che il pomodoro contiene molecole bioattive come i polifenoli, potenti antiossidanti, e i carotenoidi tra cui il licopene, studiato come coadiuvante nel potenziamento del sistema immunitario e nella prevenzione di alcuni tipi di tumore.

Serve anche sapere che, come raccontato da Paolo Veronesi, presidente della Fondazione Veronesi, ogni anno in Italia si ammalano di cancro circa 1.400 bambini di età compresa tra 0 e 14 anni e circa 800 adolescenti fino a 19 anni. Grazie agli enormi passi avanti fatti dall’oncologia pediatrica e dalla ricerca scientifica, oggi il 70% di questi tumori infantili guarisce, con punte dell’’80-90% nel caso di leucemie e linfomi, e che si punta sempre più verso numeri sempre più alti in termini di percentuale di guarigione.

Insomma, al posto vostro farei il classico “nodo al fazzoletto”: sabato 30 e domenica 31 marzo, “Il Pomodoro. Buono per te, buono per la ricerca”, oltre 160 piazze italiane per acquistare la confezione con tre lattine di pomodori, nelle versioni pelati, polpa e pomodorini,. Darete, anzi, daremo una mano alla ricerca scientifica in ambito pediatrico.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui